Le gomme 4 stagioni convengono? Vantaggi e svantaggi

di Onofrio Marco Mancini
0 commenti
gomme 4 stagioni

Metti le gomme, togli le gomme. Non è il mantra di un maestro di karate di un film degli anni ’80, ma l’iter che qualsiasi automobilista deve fare ogni anno. In quasi tutta Italia infatti durante i mesi invernali (e in alcune zone per molto più tempo) è obbligatorio adottare per la propria auto pneumatici invernali. O in alternativa viaggiare con le catene a bordo. Gli stessi pneumatici che, terminato il periodo invernale, devono essere sostituiti da quelli estivi. Da diversi anni c’è una soluzione che evita questa seccatura: acquistare le gomme 4 stagioni. Ma convengono davvero? E se sì, perché non vengono sempre usate da tutti? Con la nostra guida cerchiamo di fare chiarezza su questi dispositivi.

Come sono le gomme 4 stagioni

Gli pneumatici cosiddetti quattro stagioni sono gomme che hanno una miscela particolare che gli permette di essere performanti sia d’estate che d’inverno. Se sono montati su un’auto, non c’è bisogno di catene a bordo né di cambiare pneumatici quando nevica. Si riconoscono perché sulla facciata esterna di ogni gomma c’è stampato un bollino. Questo consente, in caso di controllo della polizia stradale, di riconoscerli in un attimo. I segnali che indicano che si tratta di “all seasons” possono essere diversi. Oltre al bollino possono esserci una foglia e un sole, o le scritte “MS” o “M+S” che significano mud and snow, cioè fango e neve.

Il battistrada è caratterizzato da lamelle più profonde (come quelle degli pneumatici invernali), ma con un disegno differente. Grazie a questa doppia caratteristica si adattano sia alle temperature più alte che alle condizioni più estreme dell’asfalto.

Vantaggi

Come chiaramente illustrato nei paragrafi precedenti, il vantaggio principale delle gomme 4 stagioni è il non dover cambiare ogni 6 mesi gli pneumatici all’auto. Un dettaglio non da poco, dato che chi effettua il cambio deve avere due set di gomme a disposizione in casa (uno invernale e uno estivo) oppure pagare il deposito al proprio gommista di fiducia. Non c’è nemmeno la necessità di circolare con le catene a bordo, e di conseguenza nemmeno il fastidio di doverle installare in caso di neve.

Se pensate che il costo sia uno svantaggio, dovreste ricredervi. Il costo delle gomme 4 stagioni è mediamente del 20% superiore alle gomme invernali o estive. Ma quanto costa la manodopera dell’officina? Se siete in grado di cambiarveli da soli è un conto, ma se dovete pagare qualcuno per farlo, pagare la manodopera 2 volte l’anno alla lunga risulterà ben più costoso dell’investimento iniziale. Il costo di pneumatici 4 stagioni di qualità media si aggira intorno ai 60-100 euro l’uno, contro i circa 50-70 euro di quelli normali o invernali. Se consideriamo che il costo del cambio gomme si aggira intorno ai 40-80 euro per ogni volta, ecco che la differenza di prezzo si recupera già dopo un anno.

Infine l’ultimo vantaggio riguarda la salvezza dalle sanzioni. Le multe per il mancato cambio gomme da estive a invernali e viceversa può costare da 41 fino a un massimo di 300 euro. In questo modo nessuno potrà mai multarvi!

Svantaggi

Lo svantaggio non risiede tanto nel prezzo, visto il dato illustrato poco sopra. Semmai il principale svantaggio è l’usura precoce degli pneumatici. Essendo realizzati al 50% con una tecnologia e al 50% con l’altra, si consumano prima rispetto a gomme che sono al 100% prodotte con la stessa tecnologia. Le gomme 4 stagioni “durano” all’incirca 15 mila chilometri, quindi se percorrete pochi chilometri al mese sono la soluzione ideale, ma se per esempio fate un lavoro per il quale percorrete centinaia o migliaia di chilometri al giorno, è meglio virare verso altre soluzioni.

Non sono molto convenienti anche in caso di neve molto fitta. Nei luoghi di montagna, dove ogni notte si accumulano sul manto stradale diversi centimetri di neve, probabilmente un buon pneumatico realizzato appositamente per queste condizioni è più consigliabile di un 4 stagioni. Lo stesso problema si ripresenta nella stagione estiva. Paragonate alle gomme estive, le all seasons non hanno la stessa aderenza, di conseguenza non hanno le stesse prestazioni. Complessivamente consumano di più (anche se di poco), e in generale sono soltanto una via di mezzo, ma mai paragonabile a una gomma estiva d’estate, o uno pneumatico invernale in inverno.

Conclusione: a chi convengono gli pneumatici all seasons?

In definitiva possiamo concludere che, come per ogni cosa, non c’è una regola assoluta. Le gomme 4 stagioni sono convenienti soprattutto per chi non percorre molti chilometri e preferisce il risparmio (di denaro e di tempo) rispetto alle prestazioni. Invece chi ha un’auto sportiva o di lusso, e che quindi vuole ottenere le prestazioni migliori dagli pneumatici; oppure chi fa un lavoro per il quale ogni giorno macina centinaia di chilometri; o ancora per chi abita in posti in cui fa spesso molta neve o ghiaccio, è maggiormente consigliabile effettuare il cambio delle gomme estive-invernali, o al massimo portare le catene a bordo.

Foto: Pixabay

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento