L’olio di cocco aiuta davvero a perdere peso?

di M'informo Salute
0 commenti
olio di cocco per dimagrire

L’olio di cocco viene pubblicizzato da diverse aziende alimentari anche come prodotto dimagrante. La perdita di peso è infatti uno dei benefici presenti nella lunga lista della proprietà con cui viene proposto sul mercato, che vanno dal rendere la pelle morbida al contributo nell’abbassamento dei livelli di zuccheri nel sangue.

Sempre più persone che vogliono perdere peso acquistano l’olio di cocco per aggiungerlo ai loro pasti principali, alle merende o nelle bevande, come i frullati e le bibite con caffeina.

Nonostante venga pubblicizzato come un prodotto miracoloso per la dieta dimagrante, l’olio di cocco, proprio come altri ingredienti sponsorizzati come un aiuto per la linea, però non è certo una soluzione facile per dimagrire.

In questo approfondimento analizzeremo gli studi condotti sull’olio di cocco e il dimagrimento per capire se davvero aiuti a perdere i chili di troppo, come sostengono molti annunci pubblicitari.

Olio di cocco vs trigliceridi a catena media

L’olio di cocco è sicuramente un grasso sano, ma che sia efficace per dimagrire è tutt’altro che dimostrato.

Pubblicità

Le proprietà dimagranti che gli vengono attribuite derivano dalla sua capacità di ridurre la fame, dato l’alto potere saziante, e dal fatto che i prodotti a base di cocco contengono dei grassi noti come trigliceridi a catena media (MCT).

Questi grassi vengono metabolizzati dall’organismo in modo diverso rispetto ai trigliceridi a catena lunga (LCT), contenuti in cibi come l’olio d’oliva e il burro di noci. Gli acidi grassi a catena media contengono acido caprico, caprilico, caproico e laurico (anche se la scienza è ancora divisa sull’inclusione dell’acido laurico in questa categoria).

A differenza dei trigliceridi a catena lunga, il 95% di quelli a catena media viene assorbito rapidamente e direttamente nel flusso sanguigno, nello specifico nella vena porta del fegato, e usato subito come fonte di energia. Inoltre questo tipo di trigliceridi ha minori probabilità di essere immagazzinato come grasso.

È vero che alcuni studi hanno scoperto che questi trigliceridi aumentano il senso di sazietà e aiutano a perdere peso. Ma è anche vero che queste ricerche hanno preso in esame oli che contenevano una quantità elevata di acido caprico e caprilico e una quantità bassa di acido laurico, una composizione ben diversa da quella dell’olio di cocco.

Sebbene i trigliceridi a catena media comprendano circa il 50% del grasso contenuto nell’olio di cocco, possono anche essere isolati e trasformati in un prodotto autonomo. Questo significa che non sono la stessa cosa dell’olio di cocco.

Pubblicità

L’olio di cocco infatti è composto per il 47,5% di acido laurico e per meno dell’8% da acido caprico, caprilico e caproico. Riguardo all’acido laurico, sebbene sia classificato come un MCT, si comporta come un LCT in termini di assorbimento e metabolismo.

Per queste ragioni, gli esperti sostengono che l’olio di cocco non dovrebbe essere pubblicizzato come se avesse gli stessi effetti degli oli trigliceridi a catena media. Pertanto i risultati degli studi sulla perdita di peso di questi oli non possono essere attribuiti anche all’olio di cocco.

Olio di cocco e senso di sazietà

È invece dimostrato che l’olio di cocco è in grado di aumentare il senso di sazietà, facendo sentire pieni e migliorando in questo modo il controllo dell’appetito, che è fondamentale quando si segue una dieta dimagrante.

La ricerca scientifica ha dimostrato infatti che aggiungere ai pasti cibi ricchi di grassi sani come l’olio di cocco può aumentare il volume dello stomaco, inducendo una maggiore sensazione di pienezza rispetto a un pasto a basso contenuto di grassi.

Alcuni studi hanno scoperto che i grassi saturi contenuti in cibi come l’olio di cocco fanno sentire più sazi rispetto ai grassi monoinsaturi. Tuttavia altre ricerche hanno escluso che la sazietà possa essere influenzata dal livello di saturazione degli acidi grassi.

Pertanto non è chiaro se scegliere l’olio di cocco rispetto ad altri tipi di grassi sia più efficace per aumentare la sensazione di sazietà.

Gli studi sull’olio di cocco

Le ricerche condotte sull’olio di cocco hanno dimostrato che può ridurre l’infiammazione, aumentare i livelli di colesterolo buono (HDL), che ha una funzione protettiva per il cuore, e promuovere la sensibilità all’insulina

Non ci sono invece ricerche che dimostrino che l’olio di cocco faccia perdere peso. Gli studi condotti sul ruolo dell’olio di cocco nel controllo dell’appetito e nella promozione della perdita di peso infatti non hanno dato risultati incoraggianti.

Ad esempio uno studio condotto su 15 donne in sovrappeso ha scoperto che consumare 25 ml di olio di cocco a colazione era meno efficace della stessa quantità di olio d’oliva nella riduzione dell’appetito 4 ore dopo il pasto.

Pubblicità

Uno studio condotto su 91 adulti, seguiti per 4 settimane, non ha riscontrato differenze significative nel peso corporeo tra coloro che consumavano 50 grammi di olio di cocco e coloro che mangiavano le stesse quantità di burro o olio d’oliva. 

Non mancano però ricerche con risultati più positivi. Uno studio di 4 settimane su 20 adulti obesi ha scoperto che l’assunzione di 2 cucchiai di olio di cocco al giorno può ridurre significativamente la circonferenza vita negli uomini. Questi risultati sono stati dimostrati anche da studi condotti sui topi, in cui l’olio di cocco si è rivelato efficace per aiutare a perdere il grasso sulla pancia. Tuttavia sono necessarie ulteriori ricerche su larga scala per poter confermare questi benefici.

Conclusioni

In conclusione l’olio di cocco non fa dimagrire da solo, ma è sicuramente un cibo sano da inserire nella dieta, a patto di moderare le quantità. Bisogna ricordare infatti che è molto calorico: ben 862 calorie per 100 grammi.

In generale per perdere i chili di troppo non bisogna mai affidarsi a un ingrediente specifico, ma seguire una dieta varia e bilanciata, ricca di frutta, verdura, proteine magre, carboidrati integrali e piccole quantità di grassi sani, come l’olio di cocco o di oliva.

Scopri anche se è vero che bere acqua e limone fa dimagrire.

Fonte: Healthline

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento