Home / Animali / Cani / Artrite degenerativa nel cane, sintomi e cure

Artrite degenerativa nel cane, sintomi e cure

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

artrite nel cane sintomi e cure

L’artrite degenerativa nel cane colpisce le cartilagini articolari delle giunture. Questi rivestimenti lisci ossei sono responsabili del movimento fluido e indolore delle articolazioni. Quando si logorano per via dell’usura le ossa appaiono ruvide e più esposte e sfregano l’una contro l’altra, provocando al cane dolore durante i movimenti e continuando ad usurare ulteriormente le cartilagini, da qui la natura degenerativa dell’artrite.

La cartilagine articolare perde la sua flessibilità. Il cane può essere affetto da artrite da anziano, a causa del normale processo di invecchiamento, oppure in qualsiasi altro momento della vita a seguito di un trauma. Il primo ad essere colpito è il tessuto molle dell’articolazione, sinovia, che si infiamma provocando la sinovite, precursore della degenerazione della cartilagine. Quest’infiammazione, infatti, favorisce il rilascio di mediatori chimici responsabili dell’artrite, in un circolo infiammatorio vizioso.

I sintomi principali dell’artrite nel cane includono:

  • zoppia;
  • gonfiore delle articolazioni;
  • atrofia muscolare;
  • movimenti delle giunture che producono un suono simile ad un crepitio.

cane artriteIl veterinario effettuerà un esame fisico completo e una visita ortopedica, per arrivare ad una diagnosi e potrebbe prescrivere radiografie e altre analisi volte ad escludere malattie con sintomi simili  a quelli dell’artrite. Tra queste figura l’analisi del liquido sinoviale per distinguere l’artrite degenerativa dall’artrite  reumatoide o dall’artrite infettiva.

Per quanto riguarda le cure dell’artrite degenerativa, il cane, se in sovrappeso, verrà messo quasi certamente a dieta per evitare che il peso eccessivo gravi ulteriormente sulle articolazioni, accelerando il processo di usura. Il veterinario potrebbe prescrivere farmaci antinfiammatori non steroidei e corticosteroidi per ridurre l’infiammazione e il dolore. Seguite scrupolosamente le indicazioni del veterinario e prestate attenzione agli effetti collaterali dei farmaci prescritti al cane.

In caso di rottura dei legamenti, potrebbe rivelarsi necessario un intervento chirurgico. Se il cane non riesce a muoversi senza provare dolore, il veterinario potrebbe suggerire un intervento di artrodesi, per fissare l’articolazione, o di artroplastica, volta a ripristinare la mobilità di un’articolazione grazie alla creazione di un nuovo spazio articolare.

A casa, se il cane ha subito un intervento chirurgico, dobbiamo seguire alla lettera le istruzioni del veterinario sulle cure post-operatorie, dall’evitare traumi al cane alla somministrazione dei farmaci nella posologia corretta. Fondamentale portare il cane dal veterinario regolarmente per monitorare l’avanzare dell’artrite e il successo delle terapie. Valutate, insieme al veterinario, l’opportunità di sottoporre il cane ad un programma di fisioterapia. L’artrite degenerativa si previene evitando di far riprodurre cani affetti, dal momento che ha qualche componente ereditaria, e controllando l’alimentazione e il peso del cane. In special modo le grandi razze, se non possono contare su un’alimentazione equilibrata, tendono a sviluppare obesità, mettendo sotto costante sforzo le articolazioni.

Fonte: Degenerative Arthritis in Dogs su Petplace
Foto: © Thinkstock

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments