Truffe sugli acquisti online: 8 trucchi per evitarle

di Onofrio Marco Mancini
0 commenti
Truffe sugli acquisti online

Al giorno d’oggi ormai tutti acquistiamo su internet. Da quando poi i vari negozi hanno implementato le app per smartphone, comprare con un click è diventato davvero semplice per chiunque. Purtroppo, come per ogni cosa, c’è anche l’altro risvolto della medaglia, ovvero i malintenzionati. Le truffe sugli acquisti online non sono così diffuse come si penserebbe, ma possono sempre capitare, specialmente agli utenti con meno esperienza. Nella nostra guida vi indicheremo alcuni casi più comuni e le tecniche per evitare di incappare in un raggiro.

Cose da fare prima di un acquisto online

Una buona norma, a prescindere da eventuali truffe sugli acquisti online, è acquistare un antivirus e tenere sempre aggiornato il proprio browser internet. L’antivirus sarà in grado di rilevare eventuali malware o altri pericoli che state per scaricare, e avvisarvi in tempo. Un browser aggiornato invece eviterà di lasciarvi con dei “buchi” di sicurezza nei quali eventuali hacker possano infiltrarsi per rubarvi password e altri dati. E a proposito di password, quando iscrivete il vostro profilo, scegliete sempre password difficili da indovinare. Fate in modo che la password contenga più lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri speciali, e che non vi si possa risalire facilmente come per esempio con la propria data di nascita.

Altra cosa da fare prima di iniziare l’acquisto è verificare la rete internet a cui siete collegati. Se si tratta della rete di casa vostra, o dei dati mobili del cellulare, non ci sono problemi. I problemi potrebbero invece sorgere se utilizzate una rete aperta. Molti truffatori infatti installano reti wireless libere, captabili in molte parti della città, proprio per far cadere nella propria trappola persone che vi si collegano. In questo modo un hacker esperto può subito entrare in possesso di molti dati dell’utente collegato, e se fa acquisti online, anche quelli della sua carta di credito.

Accorgimenti per evitare le truffe sugli acquisti online

Al momento di fare l’acquisto, il primo aspetto da valutare è la sicurezza del sito da cui si acquista. Sicuramente se si compra da siti molto famosi come Amazon, eBay, Zalando ecc. non ci saranno problemi. Ma come fare per valutare se un sito non molto famoso (o che non avete mai sentito nominare) sia affidabile? Possiamo fare due cose. La prima è guardare in alto nel browser, nella barra degli indirizzi. All’inizio dell’indirizzo c’è scritto “http”, se compare anche una “s”, cioè “https”, con tanto di segnale verde tipo lucchetto, vuol dire che l’indirizzo è certificato e quindi che si tratta di un indirizzo sicuro. La seconda cosa che possiamo fare è cercare le opinioni di altri utenti online. Clienti che hanno già usato il sito in questione è molto probabile che abbiano lasciato le proprie recensioni su siti esterni. Può darsi che non ne troviate, ma se il sito ha già truffato o scontentato tante persone, state sicuri che qualche recensione negativa ci sarà. Altro controllo che è possibile fare è sui contatti. Cercate di verificare se sono facilmente reperibili il numero di telefono dell’assistenza clienti, l’indirizzo email e altri dati simili. Gli ecommerce sono inoltre tenuti dalla legge a pubblicare una pagina con i termini e le condizioni di utilizzo del sito, quindi verificate che ci siano. Inoltre provate a fare una ricerca online, o a chiamare direttamente i numeri, per capire se sono fittizi o reali.

Se invece l’acquisto viene fatto tramite app, assicuratevi che si tratti dell‘app ufficiale del negozio. Potreste essere infatti attratti dalla pubblicità di siti che promettono sconti se fate acquisti con la loro app. Non sono di certo tutte truffe, ma fate molta attenzione, è sempre buona norma affidarsi alle app ufficiali.

Phishing e offerte allettanti

In ogni caso fate acquisti tramite il sito o l’app e mai attraverso link ricevuti via email o sms. Moltissimi sono i tentativi di “phishing” a cui siamo sottoposti ogni giorno. Il phishing non è altro che una mail finta di qualcuno che si spaccia per un sito affidabile, ma il cui link rimanda ad un sito clone, cioè un sito molto simile all’originale, ma realizzato dai truffatori che così rubano email, password e dati delle carte di credito. Diffidate quindi dalle email con indirizzi strani e verificate sempre che le informazioni in esse contenute siano presenti anche sul sito ufficiale.

Attenzione anche alla portata dell’offerta. Acquistare online significa spesso risparmiare, ma quanto? Perché se un oggetto costa 100 euro come prezzo normale di mercato, e su un sito lo trovate a 80-90 è credibile, ma se lo trovate a 10 euro no. A volte offerte troppo basse nascondono insidie: diffidate!

I pagamenti sicuri

Per stare sicuri al momento del pagamento, le possibilità sono tante. Possiamo consigliare di utilizzare una carta di credito prepagata (come per esempio la Postepay o Hype), in modo tale da lasciare sul conto solo la cifra che vi interessa pagare. In questo modo, se dovessero rubarvi le password, non troverebbero nulla da rubare dopo l’acquisto effettuato. Se non possedete carte prepagate ma solo una normale, collegata al conto bancario, vi consigliamo di effettuare l’acquisto tramite carta di credito virtuale. Potete trovare la guida su come ottenerla in un nostro precedente post. Infine non dimenticate l’opzione Paypal, sempre sicura e con tanto di garanzia sugli acquisti.

Buona norma è verificare costantemente il proprio credito, ed attivare il servizio di notifica a seguito dell’utilizzo della carta. In questo modo potete tenere sotto controllo costante ogni spesa, e non appena notate qualche spesa sospetta, segnalatela subito alla vostra compagnia. Fate attenzione perché molte volte gli importi addebitati non sono cifre enormi. Proprio per non farsi scoprire, molti ladri digitali sottraggono piccole cifre (pochi euro o addirittura centesimi) per volta, in modo da arricchirsi lentamente e senza dare nell’occhio. Attenzione dunque anche alle microtransazioni.

Foto: Pixabay

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento