Home / Salute / Medicina / Post sbornia, rimedi naturali davvero efficaci e falsi miti

Post sbornia, rimedi naturali davvero efficaci e falsi miti

post sbornia rimedi

Capita a tutti, almeno una volta nella vita, di esagerare con gli alcolici e ritrovarsi il mattino seguente con i postumi di una sbornia da smaltire. Il primo falso mito da sfatare sui sintomi e le conseguenze di una sbronza è che non siano poi così invasivi e debilitanti per l’organismo. In realtà, quando immettiamo così tanti alcolici nell’organismo causiamo un grosso disagio al sistema nervoso centrale, perché il cervello è letteralmente bombardato da un’enorme quantità di sostanze chimiche molto potenti in grado di alterarne la funzionalità. Non a caso quando siamo ubriachi perdiamo la capacità di coordinazione, l’equilibrio, la capacità di parlare correttamente. I sintomi più comuni del post sbornia includono vertigini, mal di testa, nausea, bocca impastata, stanchezza. Inoltre l’alcol stimola eccessivamente la diuresi e può causare disidratazione. Come appare evidente, una sbornia non è propriamente una passeggiata per l’organismo.

aspirina sborniaNon tutti sanno che l’alcol ha un effetto diverso in base al genere. Le donne infatti hanno una percentuale minore di acqua nel corpo rispetto agli uomini e dunque l’alcol tende a concentrarsi più in fretta, mentre negli uomini viene diluito e attutito più facilmente. Dovremmo ricordarcene in quelle serate in cui i drink alcolici sono gratuiti e illimitati per le donne!

Per quanto riguarda la quantità di alcol che porta ad accusare i sintomi del post sbornia, bastano anche due drink per alcune persone. Non è dunque vero che soltanto i bingers, ovvero i bevitori incalliti e coloro che alzano il gomito bevendo un drink dopo l’altro, si sentiranno male il mattino seguente. Mal di testa e nausea incombono anche con un paio di cocktail a volte. Un rimedio naturale per prevenire la sbornia consiste nell’alternare gli alcolici all’acqua o a bevande analcoliche. In questo modo l’organismo si manterrà ben idratato e saremo portati a bere di meno nel corso di una serata.

Ma esistono delle bevande alcoliche che causano meno disagi di altre il mattino seguente? In tanti pensano che il vino sia la scelta migliore quando si vuole minimizzare gli effetti di una super bevuta, ma in realtà contiene tannine, sostanze che scatenano forti mal di testa. Anche i liquori a base di malto, come il whiskey, causano sintomi post sbornia molto estesi ed intensi. L’impatto minore è quello della birra, del gin e della vodka.

mal di testa post sborniaI cocktail dietetici faranno bene alla linea ma non aiuteranno l’organismo a smaltire la sbronza. Gli alcolici ricchi di zuccheri e frutta, infatti, attutiscono l’impatto della sbornia. Quando si consumano alcolici non bisogna farsi ingannare dalle dimensioni del bicchiere. A contare è la quantità di alcol. Una birra media può contenerne meno di un bicchierino di liquore infinitamente più piccolo.

Ma a danno fatto, quali sono i rimedi naturali contro la sbornia davvero efficaci? Alcuni pensano che mangiare dopo la sbornia sia d’aiuto. In parte è vero perché rallentiamo l’assorbimento di alcol, ma l’ideale è mangiare prima di bere. Ottimi i carboidrati e i grassi. Pasta e pizza prima di un drink aiutano a limitare l’impatto dell’alcol sull’organismo. Prima di andare a letto è bene inoltre bere tanta acqua per combattere la disidratazione.

E per quanto riguarda i farmaci? Quali sono quelli più efficaci? La prima tentazione, quando abbiamo un mal di testa imputabile alla sbornia, è di assumere un analgesico. Ma l’antidolorifico ha il suo picco dopo circa quattro ore e quindi prenderlo prima di andare a letto non serve a nulla. Meglio assumerli al mattino seguente appena svegli. Ma ricordatevi che l’alcol interagisce con alcuni principi farmacologici, ad esempio l’acetaminofene, il comune paracetamolo, insieme all’alcol può danneggiare il fegato.

Se soffrite d’insonnia non affidatevi all’alcol perché benché vi faccia crollare prima incide sulla qualità del sonno, diminuendo il tempo del riposo in cui il nostro organismo è in fase REM, la parte più importante. Il risultato è che ci sveglieremo stanchi anche dopo tante ore di sonno perché sarà un sonno “leggero”.

Alcune persone pensano che bere alcolici al mattino dopo una sbornia faccia sentire subito meglio. In parte è vero perché avvertiamo il maggior disagio quando i livelli di alcol nel sangue crollano improvvisamente a zero ma bere al mattino non fa che rimandare questo momento. Insomma, non c’è scampo ai sintomi della sbornia. Inoltre chi avverte l’esigenza di bere appena sveglio dovrebbe contattare un medico perché è un segnale spia di dipendenza.

ubriacaturaE veniamo ad uno dei rimedi naturali più utilizzati contro i sintomi del post sbornia: la caffeina. Bere tanti caffè, in realtà, peggiora le cose perché aumenta la disidratazione. Dobbiamo bere tanta acqua e bevande a base di sali minerali, come quelle per gli sportivi, che bilanciano gli elettroliti persi.

Attualmente non ci sono prove sufficienti, a livello scientifico almeno, dell’efficacia contro i sintomi del post sbornia di pillole a base di estratto di carciofo o lievito o integratori a base di fico d’India. Alcune erbe e integratori attutiscono la nausea ma non il mal di testa o il contrario. Insomma, i sintomi di una sbornia sono così tanti e diversi che nessun intruglio miracoloso può farli sparire tutti come per incanto. L’unico rimedio naturale davvero efficace è il tempo.

Attenzione, infine, a non sottovalutare i sintomi di una sbornia particolarmente pesante. Se vedete qualcuno vomitare più volte, svenire, tremare, diventare improvvisamente freddo e bluastro in viso e con il respiro corto e irregolare, è il caso di portalo al pronto soccorso per evitare danni cerebrali e/o da disidratazione molto gravi.

Fonte: 12 Myths About Your Hangover – WebMD
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

pelle arrossata per il sudore prurito

Pelle arrossata per il sudore e prurito: i rimedi più efficaci

Hai la pelle arrossata per il sudore? Il prurito dopo aver sudato non ti dà pace? Ecco i rimedi naturali più efficaci consigliati dai dermatologi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.