Home / Videogiochi / Injustice: Gods Among Us, e se i supereroi fossero i cattivi?

Injustice: Gods Among Us, e se i supereroi fossero i cattivi?

anteprima injustice

Tutti amiamo i supereroi. Ognuno ha il suo preferito, ma nessuno aveva mai pensato a metterli uno contro l’altro. Ci hanno pensato quei geni di Netherrealm Studios che di picchiaduro se ne intendono (nel loro curriculum ci sono le ultime 4 edizioni di Mortal Kombat) che hanno creato Injustice: Gods Among Us, in cui gli Dei sono loro, i supereroi di tutte le generazioni, da quelli nati insieme ai nostri nonni fino a quelli dei giorni nostri.

Il titolo, che arriverà il prossimo 19 aprile in Europa, prende spunto dalla Lega della Giustizia per ribaltare la visione di una tradizione che va avanti da decenni e renderla, con un gioco di parole, una sorta di lega dell’ingiustizia. Nasce così questo Injustice che, come per i migliori picchiaduro degli ultimi anni, ha uno story mode tutto particolare. Prendendo spunto dalla stessa modalità vista in Mortal Kombat 9, utilizza la grafica in-game per raccontare le varie vicende. Ognuna delle quali, inutile dirlo, terminerà con uno scontro.

A differenza dei fighting games originali però, questo prevede diverse modalità di battaglia, e così potremmo ritrovarci da soli a combattere più avversari, oppure si possono affrontare i combattimenti a squadre, oppure dover sottostare ad alcune restrizioni imposte dalla modalità con cui giochiamo. I protagonisti sono arcinoti e vanno da Batman a Superman, passando per Catwoman e Flash Gordon, fino a quelli più recenti come i nemici di Batman Bane e Harley Quinn. Tutti supereroi che hanno le loro caratteristiche peculiari che sono esattamente replicate (e potenziate) durante il gioco.

Tutta questa discordia si basa intorno ad una vicenda presentata durante la cutscene iniziale che non vogliamo anticiparvi per non rovinarvi la sorpresa, ma quello che conta, e che appassionerà molti amanti del genere, è che ci si sente catapultati in un fumetto degli anni ’90.

Oltre allo story mode c’è anche un’altra modalità chiamata S.T.A.R. Labs. Si tratta di una modalità più complicata in cui le regole del gioco cambiano man mano che si passa da un incontro all’altro. In questo modo vengono introdotti anche diversi minigiochi, quindi non basterà più soltanto picchiare l’avversario, ma anche trasmettergli un virus o compiere altre azioni che rendono molto vario il gameplay. Un altro aspetto positivo è che ognuno dei contendenti ha percorsi diversi e quindi l’utente potrebbe non stancarsi mai visto che proseguire la storia con un altro personaggio diverso dal primo scelto significherebbe giocare ad una trama completamente differente.

Inoltre sarete sempre più invogliati a rigiocare in quanto ogni vittoria dà accesso a nuovi bonus, alcuni estetici, altri dei semplici trofei o alcune altre chicche in-game che gli sviluppatori hanno accennato ma non hanno ancora rivelato. Insomma, questo titolo mette d’accordo tutti. Non solo gli amanti dei fumetti ma anche quelli dei picchiaduro e degli action game. Sembra molto promettente, non resta che aspettarne l’uscita. Intanto vi lasciamo con il trailer.

Foto: Injustice: Gods Among Us su Facebook

Potrebbe interessarti anche:

Assassin's Creed Odyssey

Assassin’s Creed Odyssey, guida ai finali alternativi

6 scelte prese durante il gioco influenzeranno il finale: ecco quali sono e come ottenere tutti i finali alternativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.