Home / Sport / Calcio / Supermercato Spagna, dove la Serie A sogna (e basta)

Supermercato Spagna, dove la Serie A sogna (e basta)

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

fabregas barcellona

L’ultimo della lista è stato Modric, ma prima di lui si sono susseguiti Fabregas, Higuain, Benzema, Di Maria, Marcelo, Coentrao, Montoya, Sanchez e chi più ne ha più ne metta. Ma possibile che tutti questi calciatori possano venire a giocare in Italia? Se ci va bene, ne vedremo solo uno. Sui quotidiani sportivi italiani non si parla d’altro, ovvero delle missioni che i vari Braida, Marotta e Branca stanno portando avanti in terra ispanica per portare in Italia gli scontenti dei grandi club, Real Madrid e Barcellona. Anche perché, diciamocelo, nella Liga oltre a loro non c’è più nulla.

La caccia al top player parte dagli scarti delle grandi squadre, e sembra che debbano venire tutti da noi. Vista la qualità del nostro campionato andrebbe anche bene, ma purtroppo la realtà è decisamente un’altra. Stiano calmi i tifosi e non si facciano prendere dall’entusiasmo perché di queste sceneggiate ne abbiamo viste tante negli scorsi anni. Trattative interessanti che duravano tanto, troppo, e al momento dello sfinimento arrivava lo sceicco di turno e con due telefonate chiudeva la trattativa e faceva rimanere i nostri presidenti con un pugno di mosche in mano.

Prendiamo Higuain per esempio. Per due anni la Juventus diceva che ce l’aveva in tasca, ed ogni volta decideva di rimanere a Madrid. Ora è stato scaricato dal Real, ma finirà sicuramente in Inghilterra, probabilmente al Tottenham, perché al Real interessa Bale e siccome costa 60 milioni serve una contropartita per abbassare il prezzo. Inoltre i bianconeri hanno già preso Llorente, e siccome i due non possono convivere, chi tenere in panchina?

Ma come il Pepita ce ne sono tanti. Sanchez per esempio, che Juve e Inter si contendono fin quasi al ridicolo, ma che alla fine è destinato a rimanere a Barcellona perché Neymar prima del 2014 non arriva e, come abbiamo visto mercoledì scorso, se a Messi viene un raffreddore non ci sono altri attaccanti degni di nota. Va bene i top player, ma quelli che non lo sono? In queste ora si parla di Marc Bartra, difensore centrale del Barça cresciuto nella Cantera. Si dice che il Barcellona voglia prendere un grande centrale da affiancare a Piqué, ma davvero possiamo pensare che giochi tutto l’anno solo con due centrali? Puyol partirà a fine stagione e così, che prenda Thiago Silva o no, l’unica alternativa (se parliamo di alternative decenti) resta proprio Bartra, ed anche se farà molta panchina, i blaugrana non possono più permettersi di giocare come con Guardiola con 2 centrali difensivi tutto l’anno, così se mancava uno lì dietro veniva adattato Mascherano.

A mio parere il massimo del ridicolo lo si è raggiunto questa mattina annunciando Modric e Fabregas rispettivamente ad Inter e Milan. Il motivo per cui non arriveranno mai è uno solo: il Dio denaro. Modric è costato 35 milioni di euro, ed anche se Mourinho il prossimo anno non sarà più al Real, crediamo difficile che possa partire. Anche perché ad ascoltare sedicenti esperti di mercato, tutti i centrocampisti offensivi dei blancos dovrebbero partire. L’unica squadra in cui Modric potrebbe andare, se lasciasse il Real, sarebbe il Chelsea che può permettersi di pagarlo, se non 35, almeno 30 milioni. Per non dire di Fabregas. Davvero il Milan ha 40 milioni da spendere? Ma per favore!

L’unica speranza, tra tutti i calciatori in lista, è che arrivi uno tra Marcelo e Fabio Coentrao, con il primo in vantaggio perché, con l’arrivo al Real di Bale, sicuramente partirà, e non ha un costo elevato come invece quello del portoghese. Lo segue la Juve, ma ricordiamoci che anche il PSG cerca un terzino di qualità, quindi andiamoci piano prima di fregarci le mani.

Foto: Fabregas su Facebook

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments