Home / Sport / Calcio / Coppa Italia: in caso di derby in finale, partita a porte chiuse

Coppa Italia: in caso di derby in finale, partita a porte chiuse

Se ti piace condividi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

coppa italia

Gli scontri di lunedì sera hanno lasciato un brutto strascico sul calcio italiano. Un gruppo di tifosi (o semplicemente di delinquenti travestiti da tifosi) ha scritto l’ennesima pagina vergognosa prima del derby Roma-Lazio. Gli scontri hanno portato 8 persone in ospedale, ferite da coltellate lievi, e all’arresto di 4 tifosi già noti alle forze dell’ordine per altri atti violenti. Questa partita è sempre ad alta tensione e per fortuna si gioca solo due volte l’anno. Ma quest’anno potrebbe rigiocarsi a distanza di poche settimane.

La Lazio infatti ha già conquistato la finale di Coppa Italia battendo la Juventus, mentre la Roma è ad un passo dalla qualificazione dato che ha vinto 2-1 all’andata contro l’Inter. Se dovesse passare dunque, la finale di Coppa Italia sarebbe il derby della Capitale, e gli incidenti sono assicurati. Per questo sono allo studio diverse strategie per evitare altre scene vergognose.

Dopotutto il prefetto di Roma aveva già avvisato la Lega calcio il giorno dopo la partita: niente più derby di sera. Dall’ultima volta in cui ci sono stati incidenti, qualche anno fa, la stracittadina si è sempre giocata di giorno proprio per evitare che si potessero ripetere. Ed in effetti la strategia ha sempre funzionato. Stavolta però, complice l’incrocio con l’Europa League, la Lazio è stata costretta a giocare di lunedì, ed in settimana, visto che si tratta di un giorno lavorativo, si può giocare solo di sera.

Il problema è che anche la finale di coppa si gioca in settimana, di mercoledì, e dunque come fare per evitare ulteriori scontri? La soluzione prospettata dal prefetto Giuseppe Pecoraro è di disputarla al pomeriggio. Se non si potesse fare, o anche in quel caso ci fossero scontri, i derby d’ora in avanti si disputerebbero a porte chiuse. Non è possibile infatti spostare migliaia di poliziotti dai loro incarichi abituali per una partita di calcio, avviando indagini già diversi giorni prima dato che al mattino erano già stati rinvenuti coltelli, spranghe e persino un’ascia nascosti nell’area intorno allo stadio Olimpico. E quindi a mali estremi, estremi rimedi. Per qualche decina di esaltati nessuno più potrà assistere al derby.

Il timore che serpeggia nel pubblico romano oggi è comunque un altro. Visti questi presupposti, e viste anche le tante polemiche urlate dall’Inter in questi giorni, con l’accusa di voler far fuori illecitamente la squadra di Moratti, la paura è che l’arbitraggio possa favorire i nerazzurri facendogli vincere la partita e creando così i presupposti per una finale Lazio-Inter che certamente non ha gli stessi livelli di tensione di un Lazio-Roma. In ogni caso si tratterebbe di una sconfitta per il calcio.

Foto: Wikipedia

Lascia un commento

O

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

comments