Home / Attualità / Economia e Risparmio / Pagare con PayPal con carta di credito si può: istruzioni e costi

Pagare con PayPal con carta di credito si può: istruzioni e costi

Usare PayPal come carta di credito

Abbiamo spesso parlato dei modi sicuri di effettuare le transazioni online. Per timore di clonazione della carta di credito o di semplice furto dei dati, le alternative sono tante. Abbiamo infatti parlato delle carte di credito virtuali e di altre strategie per proteggere i propri risparmi. In questa sede ci occuperemo dell’utilizzo della carta di credito via PayPal. Si tratta di un metodo sicuro e assicurato per le transazioni online. Ecco dunque come usare PayPal come carta di credito.

I requisiti per usare PayPal come carta di credito

Il più grande circuito monetario virtuale online è convenzionato con quasi tutti i più importanti marchi del credito. È infatti possibile utilizzarlo con le carte dei circuiti Mastercard, Visa, Visa Electron, Maestro, American Express, Aura e Discover. Sono escluse le carte di credito esclusivamente elettroniche. Discorso a parte va fatto per le carte di credito prepagate come per esempio la PostePay. Questi strumenti sono utilizzabili soltanto nel caso in cui la società emittente rilasci un estratto conto in formato elettronico o cartaceo. Questo estratto conto è necessario per potersi registrare come utente verificato nel circuito PayPal.

Gli altri requisiti per usare PayPal come carta di credito sono:

  • Il titolare del conto PayPal e della carta di credito devono essere la stessa persona;
  • Registrarsi su PayPal come utente verificato;
  • Si possono registrare solo carte di credito del proprio Paese di residenza (per esempio se ci si è registrati come utente PayPal italiano non si può usare una carta di credito svizzera, inglese o di un’altra nazione, ma solo una rilasciata da una banca italiana).

Ad un conto PayPal è possibile collegare fino ad un massimo di 8 tra carte di credito e di debito (bancomat), nonché massimo 8 conti correnti bancari.

Come collegare la carta di credito a PayPal

Per collegare la carta di credito a PayPal dalla app accedere con il proprio account, cliccare sulla rotellina delle opzioni e selezionare “Conti bancari e carte”. Da qui poi seguire le istruzioni per inserire i dati della carta.

Da computer invece andare su paypal.com, accedere al proprio account, cliccare in alto nella sezione “Portafoglio” e poi in alto a sinistra su “Collega una carta”. A quel punto basta seguire le indicazioni per inserire i dati della carta di credito.

Dopo aver inserito i dati verrà avviata la procedura di conferma. Essa prevede, sempre dalla sezione “Portafoglio”, il link “Conferma”. Dopo averci cliccato sopra, verrà effettuato un addebito di piccola entità sulla carta, accompagnato da un codice di 4 cifre accanto alla parola “PAYPAL” o “PP”. Basterà inserire quel codice nell’apposita sezione del sito per confermare la carta. Una volta inserito, la carta sarà stata collegata e sarà dunque utilizzabile. Dopo la conferma, la cifra che era stata precedentemente addebitata verrà rimborsata. Per il rimborso possono volerci fino a 30 giorni.

Costi e altre cose da sapere

Quando si accede a PayPal compare l’importo del saldo. Quell’importo riguarda la cifra presente sul conto PayPal, non la disponibilità della carta. Quindi se per esempio sulla carta di credito ci sono 1000 euro e sul conto PayPal ce ne sono zero, non significa che non potete usare la carta, ma solo che sul conto virtuale di PayPal non ci sono soldi. Il saldo infatti non corrisponde a nessuna carta di credito e a nessun conto bancario collegato.

Una volta che la carta di credito è stata confermata, sarà possibile pagare online tramite carta senza dover necessariamente inserire ogni volta le coordinate. Basterà infatti inserire soltanto l’indirizzo email e la password di PayPal. I movimenti effettuati con la carta non sono saranno visibili su paypal.com o sull’app, ma solo sugli estratti conto della banca. Le uniche operazioni visibili su PayPal sono quelle fatte tramite conto virtuale.

Per quanto riguarda le tariffe, valgono le stesse dei trasferimenti di denaro normale. Ovvero per il pagamento non c’è alcuna tariffa da pagare, mentre la commissione verrà pagata da chi riceve il pagamento. Essa ammonta a 35 centesimi fissi più il 3,4% dell’importo fino a 2500 euro. Tra i 2500 e i 10000 euro la percentuale scende al 2,7%, fino ai 100 mila euro scende al 2,2% e oltre i 100 mila euro è del 1,8%, sempre aggiungendo i 35 centesimi di tariffa fissa. Queste le tariffe per l’Italia. Se invece la transazione avviene all’estero, si aggiunge lo 0,4% sull’importo se la transazione avviene con un Paese dell’Europa meridionale, 0,5% nell’area Europa I, 1,3% nell’Europa II (est Europa), 1% negli USA e in Canada, 2% nel resto del mondo. Per il cambio di valuta invece la commissione varia in base alla valuta. Solitamente oscilla tra il 3 e il 4%. Per eventuali chiarimenti invitiamo a leggere la pagina FAQ di PayPal.

Potrebbe interessarti anche:

Anticipo TFR

Anticipo TFR: non sempre è conveniente, ecco come funziona

Come funziona l'anticipo TFR, come si richiede e quando conviene chiederlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.