Home / Animali / Cani / Perché il cane fa pipì a casa degli altri e come farlo smettere

Perché il cane fa pipì a casa degli altri e come farlo smettere

perché il cane fa pipì a casa degli altri

Luca, un nostro lettore, ci ha scritto perché il suo cane, una femmina adulta di bassotto, fa la pipì a casa di una coppia di amici, proprietari di un altro cane. Entrambi i cani sono femmine sterilizzate. Abbiamo svolto delle ricerche sui motivi per cui il cane fa pipì a casa degli altri e vi riportiamo la spiegazione data dalla veterinaria Valarie V. Tynes di Veterinarymedicine.com.

L’esperta ha risposto in merito al caso di un cagna sterilizzata di 6 anni che alza la gamba e fa la pipì quando si trova a casa di altre persone. Il cane non fa pipì in casa sua da quando era una cucciola. Il proprietario deve sempre tenerla al suo fianco quando si trovano a casa di altre persone per evitare che urini in giro.

Marcatura del territorio e ansia

La veterinaria spiega che molto probabilmente si tratta di un comportamento riconducibile alla marcatura del territorio. Anche se il cane è femmina ed è sterilizzata, la marcatura può essere dovuta all’ansia. Molti cani infatti marcano il territorio quando si trovano in un ambiente nuovo o entrano in contatto con oggetti nuovi.

La marcatura con urina può essere dovuta all’ansia di trovarsi in un posto nuovo, alla presenza di altri cani o altre persone.

Come capire se si tratta di semplice evacuazione o marcatura

Per capire la causa del problema, l’esperta invita a osservare il comportamento del cane. Se di solito la cagna si accovaccia per fare la pipì nel cortile di casa, ma alza la gamba per urinare durante una passeggiata all’aperto, probabilmente urinare sollevando la gamba in casa di amici dei proprietari è un segnale di marcatura.

Se invece il cane alza sempre la gamba per fare pipì, in ogni luogo, urinare a casa di amici potrebbe essere dovuto al non riconoscere l’ambiente come un luogo al chiuso. Il cane probabilmente comprende di essere fuori casa e si comporta come se fosse al parco o in qualsiasi altro ambiente esterno in cui può fare liberamente pipì. In questo caso il cane capisce che quello non è il posto in cui vive, mangia e dorme e che può usarlo per urinare. Spesso la posizione usata per urinare in questo caso comprende solo un leggero sollevamento della gamba e un semi-accovacciamento.

Per distinguere la semplice evacuazione dalla marcatura, è utile osservare altri atteggiamenti del cane. Ad esempio se annusa a lungo il luogo in cui ha deciso di urinare prima di fare pipì. E se continua ad annusarlo anche dopo aver urinato, si tratta di marcatura. Anche se gratta il pavimento dopo aver urinato lo fa per marcare il territorio.

Un altro modo per capire se si tratta di marcatura o di semplice evacuazione di urina, è la quantità di pipì. La marcatura di solito avviene con piccoli spruzzi di urina, mentre se il cane sta facendo pipì per svuotare la vescica, urinerà a lungo e in quantità maggiori, fino a quando non si sarà liberato completamente.

Quando la causa è un problema medico

La veterinaria consiglia di escludere anche che si tratti di un problema medico. Il cane, soprattutto se adulto o anziano, potrebbe soffrire di poliuria, l’aumento della produzione di urina dovuto ad alcune malattie, o polidipsia, una condizione che porta a bere e di conseguenza a urinare più del solito.

Anche alcuni farmaci possono rendere il cane maggiormente ansioso e accentuare la tendenza alla marcatura, aumentando lo stimolo di fare pipì.

Come addestrare il cane a non fare pipì a casa degli altri

Sia che si tratti di marcatura che di semplice evacuazione, la soluzione per evitare che il cane faccia pipì a casa degli altri è la stessa, trattandosi di una circostanza molto specifica e ristretta.

Il primo passo da fare è cercare di prevenire questo comportamento. Quando si entra a casa di altre persone, il cane dovrebbe stare al guinzaglio, possibilmente a cavezza o almeno dotato di imbracatura per le razze brachicefale, come i carlini, bulldog e Boston Terrier, che potrebbero avere difficoltà con la cavezza.

Non appena il cane inizia a fiutare in giro, come fa quando deve trovare un posto per fare la pipì, occorre tirarlo via gentilmente, facendogli rivolgere la testa verso di voi, e chiedergli di fare qualcosa di incompatibile con l’alzare la gamba, ad esempio di sedersi. Quando si siede, bisogna ricompensarlo con un biscottino particolarmente appetitoso. Deve trattarsi di una ricompensa speciale e di piccole dimensioni che si consuma in fretta, in modo che il cane rivolga subito la sua attenzione al proprietario per ricevere le istruzioni successive. Questo addestramento, ripetuto nel tempo, dovrebbe eliminare il problema.

Speriamo di esservi stati utili! Alla prossima dalla redazione di M’informo Animali!

Leggi anche: 5 motivi per cui il tuo cane fa pipì in casa anche da adulto

Fonte: Veterinarymedicine.com

Potrebbe interessarti anche:

cane addestramento comando Vieni

Il metodo Graeme Sims per insegnare a un cane nervoso il comando Vieni

I consigli del famoso addestratore di cani Graeme Sims per insegnare a un cane nervoso il comando Vieni usando il metodo della corda magica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.