Gran Premio della Malesia, Raikkonen di nuovo protagonista

di Michel
0 commenti

kimi raikkonen

Pubblicità

Sembrava potesse essere un caso la vittoria di Kimi Raikkonen in Australia, ed invece eccolo là, 5 giorni dopo, a mettere di nuovo tutti in fila. Certo, le prove libere del venerdì non vogliono dire molto, ma il fatto che finora in Malesia, sia con il sole che con la pioggia, il pilota finlandese sia stato più veloce di tutti comincia a destare non poca preoccupazione. Nella prima sessione il pilota della Lotus è arrivato primo, di poco davanti a Vettel e Massa, e di parecchio staccato rispetto ad Alonso e Webber, mentre l’oltre mezzo secondo rifilato al compagno di squadra Grosjean lascia capire che è lui, più che l’auto, a contare.

Pubblicità
Pubblicità

Il primo giorno del Gran Premio della Malesia è stato caratterizzato da condizioni metereologiche capricciose che però hanno in un certo senso simulato tutte le condizioni in cui si potrebbe svolgere la corsa di domenica. Si è partiti con il sole, e Raikkonen è stato il più veloce. Poi è arrivato l’acquazzone tropicale a cui siamo abituati, ed il vincitore dello scorso Gran Premio si è piazzato secondo dietro a Webber, con Alonso solo quarto. Poi è tornato il sole, ma ormai le prove erano finite e così solo pochi piloti hanno potuto testare la pista umida.

Pubblicità

Le previsioni per domenica danno comunque il classico caldo infernale sulla pista di Sepang. Tutto a vantaggio della Lotus che può sfruttare un degrado degli pneumatici inferiore che potrebbero così permettere ai due piloti di effettuare una sosta in meno rispetto agli avversari. Sicuramente la Red Bull, che ha uno dei treni di gomme meno resistenti di tutti, partirà con la strategia che prevede 3 soste, mentre l’incognita diventa così la Ferrari che, come sempre, spera in un po’ di umidità per mantenere le gomme con un degrado accettabile e rischiare le due soste, altrimenti potrebbe ripetersi lo stesso schema visto a Melbourne.

Foto: Raikkonen su Facebook

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento