Home / Attualità / Cronaca / Attentato di Boston, si segue anche la pista del terrorismo interno

Attentato di Boston, si segue anche la pista del terrorismo interno

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

esplosione maratona boston

Immediatamente dopo le due esplosioni avvenute ieri sera (ora italiana) durante la maratona di Boston, il pensiero è andato all’11 settembre e ad Al Qaida. Tutti abbiamo pensato a qualche attentato terroristico di matrice islamica per una guerra che non è mai terminata, nemmeno dopo l’uccisione del mandante delle stragi del 2001, Osama Bin Laden. Eppure gli inquirenti americani non sono così sicuri che possa trattarsi di questo.

A far riflettere sono state le parole di Obama, stranamente caute e misurate. Il motivo è che ancora gli inquirenti non hanno trovato alcun indizio che possa far pensare ad una pista certa, e non sono arrivate rivendicazioni. L’ipotesi che comincia ad insinuarsi in queste ore è che si tratti di un filone di estremismo interno. Insomma, anche se può sembrare incredibile, dietro l’attentato ci sarebbero altri americani.

L’idea va ricondotta al modo in cui è avvenuto l’attentato. L’esplosione delle due bombe è avvenuta infatti nell’ultimo miglio della gara, quello che ufficialmente era stato dedicato alle vittime della strage di Newtown. Sugli spalti erano presenti i famigliari dei bambini uccisi dal pazzo che qualche mese fa è entrato in una scuola elementare con un fucile d’assalto ed ha ucciso 27 persone. Il sospetto è che l’obiettivo fossero proprio loro.

La pista che in queste ore viene vagliata più attentamente parla di una possibile rappresaglia di un gruppo di estremisti che non sarebbe d’accordo con il provvedimento che il presidente Obama ha preso immediatamente dopo quell’episodio, ovvero la riforma sul reperimento facile delle armi. Se si è trattato di un’azione dimostrativa o di un tentativo di diffondere il panico in modo da portare gli americani a chiedere di sospendere l’atto per farli correre a fare incetta di armi, questo lo sapremo soltanto nelle prossime settimane.

Ma c’è anche un’altra pista interna che si segue. Il fatto che l’attentato sia avvenuto all’inizio di questa settimana ha una valenza precisa, secondo gli investigatori. In questi giorni infatti scade il termine ultimo per pagare le tasse, ed alcuni gruppi radicali antigovernativi vi si oppongono con tutte le forze; inoltre c’è anche l’anniversario del bombardamento di Oklahoma City del 1995 all’Alfred P. Murrah Federal Building, sempre effettuato da gruppi terroristici interni. A conferma di questa ipotesi c’è anche il fatto che la tipologia di esplosivi utilizzata è molto simile sia a quella di Oklahoma City che a quella dell’attentato ad Atlanta dell’anno successivo. In entrambi i casi morirono 2 persone ed un centinaio finirono in ospedale. Più o meno gli stessi numeri dell’attentato di ieri.

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments