Perché il gatto mostra la pancia

di Mentegatto
0 commenti
gatto mostra la pancia

Cosa c’è di più irresistibile di un gatto che si mette a pancia all’aria? Quando da sdraiato si gira sulla schiena mostrando la pancia la tentazione di accarezzarlo e fargli i grattini è davvero forte. Ma siamo sicuri che sia la cosa giusta da fare? A volte quello che a noi sembra un invito ad accarezzarlo non lo è affatto nel linguaggio del corpo del nostro micio. Non è raro che il gatto ci graffi e ci morda quando gli tocchiamo la pancia.

Per evitare fraintendimenti in questo approfondimento cercheremo di capirne di più sul perché il gatto mostri la pancia e su come comportarci quando ci espone il suo pancione peloso.

La pancia è un punto delicato

Pubblicità

Prima di tutto chiariamo una cosa. Se il gatto ci aggredisce quando gli tocchiamo la pancia è per una ragione molto semplice: in questo punto sono concentrati diversi organi vitali, che si trovano sotto la pelle della pancia, a distanza di pochi millimetri. Un danno a uno qualsiasi di questi organi potrebbe risultare fatale per il gatto. Perciò i gatti reagiscono con aggressività quando gli si accarezza la pancia. Lo fanno semplicemente per difendersi da traumi e ferite in un punto del corpo vulnerabile.

A differenza dei cani, che amano farsi fare i grattini sulla pancia, i gatti sono più reticenti. Ad alcuni gatti piace farsi accarezzare sulla pancia, altri invece seguono il loro istinto, che gli dice di non esporsi così tanto. Per questo motivo è raro che un gatto stia sdraiato sulla schiena a pancia in su, anche quando è profondamente addormentato.

Il significato della pancia in mostra

Pubblicità

Ma allora perché a volte i gatti ci mostrano la pancia come se ci stessero chiedendo le coccole proprio in quel punto?

Pubblicità

Ebbene, come i cani anche i gatti hanno imparato a rotolarsi e ad esporre i loro stomaci alle persone che conoscono bene. Ma questo non è un invito a toccargli la pancia. Ci stanno solo dicendo che si fidano di noi. Perciò è bene non tradire questa fiducia accarezzandolo, facendogli i grattini o il solletico sulla pancia.

Se proprio non riesci a farne a meno accarezzagli la pancia quando è sdraiato su un fianco e non quando è sdraiato sulla schiena. Un approccio “di lato” che è più prudente e potrebbe dargli meno fastidio. Fai però sempre molta attenzione al linguaggio del corpo. Se noti segni di disagio e nervosismo, come la punta della coda contratta o lo sguardo fisso sulla tua mano, fermati subito.

Pubblicità

Al tuo gatto piace che gli strofini la pancia? Hai mai massaggiato il tuo micio sul pancino? Come l’ha presa? Se ti va raccontaci la sua reazione nei commenti. Alla prossima dalla redazione di M’informo Animali!

Scopri anche il significato del trillo del gatto.

Fonte: Catster
Foto: Jim via Flickr

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento