Terre rare, cresce la domanda e l’UNEP invita al riciclo

di Paola Pagliaro
0 commenti

terre rare

La domanda di metalli, nel mondo, è destinata a decuplicare, mettendo ulteriormente sotto stress le già provate e sovasfruttate risorse minerarie naturali della Terra. A rivelarlo è un recente report dell’UNEP, l’organizzazione per la protezione ambientale dell’ONU. L’UNEP mette in guardia dal picco della richiesta di metalli continuamente alimentato dalla crescita economica in costante salita delle economie emergenti. La soluzione per l’UNEP non passa ovviamente per lo stop alla crescita economica industriale dei Paesi in via di sviluppo. L’UNEP propone piuttosto una strada alternativa alla consueta distinzione tra buoni e cattivi che ormai caratterizza gran parte del dibattito sullo sviluppo sostenibile. Piuttosto che considerare dei nemici le compagnie minerarie e tecnologiche, bisogna sfruttare il loro know how e coinvolgerli in un processo attivo di riduzione dell’impatto delle attività di estrazione e lavorazione. Una strada che passa per un percorso obbligato: il riciclo.

riciclo terre rareOggi, spiega l’UNEP, la domanda di metalli e terre rare, in costante crescita, viene soddisfatta aumentando l’estrazione. Se invece si supplisse a questa richiesta attraverso un sempre più massiccio riciclo si potrebbe evitare di sovrasfruttare ulteriormente le risorse minerarie. L’estrazione di minerali è infatti una delle attività più inquinanti e spesso comporta gravi danni ambientali, sanitari e sociali, dalla contaminazione delle falde acquifere allo sfruttamento della forza lavoro minorile, dalla distruzione delle foreste alla sottrazione di risorse vitali per le popolazioni locali come l’acqua, gli alberi, l’aria pulita.

Perché, si chiede giustamente l’UNEP, se i costi delle attività di estrazione mineraria sono così elevati, non si investe maggiormente nel recupero, nel riciclo e nel riutilizzo delle materie prime? Nel caso dell’alluminio e del rame, il processo di riciclo non è nemmeno così costoso. Dai cellulari alle auto, dai computer ai televisori, c’è una vera e propria miniera già emersa senza necessità di ulteriori estrazioni. Pensate che un’auto moderna contiene quasi tutti gli elementi esistenti.

Secondo l’UNEP le industrie tecnologiche hanno già il know how per rendere più facilmente separabili i singoli elementi e riciclarli a fine vita senza grandi sforzi. L’UNEP suggerisce di agire sui prodotti tecnologici del futuro ma anche sul recupero delle terre rare seppellite sotto milioni di rifiuti nelle discariche e che stanno contaminando i Paesi in via di sviluppo. Occorrono azioni coordinate e globali su tutta la filiera, che coinvolgano anche i Governi nella promozione di iniziative di recupero e riciclo e di normative più restrittive e sostenibili.

Fonte: Demand for metals likely to increase tenfold, study says – The Guardian; Soaring Demand for Metals Calls for Rethink of Recycling Practices, Says International Resource Panel – UNEP
Foto: © Thinkstock

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento