Home / Sport / Formula Uno / Gran Premio di Spagna, show Ferrari: Alonso primo e Massa terzo

Gran Premio di Spagna, show Ferrari: Alonso primo e Massa terzo

formula 1 gp spagna 2013

Come nelle previsioni della vigilia, la Ferrari domina il Gran Premio di Spagna. Non avevano destato preoccupazioni le prestazioni delle due Mercedes che, nel giorno delle qualifiche, erano arrivate entrambe in prima fila. Si sa infatti che le auto tedesche hanno molti problemi di degrado gomme, e non solo, durante la gara, e così si capiva che sarebbe stata come al solito una disputa tra Ferrari e Red Bull. A complicare le cose ci si è messa anche una penalizzazione ai danni di Massa che, ottenuta la sesta posizione in qualifica, è stato retrocesso in nona a causa di una manovra sbagliata che ha ostacolato il giro veloce di Webber.

Nonostante tutto ciò, il Gran Premio di Catalogna non è mai stato messo in discussione. Allo spegnere dei semafori infatti, Alonso ha uno scatto bruciante e, dopo due curve, ha già guadagnato due posizioni passando dal quinto al terzo posto. Lo stesso fa Massa che passa dalla nona alla quinta posizione nell’arco del primo giro. Male invece le Mercedes, in particolare quella di Hamilton che parte male, perdendo alcune posizioni nel primo giro, e per tutta la gara avrà un ritmo simile a quello degli ultimi, tanto che a metà corsa verrà doppiato e chiuderà in dodicesima posizione.

La gara lì davanti è invece emozionante. Nico Rosberg cerca in tutti i modi di limitare il degrado della sua auto (non solo delle gomme, ma dell’intera vettura) per quanto può, ma Alonso e Vettel sono troppo più veloci e così nell’arco di pochi giri lo superano. Non riescono però a scappar via perché Raikkonen rimane sempre a portata e fa una gara tutta di strategia. Puntando su una sosta in meno degli avversari infatti, si limita a non farsi staccare troppo, ed alla fine avrà ragione perché chiuderà secondo.

Per gran parte della gara Alonso fa l’andamento e Rosberg e Vettel si danno battaglia. Quando poi entrano in scena i pit stop piano piano Rosberg perde terreno e va a battagliare nelle retrovie con Webber e Massa, mentre a ridosso di Vettel si fa Raikkonen. Dopo metà gara però le gomme delle Red Bull cominciano a perdere colpi mentre Raikkonen compie l’errore di rimanere troppo tempo in pista con gli pneumatici usurati. La situazione al quarto ed ultimo pit stop vede Alonso tranquillamente al primo posto (ed anche un po’ fortunato perché buca una gomma, ma lo fa a poche curve dalla corsia dei box, quindi fa in tempo a tornare per il cambio prima di perdere troppo terreno), Raikkonen che sfrutta il passaggio in meno ai pit per attestarsi in seconda posizione, e Massa che ormai ha sopravanzato tutti gli altri avversari e negli ultimi 13 giri tenta persino di raggiungere il secondo posto. Ma spinge troppo e consuma in fretta le gomme e così, dopo aver dimezzato lo svantaggio nei confronti di Raikkonen, decide di accontentarsi e di salire sul podio. Le Red Bull limitano i danni mentre chi ha ancora molto da lavorare è la Mercedes che in qualifica ed in gara ha due passi completamente diversi. Non era mai successo che delle due vetture partite dalla prima fila nemmeno una andasse sul podio, ed invece Rosberg chiuderà sesto ed Hamilton fuori dalla zona punti. Questa la graduatoria finale del Gran Premio di Spagna 2013:

  1. Alonso
  2. Raikkonen
  3. Massa
  4. Vettel
  5. Webber
  6. Rosberg
  7. Di Resta
  8. Button
  9. Perez
  10. Ricciardo
  11. Gutierrez
  12. Hamilton
  13. Sutil
  14. Maldonado
  15. Hulbenberg
  16. Bottas
  17. Pic
  18. Bianchi
  19. Chilton

Ritirati Vergne, Van Der Garde e Grosjean. Alla luce di questi risultati, dopo 5 Gran Premi, queste sono le prime 5 posizioni del Mondiale:

  1. Vettel 89
  2. Raikkonen 85
  3. Alonso 72
  4. Hamilton 50
  5. Massa 45

Questa invece la classifica costruttori:

  1. Red Bull 131
  2. Ferrari 117
  3. Lotus 111
  4. Mercedes 72
  5. Force India 32
Questo articolo ti è stato utile? Condividilo per aiutarci a scriverne altri, grazie!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Potrebbe interessarti anche:

ecclestone F1

Formula 1, Ecclestone si dimette ma il Circus non si ferma

Resterà per gestire l'ordinaria amministrazione.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments