Home / Animali / Cani / Acne nei cani, sintomi e cure

Acne nei cani, sintomi e cure

acne giovanile canina

Ebbene sì, anche i nostri cani “adolescenti” possono avere a che fare con l’acne. L’acne canina, o acne nei cani è un disturbo benigno che si manifesta sulle labbra e sul mento dei cani giovani, generalmente tra i 5 e gli 8 mesi di età, fase in cui inizia la pubertà del nostro cucciolo. L’acne giovanile nei cani non ha una causa scatenante ben definita. L’ipotesi più accreditata è che a contribuire alla sua insorgenza siano fattori ormonali, genetici e traumi. L’acne canina può colpire cani di ogni razza ma ad essere maggiormente a rischio sono i cani a pelo corto e alcune razze tra cui Boxer, Bulldog e Rottweiler.

Generalmente l’acne giovanile scompare da sé dopo qualche mese e quando il cane supera l’anno di età le manifestazioni tipiche dell’acne dovrebbero essere già scomparse. I sintomi più vistosi e fastidiosi dell’acne sono:

  • la comparsa di papule rosse e punti neri (comedoni) sul mento e sulle labbra del cane;
  • prurito in caso di insorgenza di infezioni. In questo caso il cane tende a grattarsi contro superfici ruvide, come tappeti e muri, per trovare sollievo.

Il veterinario effettuerà una diagnosi escludendo malattie con sintomi simili come la tigna (dermatofitosi), la demodicosi (un tipo di rogna non contagiosa) o la cellulite giovanile che pure presenta lesioni simili a quelle dell’acne con sintomi però come apatia, depressione e mancanza di appetito.

acne caniPer quanto riguarda il trattamento dell’acne canina, è estremamente importante utilizzare soltanto i prodotti prescritti dal veterinario. Mai impiegare prodotti per l’acne umana perché la pelle del nostro cane è diversa dalla nostra, ben più sottile, e potrebbe irritarsi facilmente con sostanze troppo aggressive. Solitamente il veterinario prescrive trattamenti ad uso topico (che si applicano sulla pelle) come gel a base di perossido di benzoile. I prodotti ad uso umano contengono una percentuale del 10% di perossido di benzoile, mentre la concentrazione massima che può essere utilizzata su un cane è del 5%. Quest’informazione rende bene l’idea di quanto sia rischioso usare i prodotti per l’acne umana sulla pelle del nostro cane.

Il veterinario può prescrivere shampoo a base di perossido di benzoile, in una percentuale del 2,5%, da applicare due volte alla settimana. Se si sviluppano infezioni, il veterinario può prescrivere anche un antibiotico ad uso topico come la mupirocina, da applicare due volte al giorno, massaggiando delicatamente l’area infetta fino al completo assorbimento.

In caso di gonfiore e infiammazione, il veterinario può prescrivere steroidi ad uso topico che vanno applicati sempre indossando dei guanti. Terapie a base di antibiotici e sistemiche vengono prescritte solo nei casi gravi e cronici di acne canina. Normalmente sui cani non vengono invece impiegati i retinoidi.

Per quanto riguarda i rimedi naturali per l’acne canina, a casa possiamo intervenire prevenendo la formazione di cicatrici. Per farlo dobbiamo limitare i traumi. Altre cure domestiche per l’acne includono l’applicazione di creme e farmaci topici prescritti dal veterinario, seguendo scrupolosamente la modalità di somministrazione, la frequenza e le dosi indicate dal medico.

Fonte: Acne in Dogs su Petplace
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

febbre alta nel cane

Febbre alta nel cane: come misurarla e cosa fare per abbassarla

In questo approfondimento illustreremo i consigli dei veterinari per capire se il cane ha la febbre alta, perché, come misurarla e come abbassarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.