Perdita dell’udito: guida ai sintomi

di Redazione
0 commenti
perdita dell'udito

La perdita dell’udito, per quanto possa suonare strano, in realtà colpisce all’incirca un adulto su cinque, ma questo non significa automaticamente essere condannati ad affrontare la seconda metà della propria vita con difficoltà auditive, quindi, se avete un sospetto su voi stessi o su una persona a voi particolarmente vicina rivolgetevi ad Audiovita ed informatevi. Tra i segnali più comuni in chi sta avendo delle difficoltà a sentire ciò che lo circonda si trovano sicuramente questi:

  • Chiedere spesso agli altri di ripetere quanto appena detto;
  • Non sentire chiaramente le voci al telefono;
  • Il volume di tv o altri dispositivi per gli altri disturbante;
  • Percepire un ronzio ad uno o ad entrambe le orecchie;
  • Problemi a seguire le conversazioni in ambienti con rumori di sottofondo.

Se vi riconoscete in una di queste situazioni, allora la prima cosa da fare è sicuramente quella di rivolgersi a degli esperti ed attuare tutti i test del caso, sia per capire l’eventuale gravità della perdita uditiva, sia per una questione di prevenzione.

Le cause più comuni

Tra le cause più comuni della perdita di udito si trovano sicuramente le seguenti:

  • L’invecchiamento;
  • L’eccessiva esposizione ai rumori e/o l’utilizzo prolungato di dispositivi come auricolari e cuffie oltre il livello di volume consigliato;
  • Incidenti;
  • Infezioni virali come morbillo o parotite;
  • Accumulo di cerume dovuto ad una pulizia errata;
  • Farmaci che danneggiano l’udito (leggere sempre i foglietti illustrativi per essere consapevoli);
  • Cause di natura genetica.

Soprattutto per quanto riguarda le cause di natura genetica, qualora doveste avere in famiglia uno o più familiari affetti da disturbi dell’udito, il consiglio principale è quello di effettuare quanti più test di prevenzione possibili soprattutto man mano che l’età avanza per evitare di giungere a livelli irreversibili di sordità.

Scegliere l’apparecchio acustico: ecco cosa sapere

Qualora i test specifici effettuati dovessero confermare i vostri sospetti e doveste quindi ritrovarvi a dover scegliere un apparecchio acustico, sappiate che non è una scelta da fare così su due piedi, tanto per il costo quanto per il ruolo che quest’oggettino andrà a ricoprire nella vostra vita. Le prime cose da valutare sono sicuramente forma, dimensione e colore che vanno sicuramente scelte in base ai vostri gusti e al vostro stile di vita, se per esempio uscite molto e vi ritrovate per lo più immersi in conversazioni dal vivo, allora potrebbe essere più conveniente scegliere un apparecchio acustico in grado di neutralizzare bene i rumori di sottofondo in favore della voce di chi vi circonda. Se siete particolarmente tecnologici allora potrebbe essere utile optare per un apparecchio acustico dotato di Bluetooth, rendendo il vostro smartphone il mezzo per migliorare la vostra esperienza sensoriale anche attraverso delle app che vi permetteranno di personalizzare al massimo ogni vostra attività quotidiana, monitorando anche il vostro livello di attività.  

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento