Le 4 regole di Helga Hofmann per scegliere il nome di un gatto

di Mentegatto
0 commenti
scegliere il nome di un gatto

Scegliere il nome di un gatto può essere facile, quando è il micio stesso a suggerirci con una sua caratteristica o la sua storia come dev’essere chiamato. Non è raro infatti che i gatti neri vengano chiamati Pantera o Nerino. O che a un trovatello si appioppi il nome di Remì. Ma se avete adottato un gattino che non ha un aspetto fisico particolare o una storia alle spalle la scelta del nome può rivelarsi più difficile.

Pubblicità

Per aiutarvi a scegliere il nome del gatto vi riportiamo i consigli di Helga Hofmann, esperta di gatti e autrice di Il mio gatto lo sa, un libro che aiuta a capire il comportamento felino.

La Hofmann premette che la scelta del nome del gatto deve assecondare la natura e l’aspetto dell’animale, ma anche le vostre preferenze personali. Inoltre bisogna tenere conto di alcune considerazioni pratiche. L’esperta elenca 4 regole per scegliere il nome di un gatto che riguardano la lunghezza e il suono.

Suono amichevole

Pubblicità

L’ideale è scegliere nomi composti da due sillabe e con un suono morbido. Questi nomi hanno un suono più amichevole e accattivante e il gatto li assocerà più facilmente a qualcosa di positivo. Esempi di nomi di gatto corti e dal suono dolce: Babbo, Bimba, Fiocco, Fuffi, Minou.

Suoni chiari

Pubblicità

I gatti percepiscono meglio i suoni chiari. Perciò sentiranno meglio i nomi che hanno una i all’interno, ad esempio Sissi o Baby. Ciò non toglie che possiate scegliere anche nomi come Bruto o Satana, il gatto imparerà comunque a riconoscere il suo nome.

Nomi di due o più sillabe

Non scegliete nomi troppo brevi che potrebbero confondersi con dei richiami per evitare di generare confusione quando impartite ordini e comandi al gatto. Ad esempio il nome Pia potrebbe essere confuso con Via. Il nome Giò potrebbe essere inteso dal gatto come Giù, ed essere associato a rimproveri e sgridate.

No ai vezzeggiativi

Pubblicità

Una volta scelto il nome del gatto è utile usare solo quello, senza chiamarlo con dei vezzeggiativi o storpiarlo. I vezzeggiativi infatti non fanno altro che confondere il gatto.

Speriamo di avervi dato qualche dritta utile per scegliere il nome di un gatto. Voi come avete chiamato il vostro? E perché? Se vi va, raccontatecelo nei commenti per essere d’ispirazione ad altri lettori che non sanno che nome scegliere per il gatto. Alla prossima dalla redazione di M’informo Animali!

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento