Home / Salute / Salute riproduttiva / Gli afrodisiaci naturali funzionano davvero?

Gli afrodisiaci naturali funzionano davvero?

afrodisiaci naturali

Cioccolato, spezie, peperoncini, ostriche, erbe, parti di animali: la lista dei cibi e delle sostanze naturali decantate per le loro proprietà afrodisiache è lunga e varia da Paese a Paese, da cultura a cultura. Ma gli afrodisiaci naturali funzionano davvero? Cosa dice la scienza a riguardo? A rispondere a questa domanda è il dottor Janice B. Swanson sul portale della MayoClinic. L’esperto spiega che ad oggi ci sono poche prove a supporto del potere afrodisiaco di molte delle sostanze naturali che il pensiero comune etichetta come in grado di aumentare il desiderio sessuale e il piacere.

ostricheAlcuni integratori e alimenti, come il cioccolato e i cibi piccanti, talora sono in grado di esercitare una certa influenza sulla libido, ma diverse ricerche hanno dimostrato che sono perlopiù inefficaci nello scatenare eccitazione sessuale sia nelle donne che negli uomini. La mente resta il più potente afrodisiaco naturale e spesso attribuire delle virtù afrodisiache ad un cibo ci porta a provare davvero eccitazione dopo averlo consumato. Un po’ come avviene con l’effetto placebo: se pensiamo di aver ingerito un’aspirina e invece si trattava di una caramella, è probabile che il mal di testa ci passi comunque. Senza contare che anche se alcune sostanze contenute nei cibi afrodisiaci hanno effettivamente un potenziale eccitante, è pur vero che bisognerebbe consumarne quantità industriali per beneficiarne o comunque inserirli nella dieta di ogni giorno, non è certo sufficiente una cena!

Ad ogni modo, precisa Swanson, non c’è niente di male a consumare i cibi ritenuti afrodisiaci naturali per testare sulla propria pelle se funzionano davvero. O almeno, questo vale con la maggior parte degli afrodisiaci naturali. Il medico mette in guardia da alcune sostanze pericolose per la salute che rischiano di provocare effetti collaterali indesiderati ben poco eccitanti.

Alcuni integratori contenenti sostanze tossiche o insetti venduti in diversi Paesi o online possono infatti provocare danni agli organi interni, con conseguenze anche fatali. L’esperto cita il caso della mosca spagnola, spacciata come afrodisiaco naturale, ma in grado di esporre a rischi molto seri, tra cui danni ai reni ed emorragia gastrointestinale.

Bisogna poi prestare molta attenzione a quegli afrodisiaci spacciati come naturali che effettivamente risultano efficaci ma hanno ben poco di naturale. Alcuni di questi prodotti pubblicizzati come miracolosi per aumentare l’eccitazione sessuale e provocare un’erezione, contengono in realtà gli stessi principi farmacologici di farmaci antiimpotenza come il viagra. In molti casi è presente il sildenafil, il principio attivo del viagra, il farmaco più diffuso contro la disfunzione erettile. Assumere il viagra senza un controllo medico e senza avere consapevolezza di eventuali interazioni pericolose con altri farmaci o con malattie in corso, è estremamente pericoloso.

Il consiglio per chi non riesce a condurre una vita sessuale sana e soddisfacente è sempre quello di rivolgersi ad un medico per individuare insieme le cause scatenanti il calo di desiderio e le terapie più efficaci. A volte il problema è generato da una malattia, altre da un disagio psicologico o da una relazione poco serena con il partner, altre ancora dallo stress e da un cattivo stile di vita.

Fonte: Natural aphrodisiacs: do they work? su MayoClinic
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

pillola dell'amore

Pillola dell’amore: non è Viagra ma funziona ancora meglio

In Italia la Pillola dell'amore fa registrare il boom di vendite: oltre 1,2 milioni in un solo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.