Home / Salute / Cosa fare in caso di ustione chimica da crema depilatoria

Cosa fare in caso di ustione chimica da crema depilatoria

ustione chimica da crema depilatoria ascelle

Un’ustione chimica da crema depilatoria è una reazione avversa che si manifesta con bruciore, dolore, lesioni simili a taglietti, arrossamento e irritazione della pelle. Nei giorni successivi alla depilazione si possono manifestare altri sintomi, come comparsa di vesciche, bolle, formazione di pus e croste, pelle irritata “a puntini”, prurito e foruncoletti. Può inoltre formarsi una pellicina bianca.

L’ustione chimica da crema depilatoria capita soprattutto a chi ha la pelle sensibile e nelle parti del corpo più delicate, come le ascelle e l’inguine.

Ma ci si può ustionare con la crema depilatoria in qualsiasi zona del corpo, dalle gambe alla schiena, fino al viso, nel caso delle creme depilatorie per i baffetti.

Anche chi non ha la pelle delicata o in passato ha già usato senza problemi creme depilatorie può “bruciarsi” a causa delle sostanze chimiche aggressive che fanno cadere i peli.

La colpa è dei sali di acido tioglicolico, sostanze chimiche per la rimozione dei peli superflui contenute in molte creme depilatorie, che possono scatenare irritazioni e reazioni di intolleranza da parte della cute.

Purtroppo molte aziende cosmetiche pubblicizzano le creme depilatorie come adatte alle pelli sensibili. O peggio come indicate per la depilazione di parti del corpo delicate, ad esempio le ascelle, quando invece non lo sono affatto. Lo dimostrano le tante testimonianze di consumatori che sui forum online segnalano la comparsa di spiacevoli effetti collaterali.

Come prevenire un’ustione chimica da crema depilatoria

Detto questo, il rispetto delle precauzioni d’uso spesso può salvare la pelle dall’azione aggressiva delle sostanze chimiche. Non bisogna mai lasciare la crema in azione per più dei 5-6 minuti di tempo di posa che solitamente sono indicati sulla confezione.

Per prevenire un’ustione chimica da crema depilatoria è molto importante effettuare un test su una piccola area della pelle 24 ore prima di depilarsi. Bisogna effettuare un nuovo test non solo per i prodotti depilatori che si usano per la prima volta, ma anche per prodotti già utilizzati in passato, perché a volte le formulazioni cambiano oppure è la pelle a essere più sensibili in certe condizioni o periodi.

Anche il test di sicurezza però non è una garanzia sempre sufficiente a evitare irritazioni. A volte infatti la parte del corpo su cui si prova la crema non reagisce male, mentre è durante la depilazione vera e propria su parti del corpo diverse e più ampie che si sviluppano reazioni avverse.

Come trattare un’ustione chimica da crema depilatoria

In caso la pelle inizi a bruciare subito dopo l’applicazione della crema depilatoria è importare rimuovere ogni residuo di sostanza e risciacquare immediatamente e abbondantemente per 10 minuti con acqua fredda ma non ghiacciata la pelle ustionata.

Non bisogna usare deodoranti e creme con profumo per non irritare ulteriormente la pelle. Per prevenire l’irritazione della pelle nelle 24 ore successive alla depilazione non bisogna indossare vestiti attillati che sfreghino sulla cute irritata, né fare sport che portino a sudare molto, come andare in bici o correre, peggio se indossando dei pantaloncini attillati.

Quando preoccuparsi

Se l’ustione da sostanze chimiche è estesa e compaiono altri sintomi, come nausea, febbre, vomito e/o una sensazione di stordimento è importante recarsi subito alla guardia medica o al pronto soccorso per ricevere assistenza medica.

In caso sulla pelle dovessero comparire sfoghi anche a distanza di giorni dalla depilazione, se l’ustione puzza e/o non guarisce o assume un colore preoccupante, rivolgetevi al medico di famiglia o al dermatologo per un consulto. Potrebbe infatti trattarsi di una reazione allergica alla crema depilatoria più grave che richiede una terapia specifica. Oppure potrebbe esserci un’infezione in corso.

Farmaci e rimedi naturali consigliati

In caso l’ustione da crema depilatoria invece sia lieve dovrebbe passare nel giro di 2-3 giorni. Potete spiegare il problema nei dettagli al farmacista e chiedere una pomata a base di cortisone, come il Gentalyn unguento o crema adatto per le ustioni o il Gentalyn Beta. Quest’ultimo contiene sia la gentamicina, un antibiotico ad ampio spettro efficace contro diversi batteri e utile in caso di infezioni, che il Betametasone valerato, cortisone che combatte l’infiammazione.

Il medico di famiglia se lo ritiene necessario può prescrivervi anche una pomata più potente, ad esempio una crema corticosteroide come l’Ovixan per placare l’infiammazione della pelle.

Il medico può prescrivere un misto antibiotico cortisonico, da applicare la sera per 3 giorni. Successivamente può consigliare l’applicazione di una crema antinfiammatoria lenitiva come la Lichtena o la Physiogel AI. Per le ustioni di primo grado è efficace anche l’idrocortisone come il Lenirit.

Seguite sempre i consigli del medico o del farmacista, non applicando il cortisone per periodi di tempo prolungati, di solito non oltre i 2-3 giorni e sempre sulla cute integra.

Per le ustioni di 2° grado superficiali che necessitino di una pulizia della ferita, fatevi prescrivere dal farmacista anche un disinfettante a base di clorexidina come il Neoxene, un clorossidante elettrolitico come l’Amuchina 10% o il povidone iodio come il Betadine.

No invece ad alcool denaturato, tinture e soluzioni di acido borico.

Per idratare la pelle e accelerare la guarigione della bruciatura un rimedio naturale efficace è l’aloe vera, che ha proprietà reidratanti, rinfrescanti e disinfettanti. Bisogna però comprare una crema all’aloe vera in farmacia assicurandosi che non contenga profumi.

Non bisogna invece applicare altri rimedi naturali fai da te, oli e burri per il corpo. Non farebbero altro che peggiorare la situazione, creando un ambiente umido favorevole alla proliferazione dei batteri.

La pelle bruciata dalla crema depilatoria va tenuta pulita per evitare infezioni, sciacquandola più volte al giorno con acqua fredda e asciugandola bene con un panno pulito.

Anche coprirla con una garza grassa imbevuta di sostanze idratanti come il petrolatum, ad esempio l’Adaptic, e successivamente con una benda a rete sterile e traspirante, può mantenerla pulita dalla polvere e favorirne la guarigione. Meglio invece evitare le garze aderenti o che si sfilacciano per non rischiare che piccoli filamenti di cotone si attacchino alla ferita.

La pelle lesa non va mai esposta al sole fino a completa guarigione. Successivamente bisogna applicare una protezione solare 50+ ogni 3 ore.

Ovviamente fino a quando la pelle non sarà guarita non ci si potrà depilare nuovamente neanche con il rasoio o con la ceretta.

Come alleviare il dolore da ustione chimica

Per alleviare il dolore è possibile assumere un analgesico da banco come l’ibuprofene, il diclofenac, il paracetamolo o il ketoprofene. Non applicare mai ghiaccio direttamente sulla pelle ustionata.

In caso di reazioni avverse da crema depilatoria in futuro è bene usare un altro metodo per depilarsi per non procurarsi altre ustioni.

Se la crema depilatoria che vi ha ustionato riportasse una dicitura ingannevole, come “adatta anche a pelli sensibili”, potete segnalarlo allo IAP, l’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria, compilando questo form.

Vi siete mai ustionati con una crema depilatoria? Cosa vi ha consigliato il medico o il farmacista? Se vi va, raccontateci la vostra esperienza nei commenti per aiutare altri lettori con lo stesso problema.

Alla prossima dalla redazione di M’informo Salute!

Scoprite anche cosa fare in caso di ascelle irritate dopo la depilazione.

Potrebbe interessarti anche:

neo che sanguina cosa fare

Neo che sanguina: da cosa può dipendere, quando è cancro e cosa fare

Perché un neo sanguina, cosa fare nell'immediato e quando è il caso di preoccuparsi perché potrebbe trattarsi di un cancro alla pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.