Home / Salute / Alimentazione / Latte di capra: benefici e differenze con il latte di mucca e vegetale

Latte di capra: benefici e differenze con il latte di mucca e vegetale

Hai deciso di provare il latte di capra e vuoi sapere quali sono i suoi benefici per la salute e le differenze con il latte di mucca? Sei nel post-o giusto! In questo approfondimento ti riporteremo i pareri dei nutrizionisti sul latte di capra e i confronti con gli altri tipi di latte: dal latte vaccino al latte vegetale.

Le proprietà del latte di capra rispetto al latte di mucca

Iniziamo col dire che il latte di capra viene consumato come bevanda comune dal 65% della popolazione mondiale, anche se da noi in Occidente è invece considerato quasi una specialità.

Maggiore digeribilità

Nei Paesi occidentali viene preferito soprattutto perché è più facilmente digeribile rispetto al latte di mucca. Tanto che spesso viene tollerato bene anche da chi non riesce a digerire il latte vaccino. Viene dato anche ai bambini e ai neonati intolleranti o allergici al latte di mucca.

La maggiore digeribilità è dovuta ad alcuni composti antinfiammatori che sono oligosaccaridi, cioè molecole di zucchero a catena corta. Queste molecole sono presenti in quantità maggiori nel latte di capra rispetto al latte vaccino e rendono più facile da digerire il latte.

SI tratta degli stessi carboidrati presenti nel latte materno: i carboidrati prebiotici, in grado di nutrire i batteri buoni presenti nell’intestino.

Meno lattosio

Tutti i prodotti derivati dal latte animale contengono lattosio, uno zucchero naturale presente nel latte che alcune persone, con l’avanzare dell’età, fanno sempre più fatica a digerire.

Tuttavia il latte di capra contiene leggermente meno lattosio rispetto al latte di mucca, circa il 12% in meno per tazza.

Il contenuto di lattosio del latte di capra si abbassa ancora di più quando viene impiegato nella preparazione dello yogurt. Le persone che hanno una lieve intolleranza al lattosio potrebbero dunque tollerare meglio il latte di capra.

Più proteine e calcio

Dal punto di vista nutrizionale il latte di capra batte il latte vaccino per l’apporto di proteine: 3,9 grammi per 100 grammi rispetto ai 3,3 grammi di proteine per 100 grammi del latte di vacca.

Anche il contenuto di calcio del latte di capra è superiore: 141 mg per 100 grammi rispetto ai 119 del latte di mucca.

Il calcio aiuta a costruire ossa forti, protegge le cellule del colon, riduce i sintomi della sindrome premestruale e aiuta a prevenire le emicranie.

Fosforo

Il latte di capra è ricco anche di fosforo. Contiene 106 milligrammi di fosforo ogni 100 grammi, rispetto ai 93 milligrammi di fosforo per 100 grammi del latte di vacca. L’apporto di fosforo corrisponde a oltre il 10% della dose giornaliera raccomandata dalle autorità sanitarie europee, pari a 800 mg al giorno per gli adulti.

Vitamina B2

Il latte di capra è una buone fonte di vitamina B2, nota anche come riboflavina. La riboflavina aumenta la capacità del corpo di produrre energia e mantenere alti i livelli energetici.

È infatti capace di legarsi agli enzimi delle proteine che stimolano la produzione di energia dall’ossigeno.

Inoltre protegge l’energia accumulata nel corpo, permettendo di usarla in futuro. Una tazza di latte di capra contiene il 20% della vitamina B2 necessaria all’organismo.

Migliore assorbimento dei nutrienti da altri cibi

Studi scientifici effettuati sul latte di capra hanno dimostrato che aumenta la capacità del corpo di assorbire nutrienti dagli altri cibi.

Al contrario il latte di mucca può interferire con l’assorbimento di minerali fondamentali come il ferro e il rame contenuti in altri alimenti se viene assunto nello stesso pasto.

infografica differenze nutrizionali latte di capra latte di mucca

Confronto tra il latte di capra e il latte vegetale

Il confronto tra il latte di capra e il latte vegetale dà risultati diversi in base al tipo di latte vegetale e alla sua composizione nutrizionale. Dal momento che il latte vegetale è un alimento trasformato, ci sono infatti latti vegetali più e meno nutrienti, in base alla marca e agli ingredienti utilizzati dal produttore.

Più proteine

Di solito però i latti a base vegetale non zuccherati hanno un contenuto di proteine inferiore al latte di capra. Se la differenza con il latte di soia è minima, nel caso del latte di mandorle, del latte di riso e del latte di cocco l’apporto di proteine del latte di capra è nettamente superiore.

Più nutrienti

Il latte di mandorla e di cocco sono a basso contenuto calorico, ma mancano di carboidrati e proteine. Se le mandorle crude, le noci di cocco e gli altri frutti usati per produrre bevande vegetali sono ricchi di sostanze nutritive, una volta trasformati in latte contengono circa il 98% di acqua.

Questi prodotti non sono dunque altrettanto nutrienti, a meno che non siano stati fortificati con calcio.

È bene sapre che tra i latti a base vegetale, il latte di canapa e il latte di cocco hanno il più alto contenuto di grassi. Ciononostante dal momento che il latte di capra non è disponibile nella formula a ridotto contenuto di grassi, sarà sempre più ricco di grassi rispetto a qualsiasi altro latte a base vegetale.

Riguardo al tipo di grassi, il latte di canapa e il latte di lino contengono grassi sani insaturi, mentre il latte di cocco e il latte di capra contengono principalmente grassi saturi.

Più naturale e digeribile

L’ultimo fattore da considerare quando si fa il confronto tra i latti a base vegetale e il latte di capra sono gli altri ingredienti che i produttori scelgono di aggiungere alla bevanda vegetale.

Sono pochi infatti i prodotti che contengono solo due ingredienti, ad esempio soia e acqua. La maggior parte dei sostituti del latte contiene addensanti e altre sostanze gommose che servono a creare una consistenza più cremosa. La maggior parte delle persone le digerisce bene, ma altri potrebbero soffrire di flatulenza e altri problemi digestivi. A creare questo genere di problemi ad esempio è la carragenina.

I latti vegetali inoltre, rispetto al latte di capra, devono il loro sapore dolce non al lattosio, di cui sono privi, ma a zuccheri aggiunti. A differenza del latte di capra questo zucchero è sotto forma di saccarosio (zucchero bianco) e non di lattosio. Per questo i latti vegetali zuccherati di solito hanno più calorie del latte di capra e un contenuto maggiore di carboidrati, da 6 a 16 grammi in più per tazza.

Conclusioni

In conclusione il latte di capra dal punto di vista nutrizionale è un ottimo alimento che fa bene alla salute. In alcuni casi ha un valore nutrizionale leggermente superiore al latte vaccino. Inoltre è più digeribile e aiuta ad assorbire alcuni nutrienti.

Il latte vegetale è una buona alternativa per chi è intollerante ai latticini e al latte animale. Ma dal punto di vista nutrizionale invece il latte di capra è un’alternativa migliore e più naturale. Inoltre è la scelta migliore quando si tratta di valutare il maggior apporto di proteine, calcio e grassi.

Scopri anche i benefici dello yogurt greco e le differenze con lo yogurt naturale

Fonti: Livestrong; CREA; Healthline

Potrebbe interessarti anche:

menù tipo della dieta Sense

Dieta Sense: il menù d’esempio e le opinioni di chi l’ha provata

Come funziona la dieta Sense: il sistema delle 4 manciate, il menù da seguire, le regole base e le opinioni di chi l'ha provata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.