Home / Attualità / Auto / Auto aziendali usate: occasioni, ma solo al prezzo giusto

Auto aziendali usate: occasioni, ma solo al prezzo giusto

auto aziendali usate

Se state per cambiare l’auto, o volete acquistare la prima macchina, un buon modo per risparmiare denaro è prenderla usata. Abbiamo già parlato di cosa verificare quando si acquista un’auto usata, e della convenienza che c’è nell’acquistare un’auto a km 0. In questa sede ci occuperemo invece di un altro tipo di occasione: le auto aziendali usate. Si tratta di veicoli di un certo livello, solitamente auto di discreta cilindrata e molto costose, che però vengono vendute a prezzi molto bassi. Cerchiamo di capire come funziona la compravendita delle auto aziendali e quando sono convenienti.

Perché scegliere le auto aziendali usate

La convenienza dell’acquistare auto aziendali usate sta nel fatto che si tratta, nella maggior parte dei casi, di veicoli di alta fascia. I rappresentanti e gli impiegati usano infatti queste automobili come “immagine aziendale”, dunque parliamo di Mercedes, Volkswagen o altre marche di fascia alta. Automobili che, comprate nuove, costano diverse decine di migliaia di euro, ma usate costano molto meno. Il prezzo può variare dal 40 al 50% in meno del prezzo di listino. Un bel vantaggio dato che magari in condizioni normali un modello del genere non avreste potuto permettervelo!

Altro aspetto conveniente dell’acquisto di tali veicoli è che solitamente non hanno tanti anni alla spalle. Proprio per il discorso dell’immagine aziendale, sarà difficile che un’automobile usata da un rappresentante venga venduta con 8 anni nel motore. Spesso le aziende rinnovano il parco auto ogni 2-3 anni, con punte di aziende top che cambiano auto ogni anno. Nel peggiore dei casi potrebbe capitare un’auto immatricolata 4 o 5 anni fa, di certo non modelli passati di moda o eccessivamente usurati.

Gli svantaggi delle auto aziendali usate

L’altro lato della medaglia è che le auto aziendali vengono utilizzate tantissimo. Dunque anche se sono state immatricolate da pochi anni, hanno un contachilometri molto “ricco”. Di conseguenza bisogna valutare bene anche lo stato del mezzo perché potrebbe essere altamente usurato. Acquistare un’auto aziendale usata per un’altra azienda non è molto indicato, sarebbe una scelta più saggia acquistarla per uso personale.

Tra gli svantaggi c’è da annoverare la poca libertà di scelta (per non dire nulla) sugli optional. Bisogna prendere l’auto così com’è ed eventualmente aggiungere in una fase successiva eventuali optional mancanti. Lo stesso dicasi per il colore e tutto il resto. Trattandosi di una compravendita di un mezzo usato, la garanzia dura un solo anno anziché due, come accadrebbe invece se l’auto fosse nuova.

Altre cose da sapere prima di acquistare un’auto aziendale usata

Il primo passo da fare prima di impegnarsi in un acquisto di un’auto usata aziendale è farla “visitare” dal proprio meccanico di fiducia. Oltre che fare il classico “giro di prova”. Lui potrà valutare lo stato di usura del mezzo, lo stato dei tagliandi e valutare se il prezzo richiesto sia corretto. Dopodiché si può valutare con il venditore la possibilità di prolungare la garanzia. Va tenuto conto infatti che la legge impone un minimo di 12 mesi di garanzia, ma non c’è un limite massimo, quindi si può chiedere, in fase di contrattazione, di prolungare tale periodo. Inoltre se l’auto ha meno di 24 mesi di immatricolazione, si può usufruire della parte rimanente della garanzia originale.

Se l’auto dovesse presentare problemi non rilevati nei primi tempi, ci si può rivalere sull’azienda che l’ha venduta. È utile anche informarsi su chi ha utilizzato il mezzo all’interno dell’azienda. Se l’ha usata ad esempio il presidente o un dirigente, è probabile che abbia meno chilometri che non se l’abbia usata un rappresentante.

Infine è d’obbligo fare una distinzione con le auto a km 0. Un’auto aziendale può essere considerata a chilometro zero in quanto è di proprietà di un’azienda (la concessionaria) che se ne libera. Ma è diversa dalle auto aziendali usate in senso stretto perché di fatto le chilometri zero hanno pochissimi km sul contachilometri perché non vengono usate per lavoro, ma solo per esposizione. In tal caso ovviamente il prezzo è più elevato in quanto il grado di usura è praticamente nullo.

Foto : Freeimages

Potrebbe interessarti anche:

patente C

I requisiti necessari per il rinnovo della patente C

La patente C è obbligatoria per i conducenti che guidano mezzi pesanti, ecco come rinnovarla in base all'età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.