Home / Salute / Medicina / Peperoni e pomodori per prevenire il morbo di Parkinson

Peperoni e pomodori per prevenire il morbo di Parkinson

nicotina solanacee peperoni morbo di parkinson

Peperoni e pomodori, già da tempo nella lista dei cibi della salute, si candidano a entrare a pieno titolo nella dieta per prevenire il morbo di Parkinson. Un recente studio curato dai ricercatori della University of Washington di Seattle ha infatti scoperto che la nicotina contenuta nelle piante della famiglia delle Solanacee può agire da deterrente nei confronti dei fattori di rischio del morbo di Parkinson.

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Annals of Neurology, è partita da una relazione, scoperta da studi precedenti, tra il consumo di tabacco e il ridotto rischio di insorgenza di morbo di Parkinson. Questa relazione, però, precisano i ricercatori, potrebbe anche dipendere da meccanismi cerebrali che si attivano nei futuri malati di Parkinson, ben prima che compaiano i sintomi della malattia, e che li renderebbe meno propensi a fumare.

peperoni morbo di parkinson nicotinaIl morbo di Parkinson è causato da una progressiva riduzione delle cellule cerebrali che producono dopamina. La malattia provoca disfunzioni alla motilità, con sintomi molto invasivi come tremori del viso, delle mani, delle braccia, delle gambe, rigidità degli arti, perdita di equilibrio, movimenti sempre più lenti e disagevoli. Ogni anno soltanto negli Stati Uniti vengono diagnosticati 60.000 nuovi casi di morbo di Parkinson, nel mondo sono in dieci milioni a soffrirne, stando ai dati diffusi dalla Parkinson’s Disease Foundation. Ad oggi non esiste una cura per il morbo di Parkinson, si interviene stimolando il cervello e trattando i sintomi per cercare di migliorare il più possibile la qualità della vita dei malati e rallentare il decorso della malattia. Ecco perché è importante, ancor più che in altre patologie, capire come prevenire l’insorgenza del morbo.

Il consumo di tabacco, tramite il fumo di sigaretta, è tossico e deleterio per la salute, i ricercatori stanno pertanto cercando di comprendere se anche la nicotina assunta in piccole dosi tramite i cibi abbia la stessa funzione protettiva. Dall’analisi effettuata su 490 pazienti affetti dal morbo di Parkinson, e 644 individui sani, è risultato che chi consumava Solanacee, in particolare peperoni, aveva meno probabilità di ammalarsi, in special modo se non avevano mai fatto uso di tabacco. Malgrado il tabacco contenga più nicotina dei peperoni, la nicotina assunta attraverso la dieta, avrebbe una funzione ugualmente protettiva. Ovviamente saranno necessari ulteriori studi per determinare in che modo agisce la nicotina dei peperoni sull’organismo e se questo effetto è dovuto ad altre sostanze contenute nelle Solanacee.

Fonte: Could eating peppers prevent Parkinson’s? Dietary nicotine may hold protective key – EurekAlert
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

cause fare spesso pipì

Devi fare sempre pipì? Scopri le cause della minzione frequente

Scopri quante volte è "normale" fare pipì in un giorno e quando invece è il caso di preoccuparsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.