Home / Attualità / Come saltare la fila in posta in modo lecito

Come saltare la fila in posta in modo lecito

saltare la fila in posta

Le file in posta sono una delle seccature maggiori per chiunque. Anche se le bollette si possono pagare da casa e tantissime altre operazioni si possono effettuare online, alcune operazioni vanno fatte necessariamente allo sportello. Se si è fortunati ci si può sbrigare in pochi minuti, ma solitamente, anche a causa della nota flemma degli operatori allo sportello, si rischia di perdere intere mattinate in coda alla posta. Specialmente da quando, con il nuovo software presente in tutti gli uffici, non c’è più distinzione della tipologia di operazione, ma tutte le operazioni sono uguali.

Esistono però dei modi leciti per saltare la fila in posta. Non stiamo infatti invogliando i nostri lettori ad essere maleducati saltando la coda. Poste Italiane ha infatti implementato nuovi strumenti di prenotazione che ci consentono di effettuare la nostra operazione in pochi minuti, anche se davanti a noi ci sono decine di persone. Le opportunità sono numerose, le elenchiamo tutte di seguito.

Saltare la fila in posta con la prenotazione

Il metodo migliore per saltare la fila in posta è prenotare l’operazione comodamente da casa. Per farlo basta andare sul sito ufficiale a questo link e selezionare:

  • l’ufficio postale dove volete recarvi (attenzione: dev’essere aperto al momento della prenotazione);
  • il vostro indirizzo email;
  • il giorno in cui volete effettuare l’operazione;
  • l’orario in cui, a grandi linee, dovreste recarvi presso l’ufficio.

Dopo aver dato l’ok si riceve una email all’indirizzo fornito con un codice QR. Il codice si può stampare o tenere sul cellulare. A quel punto, muniti di codice, basta presentarsi presso l’ufficio postale prescelto e passare il QR sul lettore ottico della macchinetta del ticket. Si otterrà così un biglietto speciale che permetterà di essere chiamati all’orario prescelto.

Salta la fila con l’app

Poste Italiane mette a disposizione anche la sua app. Tra le varie operazioni che si possono fare con questo programmino c’è anche il salta fila (icona del ticket). Tramite l’apposita funzione è possibile prenotare un’operazione per il giorno stesso o per il giorno successivo. Se utilizzate quest’applicazione però vi conviene trovarvi nei dintorni dell’ufficio postale prescelto. La funzione dell’app vi avviserà che il vostro turno si sta avvicinando 15 minuti prima, quindi evitate magari di fare la spesa o altre operazioni che portano via tempo.

Aspetti importanti di cui tenere conto sono anzitutto il numero di persone in attesa. Se ad esempio, al momento della prenotazione, ci sono meno di 10 persone in coda allo sportello, la funzione non si attiva. Un numero così basso di clienti si suppone possa essere smaltito in meno di 15 minuti, quindi prenotare il ticket non ha molta utilità. Una volta arrivati in sede, non si stamperà il ticket come nell’esempio precedente. Il ticket infatti sarà già presente in maniera virtuale sull’app, quindi bisogna portare con sé il dispositivo utilizzato. Si tratta di una precisazione importante perché se il cellulare è sempre con noi, magari un tablet si potrebbe lasciare a casa, e invece in questo caso va portato perché bisogna mostrare il ticket all’operatore.

Postamat e Postepay

Ultimo metodo per saltare la fila alle poste in modo legale è l’utilizzo del proprio Postamat. Questo strumento è in dotazione ai titolari di un conto Bancoposta. Grazie a questa sorta di bancomat, basta recarsi presso un ufficio postale, inserire il Postamat nell’apposita fessura in basso e si ottiene un biglietto. Il biglietto ottenuto in questo modo avrà un’icona diversa rispetto al ticket “normale”, e sarà chiamato in modo prioritario.

Funzionamento identico per i titolari di PT Business (clienti possessori di partita Iva), invece non ci sono agevolazioni per i titolari di Postepay. In questo caso la carta non dà diritto al biglietto speciale, come invece accade per il Postamat.

Potrebbe interessarti anche:

studiare all'estero gratis

Studiare all’estero gratis o quasi? Le università low cost nel mondo

Pagare poche decine di euro per iscriversi all'università all'estero è possibile? In alcuni Paesi sì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.