Home / Ambiente / Inquinamento / Moria delle api, prorogato il divieto d’uso dei neonicotinoidi per la concia delle sementi del mais

Moria delle api, prorogato il divieto d’uso dei neonicotinoidi per la concia delle sementi del mais

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

moria api

Si procede di proroga in proroga per il divieto d’uso dei neonicotinoidi per la concia delle sementi del mais. I neonicotinoidi, potenti insetticidi sistemici, sono additati come i responsabili della moria delle api che sta affliggendo da anni l’Italia. Il divieto di uso dei neonicotinoidi per la concia delle sementi di mais era scaduto il 31 gennaio del 2013 ma verrà prolungato, grazie al provvedimento della Commissione consultiva sui prodotti fitosanitari, fino al 30 giugno del 2013.

neonicotinoidi mais moria apiDa tempo gli apicoltori italiani denunciano i danni dei neonicotinoidi alle popolazioni di api, segnalando la moria e lo svuotamento degli apiari, proprio in concomitanza con la bottinatura di polline su fiore di mais. Uno studio tradotto dall’UNAAPI, a firma del Dott. Tennekes, rivela che i danni degli insetticidi sistemici sono molto più vasti e non si limitano a insidiare la popolazione delle api:

L’avvelenamento sistemico non colpisce solo api e insetti impollinatori ma contamina suoli, acque e colpisce per via indiretta molte altre indispensabili forme viventi, fra cui in particolare gli uccelli.

Il Ministero delle Politiche agricole (Mipaaf), dopo il progetto di monitoraggio Apenet, ha promosso il progetto Beenet per valutare l’impatto dei neonicotinoidi e prendere provvedimenti in via definitiva che regolino l’utilizzo dei pesticidi. La Coldiretti critica l’ennesima proroga, invocando al più presto un chiarimento da parte delle autorità scientifiche per porre fine a una situazione di stallo ormai divenuta paradossale. Come sottolinea in una nota l’associazione di agricoltori:

Quest’ennesima proroga del divieto costituisce un’anomalia rispetto all’attuazione del principio di precauzione che si applica con riferimento all’incertezza in merito a rischi relativi ad un periodo circoscritto di tempo che, ormai, si è invece dilatato a dismisura, creando difficoltà sia ai maiscoltori che alle associazioni di apicoltori, ancora in attesa di avere lumi in merito all’esistenza effettiva di un nesso di causa – effetto tra moria delle api e impiego di tali sostanze.

Fonti: Coldiretti; Mieliditalia
Foto: © Thinkstock

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments