Home / Sport / Formula Uno / Le nuove regole della stagione 2013 della Formula Uno

Le nuove regole della stagione 2013 della Formula Uno

vettel red bull

La stagione 2013 della Formula Uno comporterà diversi cambiamenti al regolamento. Dopotutto con la tecnologia del settore automotive che va sempre più veloce, quasi ogni anno vengono adottate nuove strategie, per la sicurezza e non solo. Andiamo ad analizzare tutte le novità di questa stagione che sta per cominciare con nuove regole.

Il sistema DRS (riduzione resistenza aerodinamica) dà un certo aiuto in fase di sorpasso. Mentre fino allo scorso anno i piloti potevano utilizzarlo in qualsiasi momento, nel nuovo il suo utilizzo sarà limitato solo all’interno di alcune sezioni della pista dedicate, ritenute più sicure, ed esclusivamente durante le prove e le qualifiche. Inoltre il doppio sistema DRS brevettato dalla Mercedes, ed utilizzato durante tutta la stagione scorsa è stato vietato.

Un aiuto arriva anche dal punto di vista estetico. Ricordate i musi di molte auto, Ferrari compresa, che per una questione aerodinamica lo scorso anno erano diventati molto brutti? Ebbene, quest’anno la FIA ha permesso l’introduzione di alcuni elementi, come un piccolo pezzo di laminato denominato non a caso vanity panel, per rendere più gradevole la sezione anteriore.

Saranno obbligatori alcuni crash test per ogni squadra per controllare il grado di danno all’interno dell’abitacolo in caso di incidente. Il coprifuoco che non consente ai membri del team di stare nel paddock in determinati orari è stato allungato da 6 ad 8 ore nella serata del giovedì, ed il numero di eccezioni per stagione è stato ridotto da 4 a 2. Le prestazioni aerodinamiche aiutate dalla carrozzeria flessibile ora dovranno essere riviste grazie a test più severi sulle ali.

Il peso minimo della vettura, pilota compreso, è stato leggermente aumentato da 640 a 642 kg a causa di un leggero cambiamento di peso degli pneumatici. L’indennità di forza maggiore relativa alle qualifiche è stata eliminata. Le auto che si fermano in pista devono avere la quantità di benzina stabilita di volta in volta dalla FIA per tornare ai box più almeno un litro aggiuntivo.

Durante le qualifiche le auto eliminate nel Q1 e Q2 saranno 6 anziché 7 a causa della riduzione del numero delle vetture. Infine è cambiata la tassa di iscrizione per le auto. La Red Bull, vincitrice del campionato costruttori, verserà 500 mila dollari più 6 mila dollari per ogni punto ottenuto nella passata stagione. Tutte le altre pagheranno 500 mila dollari di base più 5 mila dollari per ogni punto.

Foto: Max Bosio su Flickr (creative commons)

Potrebbe interessarti anche:

alonso incidente

Alonso dopo l’incidente perde la memoria, carriera a rischio?

Al risveglio credeva ancora di pilotare un go-kart e aveva dimenticato i due titoli mondiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.