Home / Salute / 7 rimedi naturali efficaci per gli occhi secchi: dagli impacchi caldi alla dieta

7 rimedi naturali efficaci per gli occhi secchi: dagli impacchi caldi alla dieta

rimedi occhi secchi

Se i tuoi occhi sono secchi, bruciano e avverti una sensazione simile alla presenza di granelli di sabbia all’interno potresti soffrire di sindrome dell’occhio secco. Questa condizione si verifica quando le minuscole ghiandole che si trovano all’interno e intorno alle palpebre non producono abbastanza lacrime per mantenere gli occhi sani e ben lubrificati e la vista limpida.

Le lacrime sono fondamentali per mantenere la superficie degli occhi liscia e idratata. Lavano via la polvere e i detriti e proteggono dalle infezioni. Gli occhi sani restano umidi tutto il giorno.

A volte però capita che alcune malattie, farmaci o anche semplicemente l’invecchiamento riducano la produzione di lacrime. Può succedere che gli occhi si secchino anche quando non viene prodotto il giusto tipo di lacrime, necessario a eliminare le particelle di sporco e a mantenere la superficie oculare ben lubricata.

Il trattamento per gli occhi secchi dipende dalla causa della sindrome. In alcuni casi il medico può prescriverti dei farmaci per curare la malattia che causa secchezza oculare. Potrebbe essere necessario assumere dei medicinali per produrre più lacrime e adottare degli accorgimenti per evitare che le lacrime si asciughino troppo presto.

Per alleviare il disagio, a casa puoi provare dei rimedi naturali per gli occhi secchi. Eccone alcuni tra i più efficaci.

Applica degli impacchi caldi sugli occhi secchi

Le lacrime sono composte da oli, acqua e muco, tre sostanze indispensabili per mantenere gli occhi umidi e sani. A volte le palpebre infiammate e sporche possono ostruire le ghiandole oleifere che si trovano lungo il bordo della palpebra, provocando secchezza oculare.

In questo caso per liberare le ghiandole oleifere è utile bagnare un panno pulito con acqua calda, strizzarlo e posizionarlo sull’occhio chiuso per almeno un minuto. Per far uscire gli oli rimasti intasati si può premere delicatamente il bordo della palpebra con il dito.

Il calore umido aiuterà a sciogliere gli oli nelle ghiandole. Bagna spesso il panno in modo che rimanga sempre caldo e umido. Potrebbe essere necessario applicare gli impacchi caldi sugli occhi secchi ogni giorno per ridurre l’infiammazione, anche dopo che i tuoi occhi saranno guariti.

Lava le ciglia sporche

La pulizia delle palpebre, della pelle intorno e delle ciglia, può ridurre l’infiammazione oculare, dando sollievo agli occhi secchi. Metti un po’ di shampoo per bambini o di sapone neutro sulla punta delle dita e massaggia delicatamente l’occhio chiuso vicino alla base delle ciglia.

Sbatti di più le palpebre

Se lavori al computer per tante ore al giorno fissare lo schermo potrebbe ridurre la quantità di sbattimenti delle palpebre in un minuto, seccando gli occhi. Per risolvere il problema prova a sbattere le palpebre più spesso mentre lavori al pc. Segui la regola 20/20: ogni 20 minuti chiudi gli occhi per 20 secondi.

Un altro semplice trucco per mantenere gli occhi umidi quando si è al computer è posizionare lo schermo sotto il livello degli occhi. In questo modo non dovrai aprire completamente gli occhi per leggere e rallenterai l’evaporazione delle lacrime tra un battito di ciglia e l’altro.

Assumi grassi buoni con la dieta

I grassi sani contenuti nel pesce migliorano il funzionamento delle ghiandole oculari che producono oli, alleviando l’irritazione oculare. Se soffri di sindrome dell’olio secco assicurati di introdurre nella tua dieta salmone, tonno, sardine, trota e sgombri, pesci ricchi di acidi grassi omega-3.

Altri cibi ricchi di acidi grassi omega-3 che fanno bene agli occhi sono gli oli vegetali, come l’olio di soia e l’olio di colza, e i semi di lino. Consultati con il medico se vuoi assumere un integratore di acidi grassi omega-3 in pillole o compresse.

Rimani idratato

L’acqua aiuta a mantenere gli occhi umidi. Perciò non aspettare di avere sete per bere perché a quel punto potresti essere già leggermente disidratato.

Per mantenerti sempre ben idratato consuma almeno 8-10 bicchieri di acqua al giorno. Aumenta il consumo di liquidi anche grazie a cibi ricchi di acqua come i cetrioli e l’anguria, e di bevande senza zuccheri aggiunti, alcolici o caffeina.

Per sapere se sei idratato a sufficienza, controlla il colore della tua urina. Se è trasparente o giallo paglierino significa che stai bevendo abbastanza.

Indossa degli occhiali da sole

Indossa degli occhiali da sole grandi e coprenti per proteggere gli occhi dal vento secco, che fa evaporare le lacrime più velocemente. A casa non puntare mai ventilatore, asciugacapelli ed aria condizionata in direzione degli occhi.

Utilizza un umidificatore e un purificatore d’aria con filtro

Se l’aria di casa è troppo secca aggiungi umidità con un umidificatore. Puoi ottenere lo stesso effetto anche mettendo una pentola d’acqua vicino a una fonte di calore, ad esempio vicino al termosifone.

Un altro metodo per prevenire gli occhi secchi è filtrare l’aria con un purificatore d’aria con filtro che elimina la polvere e le altre particelle.

Attenzione alle gocce oculari per occhi secchi

Le gocce oculari che vendono in farmacia senza ricetta possono aiutarti a umidificare gli occhi. Alcuni colliri da banco per gli occhi secchi contengono dei conservanti che li fanno durare più a lungo. L’uso prolungato di questi farmaci però può irritare gli occhi.

Fatti consigliare dal tuo farmacista, dal medico di famiglia o dall’oculista il prodotto più adatto. In commercio esistono anche gocce oculari senza conservanti e unguenti per gli occhi secchi.

Non applicare invece sugli occhi secchi le gocce per gli occhi rossi, perché con il tempo possono peggiorare la sindrome dell’occhio secco e l’irritazione oculare.

Scopri anche perché gli occhi sono sempre sporchi di muco e appiccicati al mattino.

Fonte: WebMD


Potrebbe interessarti anche:

miele per il mal di gola dosi

Miele per il mal di gola: quanto è efficace e come usarlo

Usare il miele per il mal di gola non è affidarsi soltanto alla saggezza popolare, ma anche alla scienza, come confermano questi studi sulle proprietà del miele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.