Home / Salute / Alimentazione / La dieta del dottor Nowzaradan di Vite al limite: piano ed esempio di menù

La dieta del dottor Nowzaradan di Vite al limite: piano ed esempio di menù

dottor Nowzaradan Vite al limite

La dieta del dottor Nowzaradan è un regime dimagrante ideato per persone obese che devono sottoporsi a un intervento di chirurgia bariatrica.

Il dottor Younan Nowzaradan, conosciuto anche come dottor Now, è un chirurgo di origini iraniane che opera in una clinica di Houston, in Texas (USA).

È diventato famoso per il reality Vite al limite (titolo originale My 600-Lb Life). Il programma, prodotto in America dall’emittente TLC, in Italia viene trasmesso sul canale Real Time.

In Vite al limite i pazienti obesi seguiti dal dottor Nowzaradan seguono una rigida dieta dimagrante per potersi sottoporre all’intervento di bypass gastrico e risolvere una volta per tutte i loro gravi problemi di peso.

Ognuno dei partecipanti ha una sua storia personale forte che lo ha portato a lottare con l’obesità. C’è chi è obeso per fattori genetici, chi lotta con la bilancia per problemi psicologici perché non riesce a controllare le abbuffate emotive, chi è diventato obeso dopo aver subito un trauma o la perdita di una persona cara.

Il metodo del dottor Nowzaradan

Tutti sono accomunati dalla voglia di perdere peso e tornare a condurre una vita normale. Un desiderio che il dr. Nowzardan motiva con metodi diretti, a tratti bruschi, per far capire senza mezzi termini ai pazienti che rischiano la vita se non si attengono al piano dimagrante e ad una rigida disciplina.

Per molti pazienti il dottor Nowzardan rappresenta l’ultima possibilità di sopravvivenza. Il chirurgo americano infatti accetta anche i casi disperati rifiutati da altri medici, perché non ha un processo di selezione.

Ogni persona obesa può bussare alla sua porta, prenotare una visita ed essere seguita nel suo percorso di rinascita. Nel programma i pazienti hanno un anno per rinascere.

Il dottor Nowzardan è gentile, ma allo stesso tempo sa come farsi rispettare per raggiungere il suo obiettivo: salvare la vita dei suoi pazienti ed aiutarli a sconfiggere l’obesità una volta per tutte.

Non basta infatti sottoporsi a un intervento chirurgico per perdere peso. La chirurgia bariatrica non fa magie. I pazienti devono seguire una lunga preparazione prima di poter ricorrere al bendaggio gastrico regolabile, che prevede la restrizione dello stomaco tramite un anello gonfiabile in silicone, o alla gastrectomia verticale parziale, che taglia una parte dello stomaco.

Non si tratta solo di perdere i chili di troppo che potrebbero esporre a gravi rischi per la salute durante l’intervento. Il dottor Now vuole che i suoi pazienti cambino le loro abitudini, dalla dieta allo stile di vita, per evitare che dopo l’operazione tornino a mangiare in modo sregolato e riprendano i chili di troppo.

La chirurgia bariatrica infatti può regolare la quantità di cibo necessaria per sentirsi sazi, oppure quanti nutrienti e calorie vengono assorbiti dall’organismo, ma non può controllare il comportamento dei pazienti dopo l’intervento.

In cosa consiste il piano dietetico del dottor Nowzaradan

Ogni paziente riceve un piano dietetico personalizzato adatto ai suoi bisogni specifici e al suo stato di salute.

Tutti però hanno qualcosa in comune: una restrizione drastica delle calorie. La dieta del dottor Nowzaradan prevede infatti l’assunzione di solo 800-1.200 calorie al giorno.

Un regime dimagrante che potrebbe sembrare estremo, soprattutto per pazienti obesi, abituati a consumare fino al triplo delle calorie ogni giorno.

Ma c’è una ragione precisa dietro a un calo delle calorie così drastico. I pazienti del dottor Now lottano per la vita e hanno i mesi contati. Una restrizione calorica drastica è il modo più rapido per perdere peso.

Inoltre prepara i pazienti alla loro dieta futura. Dopo l’intervento infatti non potranno più mangiare grandi porzioni di cibo.

Cibi vietati

La dieta del dottor Nowzaradan non è una dieta che si concentra su divieti e privazioni. Ciononostante ci sono alcuni cibi vietati.

L.B. Bonner, un paziente apparso nella sesta stagione di Vite al limite, morto suicida a 30 anni, elencò alcuni dei cibi che gli erano stati proibiti dal dottor Nowzaradan:

  • zucchero;
  • caramelle;
  • dolci;
  • cioccolata;
  • crackers;
  • patatine fritte;
  • patatine;
  • popcorn;
  • noci;
  • noccioline;
  • riso bianco;
  • riso integrale;
  • pasta;
  • cereali;
  • succo di frutta;
  • pane (fatta eccezione per piccole porzioni);
  • dolcificanti naturali come il miele;
  • frutti che contengono tanti zuccheri come l’anguria;
  • banane.

Cibi consentiti

La dieta del dottor Nowzaradan si basa su due regole: cibi naturali non processati e porzioni piccole.

Esempio di menù

Ecco un esempio di menù della dieta del dr. Nowzaradan basato sullo schema fornito a un paziente.

Colazione

Per colazione il medico consiglia ai suoi pazienti cibi a scelta tra:

  • albumi d’uovo;
  • salsicce di tacchino;
  • fagioli;
  • farina d’avena;
  • ricotta a basso contenuto di grassi;
  • yogurt greco intero;
  • pane integrale.

Come abbiamo scritto, ogni piano dietetico viene personalizzato in base alle esigenze del paziente. In uno schema condiviso online da un suo paziente il medico ha previsto l’assunzione di 380 calorie a colazione:

  • 160 calorie provenienti da 60 grammi di carne come le salsicce di tacchino, o da 2 albumi d’uovo o ancora da 30 grammi di fagioli;
  • 80 calorie da una fettina di pane integrale o altri carboidrati sani, come la farina d’avena (una porzione da 40 grammi);
  • 45 calorie provenienti dai grassi, ad esempio da 115 grammi di fiocchi di latte o ricotta.
  • 100 calorie provenienti da 170 ml latte scremato o di yogurt greco.

Pranzo

A pranzo è permesso mangiare proteine magre come della carne alla griglia, bollita o al forno (mai impanata o fritta), salumi magri o del tonno in scatola. La porzione di carne prevista è di 85 grammi per un totale di 135 calorie.

Consentite anche le verdure non amidacee e le insalate ma senza condimento (a eccezione di un po’ di maionese light) per un totale di 25 calorie. Le verdure consigliate sono: carote, broccoli, cavoli, cavolfiori, asparagi, cavoletti di Bruxelles, spinaci, zucchine e zucche.

Permesse altre 60-80 calorie da verdure amidacee o legumi e 45 calorie dai grassi, per un totale di 265 calorie.

Non è permesso mangiare frutta o succhi di frutta.

Cena

A cena si possono mangiare gli stessi cibi mangiati a pranzo sempre per un totale di 265 calorie, mentre per merenda vanno bene una fetta di tacchino o di prosciutto o uno yogurt greco.

Dieta di mantenimento

Dopo l’intervento chirurgico i pazienti devono seguire una dieta equilibrata, a base di cereali integrali, latticini, proteine, frutta e verdura, evitando gli zuccheri e il sale in eccesso.

Quanti chili si perdono con la dieta del dr. Nowzaradan

La dieta del dr. Nowzaradan è molto restrittiva ed è difficile da seguire, ma chiunque ha visto i risultati incredibili ottenuti dai pazienti protagonisti di Vite al limite sa che è efficace per perdere peso e cominciare una nuova vita.

I pazienti obesi perdono fino a 2 chili alla settimana. Il tutto avviene sotto stretto controllo medico e con programmi personalizzati. La dieta del dr. Nowzaradan dunque non può essere seguita a casa in autonomia, prendendo ad esempio gli schemi forniti dal dottore ad altri pazienti. Se dovete perdere tanti chili affidatevi sempre alle cure di un nutrizionista e di un dietologo.

June McCamey Vite al limite prima e dopo la dieta del dottor Nowzaradan
June McCamey pesava 267 chili e ha perso 181 chili.
Donald Shelton Vite al limite Prima e dopo la dieta del dr. Nowzaradan
Donald Shelton pesava 306 chili e ne ha persi 172.

Tasso di successo a lungo termine

Purtroppo il tasso di successo a lungo termine dei pazienti del dottor Nowzaradan è molto basso: circa il 5%. La ragione è che dopo 5 anni dall’intervento gli ormoni che controllano l’appetito tornano ai livelli pre-intervento e molti pazienti non seguono più la dieta e le visite di follow-up.

Come prenotare una visita con il dr. Nowzaradan

Il dr. Nowzaradan lavora principalmente con pazienti americani ma visita anche pazienti provenienti dal resto del mondo.

Sul suo sito è possibile compilare un form per ricevere maggiori informazioni sul programma e sull’intervento. Oppure chiamare il numero (713) 661-6262 per scoprire come diventare suoi pazienti. Le lingue parlate dagli operatori sono arabo, spagnolo e inglese.

I candidati ideali per un intervento, come ha spiegato più volte lo stesso chirurgo, sono i pazienti con obesità genetica. Mentre gli altri beneficiano maggiormente di un programma dietetico, di attività fisica e psicoterapia.

Per quanto riguarda i costi di una visita e dell’intervento, solitamente sono coperti dall’assicurazione medica americana perché sono proibitivi.

Costi dell’intervento

Non conosciamo i costi precisi della clinica del dr. Nowzaradan, ma per un intervento di chirurgia bariatrica a New York un paziente obeso riferisce su Money.com che la sua assicurazione ha pagato 67 mila dollari per due notti di ricovero al St. Luke’s Hospital.

Scopri anche come funziona la dieta mima-digiuno.

Fonti: Cheetsheet; Quora; Nickiswift.com
Foto copertina: Dr. Nowzaradan via Facebook

Potrebbe interessarti anche:

sazietà precoce sentirsi subito sazi

Sazietà precoce: perché ci si sente subito sazi e non si ha più fame

Sentirsi subito sazi dopo aver mangiato poco è una condizione nota come sazietà precoce, che può avere diverse cause: dalla gastroparesi al cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.