Home / Attualità / Economia e Risparmio / Postepay scaduta: cosa fare quando ci sono ancora soldi dentro

Postepay scaduta: cosa fare quando ci sono ancora soldi dentro

Postepay

La tua carta Postepay Standard è scaduta e ci sono ancora soldi dentro? Niente paura! La procedura di rinnovo ti permetterà di trasferire il tuo credito residuo sulla nuova Postepay. Potrai così recuperare i soldi rimasti sulla Postepay scaduta senza problemi.

In alternativa, se non vuoi attivare una nuova carta prepagata, potrai anche prelevare in posta allo sportello tutti i soldi rimasti sulla Postepay scaduta senza sostenere alcun costo aggiuntivo.

In questa guida ti spiegheremo nel dettaglio cosa fare quando la Postepay scade o sta per scadere.

Tutti i modi per rinnovare la Postepay scaduta

La Postepay Standard è una carta prepagata gialla che ha una validità di 5 anni. La data di scadenza è riportata sulla carta e si riferisce all’ultimo giorno del mese indicato. Ad esempio se la tua carta riporta come data di scadenza 08/2019 potrai usarla per pagare al supermercato, prelevare al Postamat o fare acquisti online fino alle 23:59 del 31 agosto 2019.

La Postepay può essere rinnovata gratis a partire da 2 mesi prima della data di scadenza e fino a 18 mesi da quando è scaduta.

Ci sono tre modi per rinnovare una carta Postepay scaduta. Tutti e tre non comportano alcun costo di rinnovo:

  1. Online;
  2. Al telefono;
  3. Alla posta.

Rinnovo online

La Postepay può essere rinnovata online solo se hai già abilitato alla Sicurezza Web il numero di cellulare associato al tuo profilo cliente.

In questo caso visita la sezione dedicata al rinnovo della Postepay sul sito di Poste Italiane. Da lì, cliccando sul pulsante “Rinnova Postepay” che trovi in alto a destra accedi alla tua area personale Myposte e procedi al rinnovo direttamente online.

Se non hai ancora autenticato il tuo numero di cellulare procedi invece prima all’adesione al sistema di Sicurezza Web cliccando su “Impostazioni” dall’area personale Myposte. Inserisci il numero di cellulare securizzato per abilitare le operazioni su Internet.

Rinnovo al telefono

Il rinnovo può essere fatto anche per telefono, chiamando il Servizio Clienti Postepay al numero gratuito 800.00.33.22 e digitando il tasto 2 per richiedere una nuova carta.

La procedura è automatizzata, quindi in questa prima telefonata non parlerai con un operatore, ma dovrai semplicemente seguire le istruzioni della voce registrata.

Dovrai digitare:

  • I 16 numeri della tua vecchia carta.
  • La tua data di nascita: 2 cifre per il giorno, 2 per il mese e 4 per l’anno. Ad esempio se sei nato il 13 maggio del 1980 dovrai digitare sulla tastiera del telefono 13051980.

Successivamente digita 1 per confermare i dati e ancora una volta 1 per confermare l’indirizzo a cui vuoi ricevere la tua nuova carta.

Tempi di spedizione della nuova Postepay

Sia con il rinnovo al telefono che tramite le modalità di rinnovo online, la nuova Postepay verrà spedita direttamente a casa. Di solito impiega una decina di giorni ad arrivare, anche se il tempo massimo indicato da Poste Italiane per la consegna è di 45 giorni.

Dov’è il mio nuovo PIN?

Il PIN invece per motivi di sicurezza ti verrà spedito a parte e potrebbe arrivare prima o dopo la carta. A ogni modo non serve per attivare la carta, ma solo per usarla come Bancomat (per gli acquisti online invece il PIN non è necessario). Quindi potrai procedere lo stesso all’attivazione della Postepay anche se il nuovo PIN non ti è ancora arrivato.

Se il PIN non arriva nel giro di un mese, richiedine un altro, contattando il servizio clienti e spiegando il problema.

Se invece vuoi ricevere il Pin a un indirizzo diverso dovrai recarti in un ufficio postale.

Come attivare la nuova Postepay

Al telefono

Una volta ricevuta la tua nuova carta dovrai attivarla chiamando lo stesso numero verde utilizzato per la richiesta di rinnovo, cioè l’800.00.33.22, e premendo il tasto 2 per parlare con un operatore.

La telefonata è registrata.

Ti consigliamo di attivare la carta nuova non appena la ricevi, anche se la vecchia non dovesse essere ancora scaduta.

Tieni a portata di mano:

  • sia la nuova che la vecchia carta prepagata perché ti chiederanno i codici;
  • la carta d’identità;
  • il codice fiscale.

Al momento dell’attivazione dovrai rispondere al questionario di verifica.

La procedura richiede un po’ di tempo sia per l’attesa di un operatore disponibile, che può arrivare a 10 minuti a telefonata, sia perché la voce automatica prima di inoltrare la chiamata a un operatore recita tutte le clausole e le leggi.

Una volta in contatto con l’operatore ti chiederà di:

  • confermare che accetti quanto hai appena ascoltato dalla voce registrata;
  • i dati personali;
  • i dati della carta d’identità;
  • l’autorizzazione per la privacy.

A volte se c’è qualche problema con i dati che hai fornito o non sono convinti potrebbero passare la tua pratica al centro verifiche di secondo livello.

Online

Puoi attivare la tua nuova carta anche online, cliccando sul link Attiva Postepay, inserendo le ultime 4 cifre della carta e cliccando sul pulsante “Valida“.

A questo punto comparirà il numero della vecchia carta con il saldo da trasferire.

Clicca su “Continua” e nella pagina successiva su “Richiedi“. Riceverai via sms il codice OTP da inserire per confermare la richiesta.

A questo punto la procedura è ultimata e la tua carta è attiva.

Fai attenzione alle truffe sulla Postepay che sono molto comuni online. 

  • Chiama solo il numero verde ufficiale delle Poste ed effettua le procedure di richiesta rinnovo e attivazione solo sul sito ufficiale.
  • Non fornire le cifre della Postepay ad altri siti intermediari.
  • Evita di rispondere a mail sospette che ti chiedono i dati della tua carta per svuotarti il conto.
  • Non chiamare numeri truffa.

Rinnovo in un ufficio postale

La Postepay può essere rinnovata anche in posta, presentando la vecchia carta. Non occorre recarsi nell’ufficio postale in cui è stata attivata la prima carta, va bene un ufficio postale qualunque.

Verrà rilasciata subito una nuova Postepay già attiva. La carta avrà un altro numero e un nuovo PIN. Il credito della vecchia Postepay verrà trasferito gratuitamente sulla nuova carta al momento dell’attivazione.

Quando bisogna andare per forza in un ufficio postale

Bisogna passare per forza dall’ufficio postale per aggiornare i propri dati prima del rinnovo online nei seguenti casi:

  • Il documento d’identità associato alla vecchia Postepay è scaduto. In questo caso dovrai consegnare all’ufficio postale una copia della tua carta d’identità in corso di validità. Porta con te anche la vecchia Postepay e il codice fiscale;
  • Hai cambiato residenza. In questo caso dovrai comunicare il nuovo indirizzo di residenza. Potrebbero però sorgere dei problemi se sulla tua carta d’identità c’è ancora il vecchio indirizzo. In questo caso potrebbero volerci più giorni per aggiornare i dati e bisognerà armarsi di pazienza, chiamando anche più volte il servizio clienti per avere conferma dell’avvenuto aggiornamento.
  • Sei un cittadino extracomunitario, cioè provieni da un Paese non appartenente all’Unione Europea.
  • Rientri nella categoria delle persone politicamente esposte (PEP), che comprende le persone che ricoprono incarichi pubblici e i loro familiari, tenute dal Decreto Antiriciclaggio D.lgs. 231/2007 modificato dal D.Lgs.90/2017 a documentare l’origine del loro patrimonio.

Come recuperare i soldi rimasti sulla Postepay senza rinnovo

Se non vuoi rinnovare la Postepay oppure se vuoi ritirare tutti i soldi rimasti su quella vecchia senza trasferirli su quella nuova al momento dell’attivazione, non devi fare altro che recarti in posta, consegnare la vecchia Postepay e chiedere allo sportello il rimborso totale del saldo residuo.

Questa procedura serve a recuperare i soldi rimasti sulla Postepay scaduta, anche quando sono ormai sono passati 18 mesi dalla data di scadenza e non è dunque più possibile rinnovarla.

Per sapere quanti soldi sono rimasti sulla Postepay dopo la scadenza puoi chiederlo direttamente all’impiegato delle Poste.

Fino alla scadenza invece il saldo residuo può essere controllato con le solite modalità: agli sportelli Postamat, sul sito di Poste Italiane o sulle app Postepay e Bancoposta.

Speriamo di esserti stati utili a capire come rinnovare la tua carta prepagata e come recuperare i soldi rimasti sulla Postepay scaduta.

Se ti va raccontaci nei commenti la tua esperienza con il rinnovo della Postepay per aiutare altri lettori vicini alla scadenza. Quale di questi metodi hai scelto? È stato facile rinnovarla? In quanto tempo hai ricevuto la nuova Postepay e il PIN?

Alla prossima dalla redazione di M’informo Economia e Risparmio!

Scopri anche come pagare con Paypal con carta di credito.

Potrebbe interessarti anche:

Usare PayPal come carta di credito

Pagare con PayPal con carta di credito si può: istruzioni e costi

Come collegare la propria carta di credito a PayPal, i costi e i vantaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.