Home / Salute / Alimentazione / Dieta del gelato: come funziona per dimagrire e quanto si perde

Dieta del gelato: come funziona per dimagrire e quanto si perde

dieta del gelato

La dieta del gelato è una delle tante diete di moda d’estate che promettono di far perdere peso velocemente senza rinunciare ai propri cibi golosi preferiti.

In questo approfondimento vedremo come nasce la dieta del gelato, quante diete del gelato esistono e se funziona davvero per dimagrire.

La dieta del gelato di Holly McCord

La dieta del gelato è comparsa per la prima volta nel libro di Holly McCord The Ice Cream Diet. Nel libro la nutrizionista americana, collaboratrice del magazine online Prevention.com, sostiene che mangiare gelato tutti i giorni fa dimagrire.

Schema

La dieta del gelato consiste nell’assumere 1.250 calorie al giorno da altri alimenti, a cui aggiungere altre 250 calorie da una porzione di gelato, per un totale di 1.500 calorie al giorno.

Esempio di menù

Un esempio di menù della dieta del gelato di Holly McCord prevede:

  • mezzo bagel con formaggio spalmabile e una porzione di frutta a colazione;
  • due fette di roastbeef con lattuga, pomodori e maionese light per pranzo;
  • latte magro e frutta a merenda;
  • un pezzo di pizza vegetariana e un’insalata per contorno a cena;
  • una porzione di gelato non superiore a 250 calorie.

La dieta del gelato fa davvero dimagrire?

Purtroppo a far perdere i chili di troppo con questo regime non è certo il gelato, ma una dieta ipocalorica e restrittiva da circa 1.200 calorie al giorno. Il gelato non ha nessuna proprietà dimagrante e non gli si può attribuire alcun merito nella perdita dei chili di troppo ottenuta con questo regime.

A confermarlo sul portale di salute HealthLine è la dietologa americana Jo Bartell.

Secondo l’esperta ogni volta che una persona segue una dieta con poche calorie e assume meno calorie di quelle che brucia dimagrisce.

Ed è proprio ridurre le calorie che fa dimagrire, non certo mangiare gelato tutti i giorni.

La dieta del gelato, oltre a permettere di consumare piccole quantità di gelato ogni giorno, invita infatti a fare pasti poveri di grassi e ad alto contenuto di fibre e a consumare più frutta e verdura. Tutti suggerimenti efficaci per perdere peso anche senza inserire il gelato.

Pro

È però vero che poter consumare i propri cibi preferiti, come il gelato, può aiutare molte persone a dieta a non soffrire troppo per le rinunce della dieta. Questo può tradursi nel seguire più a lungo la dieta senza scoraggiarsi e perdere più chili.

Tuttavia, la nutrizionista non consiglia di seguire la dieta del gelato per diversi motivi.

Contro

Il primo è che mangiare gelato tutti i giorni quando si è a dieta potrebbe automaticamente farlo diventare un cibo consentito, con il rischio di sottovalutarne le calorie e mangiarne più porzioni come se facesse dimagrire. E invece il gelato, essendo un dolce molto calorico, può facilmente mandare in fumo una dieta dimagrante.

Mangiare solo gelato inoltre non è salutare. Una porzione di gelato alla vaniglia contiene 273 calorie, 31 grammi di carboidrati, 14,5 grammi di grassi e ben 28 grammi di zuccheri. Anche il gelato magro senza zuccheri aggiunti contiene almeno 6 grammi di zucchero per porzione e non apporta fibre.

Seguire la dieta del gelato da 1.200 calorie al giorno causa una perdita improvvisa di liquidi, che dà solo l’illusione di pesare meno sulla bilancia, ma non garantisce una perdita di peso duratura.

Chi segue queste diete restrittive infatti recupera tutti i chili persi non appena riprende a mangiare normalmente.

Secondo la nutrizionista i cibi dolci come il gelato, che contengono molti zuccheri e grassi saturi, non dovrebbero mai far parte della dieta quotidiana, ma essere consumati solo ogni tanto come cibo ricompensa.

Alternative più sane alla dieta del gelato

Ad esempio, se un giorno durante la dieta si vuole cedere alla tentazione, si può consumare uno snack salato o dolce che non superi però le 100-200 calorie.

Per assumere grassi sani e calcio tutti i giorni invece ci sono alternative più valide al gelato, come lo yogurt greco.

L’esperta consiglia di seguire una dieta ricca di frutta, verdura, proteine magre e cereali integrali per dimagrire in modo sano e non riprendere subito i chili persi.

Per tornare in forma e mantenere il proprio peso ideale, la dieta dimagrante, salvo problemi medici, va sempre abbinata a un’attività fisica regolare, svolta 2-3 volte alla settimana.

La dieta del gelato estrema di Anthony Howard-Crow

Oltre a quella originale di Holly McCord, la dieta del gelato ha tante varianti. Alcune non sono ipocaloriche e sono più pericolose di altre per la salute. A seguire una dieta del gelato estrema per dimagrire è stato Anthony Howard-Crow, un trentaquattrenne americano, di professione personal trainer e YouTuber.

L’uomo ha perso 14 chili in 100 giorni, assumendo ben 2000 calorie al giorno solo dal gelato e altre 500 calorie da integratori di proteine.

L’obiettivo del suo esperimento era dimostrare che per dimagrire contano solo le calorie totali, non il tipo di alimenti. Un esperimento riuscito dal punto di vista della perdita del peso, ma fallito miseramente sul fronte della salute e dell’aspetto fisico. A causa della mancanza di nutrienti fondamentali (abbastanza proteine ad esempio), l’uomo infatti ha visto crollare i suoi livelli di energia, non riuscendo più ad allenarsi.

La mancanza di attività fisica lo ha portato a perdere una grossa quantità di massa magra. L’uomo ha perso la maggior parte dei chili dai muscoli. Inoltre il suo desiderio sessuale è calato.

La dieta del gelato detox di Kippy Miller

Un’altra versione popolare della dieta del gelato, in chiave detox, è stata lanciata da una gelateria di Venice, in California. I proprietari propongono un piano dimagrante che consiste nel mangiare ben 5 porzioni di gelato al giorno per un totale di 1.200 calorie, 70 grammi di grassi e oltre 120 grammi di zuccheri totali.

Il gelato proposto da Kippy Miller non contiene latte, zuccheri aggiunti e soia, ma un semplice gelato a base di acqua di cocco, crema di cocco, frutta fresca e miele. La dieta detox del gelato dura 4 giorni e costa 240 dollari. Il prezzo include anche delle lezioni di yoga.

Opinioni sulla dieta del gelato di Miller

Le opinioni di chi l’ha provata come metodo per dimagrire però non sono incoraggianti. Una coppia che ha seguito la dieta del gelato spiega alla Cbsnews che ha perso  2 chili, 2 chili e mezzo in 4 giorni, ma che i chili persi sono ritornati magicamente sulla bilancia nel giro di un weekend.

La nutrizionista Jason Song sconsiglia questa dieta perché è ricca di grassi saturi e zuccheri. Inoltre, come tutte le diete ipocaloriche, non appena si ricomincia a mangiare di più i chili persi ritornano con gli interessi.

Per il dottor Christopher Ochner del Mount Sinai di New York zuccheri e grassi saturi sono proprio i nutrienti peggiori da scegliere per una dieta dimagrante.

Una dieta del gelato simile fa perdere 1 chilo solo per qualche giorno. La settimana successiva il peso torna quello di prima.

Per Ochner queste diete sbilanciate non fanno altro che rafforzare un falso mito: che si possa dimagrire senza sacrifici.

Il sovrappeso e l’obesità invece si combattono impegnandosi a seguire una dieta sana ed equilibrata e allenandosi regolarmente. Purtroppo non esistono formule magiche. E come altri regimi popolari ma senza fondamento scientifico, la dieta del gelato non fa dimagrire e in più non è salutare.

La dieta del gelato di Pietro Migliaccio

In Italia a formulare una dieta del gelato è stato Pietro Migliaccio, Presidente della Società Italiana di Alimentazione.

Per conto dell”Istituto italiano del gelato, Migliaccio ha ideato un regime dimagrante da 1.100-1.200 calorie al giorno da seguire per una settimana che promette di far perdere 2-3 chili in pochi giorni.

Questo programma dietetico consiste nel sostituire uno dei pasti principali con un gelato invece di mangiarlo come dessert. Non bisogna mangiare più di una porzione di gelato al giorno.

Menù tipo della dieta del gelato di Migliaccio

Un menù tipo della dieta del gelato di Migliaccio include:

  • un bicchiere di latte parzialmente scremato, 2 fette biscottate, un caffè e un cucchiaino di zucchero a colazione;
  • un succo di frutta o due albicocche a merenda a metà mattina;
  • un gelato a biscotto o un cornetto a pranzo;
  • un ghiacciolo per merenda al pomeriggio;
  • 80 grammi di bresaola e 40 grammi di pane a cena, accompagnati da rucola senza limiti condita con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Anche in questo caso è la restrizione calorica a determinare la perdita di peso, non il gelato.

Se vuoi dimagrire davvero, segui questi 20 consigli dei dietologi.

Scopri anche 8 falsi miti sul gelato.

Fonti: HealthLine; CBSNews; Men’s Health; LiveStrong

Potrebbe interessarti anche:

menù tipo dieta Parker

Il menù tipo della dieta Parker: cosa mangiare a colazione, pranzo e cena

Ecco cosa si può mangiare nella dieta Parker per colazione, pranzo, cena e merenda: un menù tipo e tante idee per le ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.