Gli effetti della mancanza di sonno possono essere molto pericolosi per la salute

di Onofrio Marco Mancini
0 commenti
Gli effetti della mancanza di sonno

A volte lo sottovalutiamo, ma il sonno è una delle cose più importanti in assoluto per mantenersi in buona salute. Gli effetti della mancanza di sonno possono essere deleteri e, sul lungo periodo, avere ricadute pesanti sul nostro fisico. Secondo l’opinione comune nella comunità scientifica, non c’è un numero preciso di ore in cui un essere umano debba dormire per tutta la sua vita. La necessità di ore di sonno dipende dall’età. Per esempio i neonati possono dormire fino a 17 ore al giorno. Molto minore è la necessità per gli adulti. Un trentenne o un cinquantenne dovrebbero dormire come minimo 7 ore a notte, fino a 9 ore, mentre per gli anziani possono bastare anche poche ore in meno. Questo lo schema da tenere a mente in fatto di ore di sonno:

  • 0-3 mesi: 14-17 ore di sonno al giorno
  • 4-11 mesi: 12-15 ore
  • 1-2 anni: 11-14 ore
  • 3-5 anni: 10-13 ore
  • 6-13 anni: 9-11 ore
  • 14-17 anni: 8-10 ore
  • 18-64 anni: 7-9 ore
  • 65+: 7-8 ore

Ma cosa avviene nel nostro fisico quando non abbiamo dormito abbastanza?

Gli effetti della mancanza di sonno sulla mente

Il primo organo a risentire della mancanza di sonno è il cervello. Secondo uno studio del Center for Disease Control and Prevention americano, restare svegli per 19 ore di fila comporta una riduzione dei tempi di reazione simile a quando si guida in stato di ebbrezza. Uno studio pubblicato su Current Biology ha stabilito che le persone che tutte le notti non dormono un numero sufficiente di ore corrono 17 volte in più il rischio di ammalarsi di ansia e il doppio delle possibilità di sviluppare depressione, rispetto a chi dorme regolarmente. È corretto anche invertire i fattori: ovvero dallo stesso studio emerge che tra il 65 e il 90% dei pazienti depressi analizzati aveva problemi di sonno.

Uno degli effetti benefici del sonno è quello di aiutarci a memorizzare le informazioni con cui siamo venuti in contatto durante il giorno, e migliorarne l’elaborazione. Di conseguenza dormire poco può avere ripercussioni sulla memoria. Dunque se non dormi perché devi studiare, sappi che stai sbagliando approccio. Bastano anche solo 5 ore in meno a notte per avere effetti negativi sull’ippocampo. Tramite risonanza magnetica si è visto che il cervello dei volontari che avevano dormito di più era più attivo rispetto a chi aveva dormito troppo poco. Inoltre nel cervello si accumula durante il giorno una proteina chiamata beta-amiloide. Tale proteina può essere tossica se non viene eliminata, e può portare sul lungo periodo all’Alzheimer. Il processo che la elimina è proprio il sonno. Gli effetti della sua assenza sono facilmente immaginabili.

Gli effetti sul fisico

Se sulla mente gli effetti della carenza di sonno sono noti, molto meno lo sono quelli sul fisico. Mentre si dorme, nel corpo si attiva il sistema endocannabinoide, una serie di variazioni neurologiche ed ormonali (leptina e grelina) che portano il corpo ad avere bisogno più del cibo nutriente e meno del cosiddetto cibo spazzatura. In altre parole quando si dorme poco, si sente di più la necessità di cibi pronti e veloci, molto spesso zuccherati. L’effetto ovvio è un aumento del peso, del colesterolo e del rischio di diabete (anche per la riduzione della produzione di insulina) e altre malattie metaboliche.

Il fisico ne risente anche perché minor sonno significa avere meno energie mentali per allenarsi, o per avere buone prestazioni. E indipendentemente dall’attività fisica svolta, la mancanza di sonno può avere effetti anche sul cuore, aumentando il rischio di ictus e infarti. Secondo una ricerca della National Sleep Fundation, durante il sonno la pressione sanguigna scende del 10-20%, un ritmo che permette anche al cuore di riposarsi. Se si dorme poco (o non si dorme affatto) questo “rilassamento” non c’è, e di conseguenza, sul lungo periodo, il cuore si affatica. Un fisico debilitato dalla carenza di sonno può anche far abbassare le difese immunitarie, rendendoci più esposti a germi, virus e batteri.

Ma gli effetti si sentono anche più giù. Più in basso della testa, del cuore e dell’apparato digerente. La comunità scientifica è concorde nell’affermare che una carenza di sonno riduce la sensazione di libido, e negli uomini anche della produzione di testosterone. La conseguenza: riduzione delle prestazioni sessuali, e in generale del piacere sessuale.

Gli effetti nella vita quotidiana

E che dire di ciò che può capitare nella vita quotidiana? Gli effetti della mancanza di sonno non si avvertono solo sul nostro fisico, ma anche sugli altri. Qualche esempio? Statisticamente aumenta il rischio di fare incidenti alla guida di veicoli, ma anche piccoli incidenti o infortuni quotidiani, legati alla scarsità di attenzione. Secondo una statistica americana del 2017, in un anno sono stati 91 mila gli incidenti legati a colpi di sonno negli Usa, 800 le vittime e 50 mila i feriti. Insomma, una vera e propria guerra.

La poca lucidità poi può comportare riduzione della capacità di giudizio. A ciò conseguono magari scelte sbagliate nella vita personale (come cominciare cattive frequentazioni), sul lavoro (commettere errori che possono costare la carriera) e finanziarie (investire denaro in attività rischiose senza valutare tutti i pro e i contro). Si riduce la capacità di problem solving, la creatività e in generale la capacità di concentrazione.

Foto: Freeimages

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento