Home / Animali / Cani / I cani possono mangiare il panettone o il pandoro? I rischi dei dolci natalizi

I cani possono mangiare il panettone o il pandoro? I rischi dei dolci natalizi

Il tuo cane ha addentato una fetta di panettone e ora ti stai chiedendo se i cani possono mangiare il panettone senza correre rischi per la salute? Sei nel post-o giusto! In questo articolo vedremo perché è importante evitare di dare da mangiare il panettone al cane.

Perché i dolci natalizi non fanno bene al cane

Iniziamo col dire che durante le feste di Natale bisogna prestare molta più attenzione a cosa mangiano di nascosto i nostri cani. Capita infatti che amici e parenti in visita durante pranzi e cenoni allunghino qualche bocconcino ghiotto al cane sotto al tavolo. Alla sera il cane vomita, ha la diarrea e non riusciamo a capire perché.

Oppure può capitare di distrarci mentre cuciniamo e che ci rubi pezzi di panettone o del pandoro dal tavolo, torroncini, cioccolata, biscotti e altri dolci natalizi. Tutti cibi destinati a noi umani che non fanno bene al cane, sia per le difficoltà di digestione che per le possibilità di intossicazione se assunti in grosse dosi (o anche in piccole dosi se il cane è di piccola taglia).

I rischi del panettone per i cani

Riguardo ai rischi del panettone per i cani, il motivo principale per cui non possono mangiarlo è l’uvetta. Come l’uva, anche l’uva sultanina può essere tossica per i cani. La reazione all’uvetta varia da cane a cane e non si sa con esattezza quali siano le quantità nocive. Alcuni cani stanno male già con pochi acini di uva, sviluppano diarrea, vomito e persino danni renali, mentre altri ne mangiano tanti senza sviluppare alcun sintomo di avvelenamento. Quindi l’unico modo per andare sul sicuro è evitare di dare da mangiare al cane uva, uvetta, panettone e altri dolci che contengono uva passa.

Evita di dare al cane anche budini, creme, ciambelloni e torte natalizie. Oltre a essere pieni zeppi di ribes e uvetta, cibi di Natale tossici per i cani, spesso contengono anche molti grassi e sono preparati con la sugna, il grasso del maiale, che può causare problemi di stomaco al cane e persino provocare una pancreatite. Spesso inoltre contengono alcol, che è tossico per il cane.

A Natale è vietato dare ai cani anche panettoni senza uvetta ma con cioccolato. Questo perché il cioccolato contiene la teobromina, una sostanza tossica per cani e gatti perché la metabolizzano molto lentamente.

Quale panettone può essere dato al cane

I panettoni senza uvetta e senza cioccolato e il pandoro teoricamente possono essere dati al cane in piccole dosi, per intenderci giusto un assaggino. Ma è sempre sconsigliato farlo perché contengono zuccheri e grassi che fanno male alla salute del cane. E c’è sempre il rischio che il cane esageri perché lo apprezza e ne chieda ancora con occhi imploranti ad altre persone a tua insaputa o vada a mangiarlo di nascosto.

I panettoni per cani: i canettoni e i candori

Se proprio vuoi dare da mangiare qualcosa di speciale al tuo cane a Natale prova ad acquistare un panettone per cani. Da qualche anno online e nei negozi per animali, ma anche in alcune pasticcerie ben fornite, sono in vendita infatti dei canettoni e dei candori, panettoni e dolci natalizi per cani che il nostro amico a quattro zampe può mangiare senza rischi per la salute.

Gli ingredienti base solitamente sono farina di grano tenero, uova, burro, latte, sale, lievito, zucchero, arancia. Alcuni contengono anche carne di anatra o salmone affumicato. Assicuratevi che lo zucchero sia uno degli ultimi ingredienti della lista prima di acquistare un panettone per cani, perché quelli con troppo zucchero non sono un toccasana per il cane.

Buon appetito e felice Natale sicuro a te e ai tuoi cuccioli dalla redazione di M’informo Animali!

Leggi anche: I pericoli per i cani in autunno e in inverno: dalle piante alle caramelle

Fonte: Vets.now

Potrebbe interessarti anche:

falsi miti sul comportamento dei cani

6 falsi miti sul comportamento dei cani

Sfatiamo 6 falsi miti sul comportamento dei cani, come strofinargli il muso sulla pipì per educarlo a non sporcare o che lasciarlo dormire sul letto sia sbagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.