Home / Salute / Effetto yo-yo: come evitare di riprendere peso dopo essere dimagriti

Effetto yo-yo: come evitare di riprendere peso dopo essere dimagriti

effetto yo-yo evitare di riprendere pesoA molte persone capita di riprendere peso dopo essere dimagriti, a causa dell’effetto yo-yo di una dieta squilibrata o di altri fattori dovuti allo stile di vita, come la sedentarietà e le cattivi abitudini alimentari. Capita a tanti di mettersi a dieta, magari senza farsi seguire da un nutrizionista e senza fare esercizio fisico, e di perdere abbastanza in fretta 10 chili per poi riprenderli con gli interessi, non appena si ritorna alle vecchie abitudini.

Questo ciclo dimagrire/re-ingrassare può essere dannoso per la linea e per la salute. Chi segue diete sbilanciate e troppo restrittive e non fa attività fisica regolarmente, anche se vedrà risultati immediati sulla bilancia, infatti non farà altro che rallentare il metabolismo e perdere anche la massa magra.

Il corpo entrerà in un regime d’emergenza e imparerà a essere sempre più efficiente, bruciando meno calorie per svolgere le stesse funzioni che prima richiedevano un consumo energetico maggiore. Il risultato è che a ogni dieta successiva alla prima bisognerà tagliare sempre di più le calorie per poter dimagrire, privando così l’organismo di nutrienti fondamentali per il suo corretto funzionamento.

Consigli per non riprendere i chili persi con la dieta

Se anche voi fate parte della schiera di persone che perde peso per poi recuperare in fretta i chili persi con la dieta, la buona notizia è che questo circolo vizioso si può interrompere.

Innanzitutto è bene precisare che mettersi a dieta quando si è sovrappeso, dopo ovviamente essersi consultati con il medico, non è mai una cattiva idea a dispetto del rischio di incappare nell’effetto yo-yo. Questo perché avere dei chili di troppo rispetto al proprio peso forma non è salutare.

A creare problemi è mettersi a dieta seguendo diete di moda sbilanciate o regimi fai-da-te, soprattutto quando si devono perdere più di 10 chili. L’ideale è rivolgersi a un dietologo per individuare il modo migliore per perdere i chili in eccesso.

Laddove non esistano limiti fisici, come malattie o altri disturbi incompatibili con un allenamento regolare, è importante affiancare un programma di esercizio fisico alla dieta dimagrante.

Bisogna svolgere attività fisica regolarmente, almeno 2 o 3 volte alla settimana, anche quando si è raggiunto l’obiettivo di perdita di peso prefissato. L’allenamento regolare, unito a una dieta di mantenimento, aiuta a non riprendere i chili persi e a prevenire l’effetto yo-yo.

Altri consigli per evitare di ingrassare di nuovo dopo essere dimagriti ci arrivano da uno studio condotto su oltre 10 mila persone che avevano perso almeno 13 chili ed erano riuscite a non riprenderli per almeno un anno. I partecipanti hanno condiviso le loro strategie per il mantenimento del peso forma con il National Weight Control Registry.

Dall’analisi dei dati inviati dai pazienti è emerso che:

  • il 78% faceva colazione ogni giorno;
  • il 75% si pesava almeno una volta alla settimana;
  • il 62% guardava meno di 10 ore di tv alla settimana;
  • il 90% faceva attività fisica in media un’ora al giorno.

Rompere il ciclo dimagrire/re-ingrassare è possibile

Un altro studio condotto su 439 donne sovrappeso, che erano entrate nel circolo vizioso dell’effetto yo-yo, ha dato risultati incoraggianti, dimostrando che è possibile interrompere il ciclo dimagrire/re-ingrassare.

Queste pazienti infatti, seguendo una dieta bilanciata e un programma di allenamento, hanno avuto le stesse probabilità di dimagrire e non riprendere più i chili persi delle persone che non avevano una storia di continui dimagrimenti e recupero dei chili persi alle spalle.

Leggi anche: Ingrassare nonostante la dieta: 8 motivi per cui accade

Fonti: WebMD; National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases; Mason, C. Metabolism, January 2013; National Weight Control Registry.

Potrebbe interessarti anche:

seno gonfio e dolorante cause

Le cause del seno gonfio e dolorante, dalla sindrome premestruale al cancro

Le possibili cause del seno gonfio e dolorante, dalla sindrome premestruale al cancro al seno, e come imparare a riconoscere i sintomi preoccupanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.