Advertisements

Coprofagia, cosa fare se il cane mangia le sue feci

di Paola Pagliaro
1 commenti

coprofagia cani

Il termine coprofagia deriva dal greco copros, feci, e phagein, mangiare e indica l’atto di ingerire gli escrementi propri o altrui. Se il cane mangia le sue feci o quelle di un altro cane e l’episodio non è un caso isolato dobbiamo intervenire nel modo giusto per mettere fine a questo comportamento. Il nostro cane che cerca di leccarci dopo aver mangiato le sue feci o la cacca altrui non è proprio un’immagine delle più felici, possiamo trovarlo rivoltante. Eppure è bene sapere che mangiare le feci, nel comportamento canino, non è un’azione così insolita. O almeno non in certe situazioni e in alcune fasi della sua vita. Ad esempio mamma cagna può ingerire le feci dei cuccioli per mantenere il giaciglio pulito e prevenire le malattie dovute alla mancanza di igiene.

Anche i cuccioli a volte ingoiano le feci nella fase in cui ingurgitano di tutto per imparare a conoscere il mondo. Generalmente, non appena imparano ad apprezzare il sapore nettamente migliore del cibo, i cuccioli cessano spontaneamente di mangiare le feci. Alcuni potrebbero mantenere questa abitudine anche dopo i primi mesi di vita ma dopo il compimento del primo anno è raro osservare ancora un cucciolo ingerire la sua cacca.

Se il cucciolo esaspera questo comportamento, mangiando spesso e in grandi quantità le feci, può sviluppare un vero e proprio disturbo compulsivo. I fattori ambientali e non di rischio che occorre limitare per scongiurare questa possibilità includono:

  • un’alimentazione inadeguata e irregolare;
  • la sovraesposizione del cucciolo alle feci e dunque un ambiente di vita poco igienico;
  • la mancanza di sorveglianza e monitoraggio delle abitudini alimentari del cucciolo;
  • un ambiente privo di stimoli per il cucciolo.

cane caccaAlcuni cani mangiano soltanto le loro feci, altri solo quelle degli altri cani o del gatto, altri ancora mangiano le feci solo in inverno quando si solidificano. In commercio ci sono delle soluzioni da aggiungere al cibo del cane che dovrebbero scoraggiare l’ingestione delle feci. Il condizionale è d’obbligo, chiedete consiglio al vostro veterinario perché i metodi fai da te  e le soluzioni commerciali miracolose non sempre funzionano e i risultanti possono essere deludenti e rischiosi.

Tra i rimedi naturali più efficaci contro la coprofagia nel cane figurano:

  • Eliminare subito le feci ed evitare che il cane vi entri spesso in contatto.
  • Allontanare subito il cane dopo che ha fatto cacca per evitare che si avvicini alle sue feci dopo che ha finito.
  • Dal momento che alcuni cani le ingoiano subito dopo, aggirando il controllo del proprietario, può essere utile in casi estremi la museruola. Chiedete un parere al veterinario.
  • Preferite il cibo secco e ad alto contenuto di fibre per rendere le feci meno appetibili e favorire il senso di sazietà del cane.
  • Nei casi gravi di disturbo ossessivo il veterinario potrebbe prescrivervi dei farmaci. Sempre il veterinario può aiutarvi ad escludere malattie con sintomi comportamentali simili.
  • Rendete l’ambiente del cane il più stimolante possibile.
  • Insegnate al cane il comando “Molla” per fargli posare le feci a terra dietro preciso ordine.

Fonte: Coprophagia in dogs su Petplace
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche

1 commenti

Ghiandole anali del cane, infezioni e sintomi sospetti - M'informo 27 Settembre 2013 - 15:00

[…] prevenire disturbi è bene che le feci del cane siano ben solide, in questo modo infatti le ghiandole rilasciano naturalmente il fluido, sotto la […]

Rispondi

Lascia un commento