Home / Attualità / Nuova carta d’identità elettronica (CIE): come richiederla e quanto costa

Nuova carta d’identità elettronica (CIE): come richiederla e quanto costa

nuova carta d'identità elettronica

Sei stanco di andare in giro con una carta d’identità cartacea sgualcita e antiquata e vuoi richiedere la nuova carta d’identità elettronica? Sei nel post-o giusto! In questa guida ti spiegheremo tutto quello che devi sapere per ottenere la CIE: dalle procedure ai costi.

Cos’è e com’è fatta la carta d’identità elettronica

Prima di addentrarci nelle modalità di richiesta, conosciamo meglio questo nuovo documento d’identità. La carta d’identità elettronica è un documento d’identità valido in Italia e all’estero che può essere richiesto al proprio Comune di residenza o dimora dai cittadini italiani.

Simile in forma e dimensioni a una carta di credito, la CIE sostituisce la versione cartacea della carta d’identità. I Comuni che rilasciano la CIE infatti non emettono più le vecchie carte d’identità cartacee.

Il supporto in policarbonato

La nuova carta d’identità è realizzata in policarbonato, un tipo di plastica elastica resistente a graffi e urti, al calore, agli agenti atmosferici e meno soggetto all’ingiallimento rispetto ad altri materiali.

Il supporto in policarbonato della CIE viene personalizzato con la tua foto e i tuoi dati grazie alla tecnica del laser engraving. I dati vengono cioè incisi in bianco e nero con il laser senza l’uso di inchiostri.

Gli elementi di sicurezza

Sul supporto sono presenti anche elementi di sicurezza su entrambi i lati, come gli ologrammi, microstrutture create con il laser che originano immagini animate per prevenire la contraffazione del documento, e variazioni di spessore (guilloche).

Le linee intrecciate riprodotte con effetto a rilievo rendono facilmente visibile alle autorità ogni tentativo di alterare il documento. Le modifiche infatti altererebbero l’intreccio delle linee.

Le grafiche

Per essere immediatamente riconoscibile, la carta riporta elementi grafici tipici: l’emblema della Repubblica Italiana e la geometria della Piazza del Campidoglio a Roma.

Il microprocessore

La CIE è dotata di un microprocessore a radio frequenza che viene letto senza contatti, cioè solo avvicinandolo a un lettore da tavolo commerciale alla frontiera o agli smartphone dotati di interfaccia NFC (Near Field Communication).

Questa componente elettronica permette di identificarsi tramite la tecnologia ICAO MRTD, la stessa usata per il passaporto elettronico.

Il microprocessore contiene il Numero Identificativo ServiziNIS, e svolge più funzioni:

  • serve a proteggere i dati anagrafici, la foto e le impronte del titolare del documento identificativo dai tentativi di contraffazione;
  • permette di identificarsi fisicamente;
  • consente di identificarsi in rete per accedere ai servizi digitali delle pubbliche amministrazioni e a diversi servizi telematici in Italia e in Europa;
  • consente di richiedere l’identità digitale tramite uno dei provider dello SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitali.

I dati sono firmati digitalmente dal Ministero dell’Interno. La lettura dei dati è permessa solo a chi dispone dei dispositivi autorizzati a usare le chiavi d’accesso stampate sulla carta nel CAN – Card Access Number o nell’MRZ, la Machine Readable Zone.

Quindi non è possibile che i tuoi dati personali vengano letti a tua insaputa da dispositivi non autorizzati, anche perché tutte le comunicazioni con il lettore sono criptate.

Il numero unico nazionale

Sul fronte in alto a destra della carta d’identità digitale è riportato il numero unico nazionale, un numero seriale costituito da una C seguita da un’altra lettera, da 5 numeri in sequenza e da due lettere finali, per un totale di 9 caratteri. Esempio: CA00000AA.

I dati riportati sulla nuova carta d’identità elettronica

I dati riportati sulla nuova carta d’identità elettronica sono:

  • Comune che ha emesso il documento;
  • nome e cognome;
  • luogo e data di nascita;
  • sesso;
  • statura;
  • cittadinanza;
  • immagine della firma del titolare;
  • validità della CIE per l’espatrio (in caso di minori è necessaria l’autorizzazione dei genitori);
  • foto;
  • un’immagine dell’impronta digitale di un dito della mano destra e una di un dito della mano sinistra (solo per i cittadini di età uguale o maggiore a 12 anni);
  • codice fiscale;
  • estremi dell’atto di nascita;
  • indirizzo di residenza;
  • codice fiscale sotto forma di codice a barre.

Per i cittadini residenti all’estero è presente anche il Comune di iscrizione all’A.I.R.E., l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero.

La carta d’identità digitale di un minorenne riporta anche il nome e il cognome dei genitori.

La fotografia, il numero del documento e i dati anagrafici sono incisi sul fronte. Sul retro si trovano invece l’indirizzo di residenza, una copia della foto del titolare e il codice fiscale.

Per favorire un controllo più rapido del documento anche all’estero, le informazioni sono posizionate in base agli standard internazionali, in primis ICAO 9303 (titolo del documento, fotografia e dati anagrafici).

Come si presenta la domanda per ottenere la nuova carta d’identità elettronica

modulo carta d'identità elettronica

Per richiedere la nuova carta di identità elettronica devi recarti presso gli uffici anagrafe del proprio Comune di residenza. Per risparmiare tempo puoi prenotare online un appuntamento. Operazione necessaria in alcuni Comuni, come il Comune di Milano, che la rilasciano solo su appuntamento.

Puoi richiederla quando la tua vecchia carta d’identità è scaduta o scadrà nei 6 mesi successivi o se si è rovinata irrimediabilmente.

Oppure se l’hai persa o ti è stata rubata. In quest’ultimo caso però ricordati di passare prima in caserma dai Carabinieri per sporgere la denuncia di furto/smarrimento e ottenere il relativo documento da presentare al Comune.

Quanto vale la CIE

Il documento vale 10 anni per i cittadini maggiorenni. La validità è invece inferiore per i minorenni e varia in base alla fascia d’età al momento della richiesta:

  • 3 anni per i minori di età inferiore ai 3 anni;
  • 5 anni per i titolari di età compresa tra i 3 e i 18 anni.

Quali documenti servono per richiedere la nuova carta d’identità elettronica

Per richiedere la nuova carta d’identità elettronica devi portare in comune:

  • una fototessera cartacea o elettronica su una chiavetta USB del formato uguale a quello necessario per il passaporto;
  • codice fiscale;
  • tessera sanitaria;
  • un documento d’identità in corso di validità o se ne sei sprovvisto due testimoni che confermino la tua identità;
  • il numero di ricevuta di pagamento della carta.

Come si svolge la procedura di richiesta di rilascio della CIE

L’operatore comunale ti chiederà di esibire un documento d’identità in corso di validità.

In caso di rinnovo dovrai consegnare il vecchio documento. Anche se la tua vecchia carta d’identità è rovinata va consegnata all’impiegato.

Dovrai consegnare all’operatore comunale anche il codice fiscale e il numero della ricevuta del pagamento della carta.

A questo punto verificherai insieme all’operatore la correttezza dei dati anagrafici presenti nell’anagrafe comunale.

Dovrai comunicare dove vuoi ricevere il documento o se vuoi ritirarlo tu stesso in Comune. In questa fase della procedura potrai anche autorizzare qualcun altro a ritirare il documento per te, fornendo le sue generalità all’impiegato.

Potrai inoltre fornire un tuo recapito per restare aggiornato sullo stato della spedizione del documento.

Dovrai poi consegnare all’operatore la fotografia e procedere all’acquisizione delle impronte digitali.

impronte digitali CIE nuova carta d'identità elettronica

Se sei maggiorenne dovrai inoltre indicare se presti o neghi il consenso alla donazione degli organi. In futuro potrai sempre modificare la tua volontà, facendone richiesta al Comune.

Infine, dovrai firmare il modulo di riepilogo e verificare un’ultima volta i dati.

Quanto costa la nuova carta d’identità elettronica

La CIE ha un costo fisso di 16,79 euro da versare nelle casse del tuo Comune prima di presentare la domanda per il rilascio. A questi costi vanno aggiunti i diritti fissi e di segreteria ove previsti.

Il numero della ricevuta di pagamento va conservato.

Quanto tempo impiega la CIE ad arrivare

La carta d’identità elettronica ti verrà consegnata a casa entro 6 giorni lavorativi dalla presentazione della richiesta.

N.B. Entro la metà del 2018 l’emissione della CIE avrebbe dovuto essere disponibile presso tutti i Comuni italiani. Ma per sicurezza controlla che il tuo Comune l’abbia adottata consultando questo elenco in continuo aggiornamento dei Comuni aderenti sul sito del Ministero dell’Interno.

Speriamo di esserti stati utili a capire come richiedere la nuova carta d’identità elettronica. Se hai altre domande o vuoi raccontarci la tua esperienza con il rilascio della CIE, scrivici pure nei commenti.

Alla prossima dalla redazione di M’informo!

Potrebbe interessarti anche:

Fatturazione elettronica: cos’è e come funziona

Cos'è la fattura elettronica e come funziona con il riferimento di carburante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.