Perché la ventola del PC si attiva? I rimedi per eliminare il rumore

di Onofrio Marco Mancini
0 commenti

È un problema che praticamente tutti i PC hanno: la ventola che si attiva e fa tantissimo rumore. Per PC intendiamo le macchine nel senso stretto del termine, quindi tralasciando i Mac che hanno un meccanismo differente. Anzitutto bisogna sapere che la ventola del PC è un sistema automatico installato in tutti i computer per evitare che si surriscaldino. Per questo motivo, quando il computer è acceso, la ventola è sempre attiva. La sua funzione è quella della dissipazione del calore. Ce ne accorgiamo però solo quando fa rumore. Quando i computer vanno sotto sforzo, cioè hanno attive tante operazioni in corso, o un programma molto pesante, “spremono” tutta la propria capacità di calcolo. E queste “ventole alla massima potenza di giri” provocano quel fastidioso rumore che conosciamo.

Perciò la domanda corretta non è tanto perché la ventola del PC si attiva, ma perché fa rumore? Semplicemente perché bisogne evitare di lasciare surriscaldare le varie componenti e quindi c’è necessità di abbassare la temperatura, altrimenti potrebbero rovinarsi definitivamente. La domanda importante in questo caso è: come faccio ad eliminare il rumore? Proviamo a rispondere a tutti i vostri (e i nostri) dubbi in merito.

I motivi per cui la ventola del computer si attiva

Problemi con l’hardware

Cominciamo col capire perché la ventola del PC si attiva in modo così rumoroso. I motivi possono essere diversi, sia dipendenti dall’hardware che dal software, sia dai comportamenti dell’utente stesso. Tra i motivi hardware comprendiamo un alimentatore vecchio dotato di una ventola vecchio stile che fa sempre e comunque rumore; scheda grafica e processore non molto potenti e che quindi stanno lavorando alla massima potenza, oppure sono potenti ma stanno facendo girare software molto dispendiosi come per esempio i videogiochi; un hard disk vecchio; oppure semplicemente c’è dello sporco all’interno del case. In questo caso, se avete un po’ di manualità con l’hardware di un PC, potete provare ad aprirlo e a ripulirlo. Se non l’avete mai fatto sicuramente troverete molta polvere.

E se vi intendete di componenti hardware, potreste anche provare ad installare dei nuovi dissipatori. Questi agiscono con la stessa finalità, non costano tanto (se ne trovano di ottima qualità a meno di cento euro) ma potrebbero essere molto più silenziosi delle ventole pre-installate sul vostro PC.

Problemi di software

Lato software, è molto probabile che stiate usando o un programma che richiede molta potenza, oppure che abbiate aperto diversi programmi, oppure diversi browser, e questi lavorando tutti contemporaneamente stiano facendo sforzare la ventola. Esistono alcuni programmi che vi permettono di tenere sotto controllo il vostro PC, verificando sia il grado di riscaldamento che l’utilizzo delle ventole. Si trovano facilmente online con una breve ricerca su Google.

È un caso molto comune che si attivino programmi automaticamente, cioè senza che sia l’utente a farli partire. Per capire quali sono (se ce ne sono), basta premere ctrl-alt-canc e cliccare su “Gestione attività”. Da qui nel pannello “processi” sono presenti tutti i programmi attualmente in esecuzione. Provate ad ordinarli per CPU o per Memoria, e vedrete quali sono quelli che consumano di più. Se sono attivi programmi che non state utilizzando in questo momento, vuol dire che si sono avviati da soli. Basta chiuderli e la ventola potrebbe lentamente ridurre i giri. Un problema simile può verificarsi con il browser, su questo vi invitiamo a visitare la nostra guida in merito.

Comportamenti errati

Infine, come abbiamo già indicato in precedenza, la motivazione può risiedere nell’utilizzo errato del PC. Come abbiamo visto, il far eseguire più programmi contemporaneamente può essere uno degli errori più comuni che commettiamo. Ma anche tenere il computer acceso troppe ore può comportare un surriscaldamento, oppure tenerlo vicino ad una fonte di calore, come un termosifone. Se possibile, evitate di appoggiare il case per terra. Qui raccoglierà molta più polvere e così lo sporco vi costringerà a pulirlo più spesso.

Foto: Pixabay

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento