Home / Salute / Dolore al fianco destro o sinistro: i sintomi e le possibili cause

Dolore al fianco destro o sinistro: i sintomi e le possibili cause

Hai un dolore al fianco che ti preoccupa? In questo post riporteremo le spiegazioni degli esperti sulle possibili cause dei dolori che colpiscono il fianco destro del nostro corpo, il fianco sinistro o entrambi i fianchi.

Come si manifesta il dolore al fianco

Prima di vedere da cosa può essere causato un dolore al fianco, più o meno forte, spieghiamo come si manifesta. Un dolore al fianco si sviluppa nella parte superiore dell’addome o nella parte posteriore e ai lati del corpo. La parte che fa male è quella sotto le costole e sopra il bacino. Il dolore può andare e venire, può essere un dolore sordo e persistente, oppure presentarsi in modo acuto sotto forma di crampi al fianco. Di solito il dolore è più forte su un solo lato del corpo.

Il dolore al fianco è molto comune. La maggior parte delle persone lo provano almeno una volta nella volta nella vita. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi, si tratta di un malessere temporaneo.

Ma se il fianco ti fa male sempre, o il dolore al fianco è troppo forte e insopportabile, potrebbe trattarsi di un problema di salute più serio, che richiede un intervento medico, come la disidratazione, un’infezione del tratto urinario, calcoli renali o altri problemi ai reni.

Vai dal medico per un controllo se soffri di dolori al fianco cronici o forti, specialmente se si manifestano anche altri sintomi.

Le cause più comuni del dolore al fianco

Le cause più comuni del dolore al fianco sono:

  • un’infezione renale;
  • un ascesso renale;
  • calcoli renali;
  • disidratazione;
  • un’infezione della vescica;
  • il fuoco di Sant’Antonio;
  • la sindrome di Tietze;
  • artrite, in particolare l’artrite spinale;
  • una frattura vertebrale;
  • la malattia del disco;
  • un nervo schiacciato nella schiena;
  • uno spasmo muscolare.

Cause meno comuni del dolore al fianco

Le cause meno comuni del dolore al fianco includono:

  • malattie renali;
  • polmonite;
  • pancreatite;
  • appendicite;
  • un’ostruzione del tratto urinario;
  • una malattia infiammatoria intestinale, come il morbo di Crohn;
  • un infarto renale, che si verifica quando un coagulo di sangue blocca l’afflusso di sangue al rene;
  • herpes zoster;
  • un aneurisma dell’aorta addominale.

Altri sintomi del dolore al fianco

Sintomi di problemi ai reni

Il dolore al fianco probabilmente è causato da un problema ai reni se si manifesta con uno o più dei seguenti sintomi:

Sintomi della disidratazione

In caso di disidratazione invece noterai anche questi sintomi:

  • una forte sete;
  • assenza di sudorazione;
  • vertigini;
  • battito accelerato;
  • bocca secca e appiccicosa;
  • mal di testa;
  • febbre;
  • stipsi;
  • urina scura;
  • diminuzione della produzione di urina.
Assicurati di reidratarti, perché perdere troppi liquidi può causare danni all’organismo, incluso lo shock.

Diagnosi della causa del dolore al fianco

Durante la visita il medico ti chiederà:

  • dove avverti dolore esattamente;
  • quando ha iniziato a farti male il fianco;
  • che tipo di dolore provi;
  • quanto spesso ti fa male il fianco e per quanto tempo dura il dolore;
  • eventuali altri sintomi che avverti.

Il medico potrebbe prescriverti delle analisi del sangue, ecografie e radiografie per diagnosticare problemi agli organi interni, ai tessuti e ai muscoli.

Questi test potrebbero includere un esame contrastografico, che consiste nell’assunzione o iniezione di un mezzo di contrasto, come un liquido contenente iodio, per osservare meglio l’aspetto e la forma degli organi interni e la loro funzionalità. Con questa tecnica è possibile individuare più facilmente ostruzioni nei vasi sanguigni o negli organi.

Altri esami che potrebbero rivelarsi necessari sono:

  • una TAC addominale, che mostra immagini trasversali dell’addome;
  • una cistoscopia, una procedura diagnostica che comporta l’inserimento nella vescica di un tubo sottile con una telecamera;
  • un’analisi delle urine;
  • un esame colturale delle urine per rilevare la presenza di batteri.

Trattamento del dolore al fianco

Il trattamento del dolore al fianco dipende dalla causa scatenante. In caso di infiammazione, causata da infezioni o artrite, la cura dipenderà dal problema specifico.

Le infezioni renali potrebbero richiedere il ricovero e una terapia a base di antibiotici per via endovenosa.

Se il dolore al fianco è dovuto invece a un’artrite spinale possono rivelarsi necessarie fisioterapia, programmi di allenamento specifici e a volte anche un intervento chirurgico correttivo. Inoltre il medico potrebbe prescriverti un farmaco antinfiammatorio, per ridurre l’infiammazione e il dolore.

La cura per il dolore al fianco causato dai calcoli renali è assumere farmaci antidolorifici e bere molti liquidi per facilitare l’espulsione del calcolo. In molti casi questo basta a evitare un intervento.

Per i calcoli più grandi è previsto invece un intervento chirurgico per la rimozione o una procedura, nota come litotripsia, che prevede l’uso di onde sonore ad alta frequenza per rompere i calcoli renali e facilitarne così il passaggio attraverso gli ureteri, i tubi che trasportano l’urina dal rene alla vescica. In questo caso potrebbe essere necessaria l’ospitalizzazione.

Se dopo l’intervento e la cura farmacologica avverti ancora dolore al fianco, parlane con il medico.

Prevenzione del dolore al fianco

Per prevenire il dolore al fianco assicurati di:

  •  
    bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno;
  • ridurre il consumo di alcol;
  • curare l’igiene intima e praticare sesso sicuro;
  • seguire una dieta sana, mangiando tanta frutta e verdura e consumando proteine magre;
  • fare attività fisica almeno tre volte alla settimana.

Approfondisci anche: Da cosa sono causati i dolori intercostali al petto e alla schiena 

Fonte: Healthline
Foto: © Fotolia

Potrebbe interessarti anche:

tempie che pulsano mal di testa

Tempie che pulsano forte: le cause, dalla pressione alta al mal di testa

Le cause delle tempie che pulsano forte, dal mal di testa da tensione all'emicrania; dalla pressione alta alle palpitazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.