Home / Salute / Medicina / Occhi rossi a causa dell’allergia: sintomi, farmaci e rimedi naturali

Occhi rossi a causa dell’allergia: sintomi, farmaci e rimedi naturali

occhi rossi allergia

Occhi rossi a causa dell’allergia primaverile? Consolatevi, non siete i soli. Con l’arrivo della primavera ogni anno migliaia di persone soffrono di allergie da pollini che causano congiuntivite allergica, un disturbo con sintomi molto fastidiosi e invasivi quali lacrimazione e arrossamento degli occhi. Per un rapido sollievo prima di uscire gli esperti consigliano di ricorrere ad un impacco freddo. Per risolvere il problema a  lungo termine, invece, bisogna individuare la causa o meglio l’allergene scatenante e limitare l’esposizione il più possibile.

Innanzitutto occorre capire se è un’allergia la causa degli occhi rossi, monitorando i sintomi specifici. Tra i sintomi comuni a carico degli occhi causati da una reazione allergica figurano:

  • arrossamento del lato interno della palpebra e della sclera, la parte dell’occhio solitamente bianca;
  • offuscamento della vista;
  • bruciore;
  • lacrimazione;
  • gonfiore delle palpebre;
  • eccessiva sensibilità alla luce.

La congiuntivite allergica può presentarsi da sola o associata a naso che cola e irritazioni della pelle. Consultate il medico per avere una diagnosi accurata. L’allergene che scatena la reazione allergica può essere un polline piuttosto che il pelo degli animali domestici, la muffa o la polvere. Quando gli occhi sono esposti all’allergene, le cellule note come mastociti rilasciano istamina ed altre sostanze chimiche che scatenano l’infiammazione. Ecco perché gli occhi si gonfiano, si arrossano e lacrimano.

Tra i rimedi naturali per alleviare i sintomi della congiuntive allergica, figurano alcune norme di buonsenso:

  • non indossare lenti a contatto o toglierle se le avete già messe;
  • non sfregare gli occhi perché questo scatenerebbe l’ulteriore rilascio di istamina peggiorando la situazione;
  • non truccatevi gli occhi;
  • applicate degli impacchi freddi;
  • lavatevi le mani spesso.

Se non riuscite a rinunciare al trucco, potete coprire le occhiaie utilizzando un correttore ipoallergenico e mettere un rossetto dal colore acceso se volete distogliere l’attenzione dagli occhi rossi. L’importante è non truccare gli occhi anche perché il trucco pesante, impiegato erroneamente per coprire gli occhi rossi, non farà altro che attirare ancora di più lo sguardo degli altri proprio sulle palpebre gonfie.

occhi allergieSe gli occhi diventano rossi al parco o in mezzo alla natura, probabilmente è il polline l’allergene scatenante. In questo caso meglio stare in casa, con l’aria condizionata accesa e le finestre chiuse, quando ci sono i picchi maggiori di polline nell’aria. Vi consiglio di monitorare i pollini presenti nella vostra area di residenza, consultando i bollettini pubblicati sul sito pollinieallergia.net. Quando uscite indossate sempre un paio di occhiali da sole per proteggervi dagli allergeni. A casa cambiatevi i vestiti appena rientrati.

Se la causa dell’allergia è il pelo di cani e gatti o la polvere, il disturbo dura tutto l’anno e non è soltanto stagionale come nel caso dei pollini. Lavatevi spesso le mani, tenete puliti tappeti e oggetti e non fate entrare cani e gatti in camera da letto. Usate un panno umido per pulire casa senza sollevare la polvere come avviene quando invece si spazza e mantenete i livelli di umidità tra il 30 e il 50%. Combattete la formazione di muffa con un deumidificatore e pulendo spesso le superfici di casa dove la muffa tende a formarsi.

Per quanto riguarda i farmaci, chiedete al vostro medico se è il caso di impiegare dei colliri a base di antistaminici, decongestionanti e antinfiammatori per ridurre il rilascio di istamina e contrastare il prurito, l’arrossamento e l’infiammazione. Questi farmaci sono in vendita senza ricetta ma chiedete sempre un consiglio al vostro medico perché se a breve termine i decongestionanti alleviano il rossore, mantenendo l’occhio pulito e ben umificato, a lungo termine il loro impiego può addirittura peggiorare i sintomi.

Per combattere il disturbo potete chiedere al medico di prescrivervi dei farmaci antistaminici o decongestionanti ad uso orale. Gli antistaminici possono però causare eccessiva secchezza oculare, mentre i decongestionanti annoverano tra gli effetti collaterali eccitabilità e vertigini. Parlate con il vostro medico per scegliere insieme la terapia migliore per il vostro caso. Ci sono diverse opzioni a lungo termine per liberarsi dai sintomi delle allergie, tra cui i vaccini antiallergici che desensibilizzano gradualmente il nostro organismo abituandolo all’allergene e limitando la risposta del sistema immunitario.

Fonte: WebMD
Foto: © Thinkstock

Potrebbe interessarti anche:

Graffio del gatto: quali malattie può trasmettere e come curarlo

Un gatto ti ha graffiato e sei preoccupato per la trasmissione di malattie? Niente paura! Scopri come medicare il graffio di un gatto e come riconoscere i sintomi di un'infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.