Home / Sport / Calcio / Superchampions: in cosa consiste la nuova probabile Coppa Campioni

Superchampions: in cosa consiste la nuova probabile Coppa Campioni

superchampions

Sta facendo tremare il mondo del calcio la proposta sulla nuova Superchampions. Va subito specificato che, anche ammesso che verrà accettata, entrerà in vigore soltanto dalla stagione 2024-2025. Eppure i primi effetti dovrebbero vedersi sin dai prossimi mesi. Sì perché le principali federazioni dei massimi campionati europei (italiano, inglese, francese e spagnolo) minacciano di non far partire i campionati se la proposta di riforma dovesse rimanere uguale a quella che è ora. Finora infatti la Uefa non ha mai accettato, ma nemmeno si è opposta, a questa nuova proposta, mentre le grandi squadre vorrebbero continuare a trattare. Ma in cosa consiste questa Superchampions? E perché è tanto ostracizzata dalla Uefa e non solo? Andiamo a scoprirne il funzionamento.

Come sarà composta la nuova Superchampions

Superficialmente la Superchampions non sarà molto diversa dall’attuale Champions League. Esattamente com’è adesso, sarà composta da 32 squadre e il format sarà molto simile. Anziché 8 gironi da 4 squadre vi saranno 4 gironi da 8, con le prime 4 qualificate ai quarti di finale. Lo stesso numero dell’Europa League (per la quale però rimane l’ipotesi delle 48 squadre), a cui si aggiungeranno le 24 squadre della terza coppa europea. La differenza sostanziale riguarda due aspetti. Il primo è che di queste 32 squadre partecipanti, 24 saranno “fisse”, cioè a prescindere da come va il campionato nazionale, queste parteciperanno sempre e comunque alla competizione.

Questo elemento fa storcere il naso ai presidenti delle squadre medio-piccole in quanto non ci sarà la possibilità per gli “outsider” di partecipare alla Champions. Prendendo come spunto il campionato di quest’anno, se l’Atalanta dovesse arrivare quarta, parteciperebbe alla prossima Champions League, ma non potrebbe partecipare alla Superchampions. A questa competizione prenderebbero parte sempre Juventus, Milan, Inter e Roma. Anche il Napoli rischia di rimanere tagliato fuori. Per queste squadre come appunto Napoli, Lazio o altre escluse, la speranza di partecipare alla Superchampions sarebbe legata ad un sistema di promozioni e retrocessioni nelle altre 8 posizioni dall’Europa League. Di fatto la Superchampions sarebbe una specie di coppa di Serie A, l’Europa League una coppa di Serie B e la terza coppa sarebbe come la Serie C europea.

Il secondo elemento che non piace soprattutto al pubblico è il cambiamento del giorno delle partite. Le coppe europee verrebbero spostate al weekend mentre nel turno infrasettimanale sarebbe relegato il campionato.

I motivi dell’opposizione

Al sistema di Superchampions si oppongono tantissimi soggetti del magico mondo del pallone. Vi si oppongono anzitutto i presidenti delle squadre più piccole, impauriti dalla forbice economica che si allargherebbe ulteriormente con i top club. Altro timore, condiviso sia dalle piccole squadre che dai tifosi, è che i campionati nazionali sarebbero svuotati di significato. Se non serve arrivare tra le prime 4 per qualificarsi in Champions, c’è il rischio che i top club registrino due squadre, una per giocare la Superchampions e l’altra per il campionato, che verrebbe giocato ormai come competizione secondaria.

Ai tifosi non piace nemmeno lo spostamento delle gare di campionato a metà settimana, quando la gente lavora e molte volte non può andare allo stadio. Vi si oppone, per ora, anche la Premier League, visto che in questo momento è il campionato nazionale con i maggiori introiti. Se la nuova competizione venisse effettivamente realizzata, la Premier perderebbe di interesse, diminuirebbero le entrate pubblicitarie e quindi perderebbe il suo attuale potere contrattuale. Inoltre nel campionato inglese selezionare solo 4 squadre “fisse” per la Superchampions sarebbe complicato visto che, per esempio, un club come il Tottenham, finalista della Champions di quest’anno, rischierebbe clamorosamente di restare fuori.

Potrebbe interessarti anche:

serie a 2017-2018

Serie A 2017-2018: tutti i verdetti

Alla Juve il suo settimo scudetto di fila: ecco tutti gli altri risultati stagionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.