Home / Salute / Mal di gola dopo la corsa: da cosa dipende e come prevenirlo

Mal di gola dopo la corsa: da cosa dipende e come prevenirlo

mal di gola dopo la corsa sciarpa runnerSe anche tu come noi di M’informo Salute corri regolarmente, e non solo d’estate per prepararti alla prova costume, potrebbe esserti capitato di beccarti un mal di gola dopo la corsa nei giorni freddi. Questo capita soprattutto se quando corri vai a un ritmo intenso che ti porta a respirare con la bocca, facendo entrare nel corpo aria fredda e secca.

Il rischio è che il giorno dopo la corsa tu ti ritrovi con la gola che fa male, graffia, brucia e piena di piccole placche.

Le cause del mal di gola dopo la corsa

La dottoressa Susan Paul, fisiologa dello sport e coach di migliaia di runner, spiega che il mal di gola dopo la corsa quando fa freddo o c’è molto vento dipende proprio dalla temperatura bassa dell’aria.

L’aria fredda infatti è molto secca e può asciugare la bocca e la gola. L’aria che entra dalla bocca, non passando attraverso il naso e i seni paranasali, non viene filtrata, riscaldata e inumidita.

Inspirare aria troppo fredda e secca secca i tessuti molli della gola. Quando i tessuti delicati delle nostre vie respiratorie sono secchi si irritano e si gonfiano facilmente, rendendo difficile respirare durante l’attività fisica.

Consigli per prevenire il mal di gola dopo la corsa

Secondo l’esperta indossare una sciarpa, uno scaldacollo o una bandana attorno al collo, che copra anche la bocca e il naso, è la soluzione ideale per proteggersi dall’aria fredda quando si corre d’inverno. Queste protezioni aiutano a trattenere il calore del corpo intorno al naso e alla bocca, aggiungendo calore e umidità all’aria che respiri.

Indossare un passamontagna invece, oltre a destare sospetti, è pericoloso quando si corre perché può bloccare la visione periferica, esponendo al rischio di essere investiti. Il passamontagna, inoltre, copre anche la parte superiore della testa. Questo può trattenere troppo calore e provocare un surriscaldamento durante le corse più lunghe.

Al contrario la fascia copre e riscalda le orecchie, lasciando dissipare il calore in eccesso dalla sommità del capo.

Per prevenire faringiti e mal di gola dopo la corsa i medici, oltre a indossare sciarpe, scaldacollo e fasce, consigliano di:

  • respirare sempre dal naso per non inalare aria troppo fredda;
  • evitare di correre in ambienti inquinanti e pieni di allergeni, come polline e polvere, perché potrebbero peggiorare l’irritazione alla gola;
  • usare un deumidificatore se si corre in casa sul tapis roulant per mantenere l’aria al giusto livello di umidità;
  • mantenersi ben idratati, bevendo acqua prima, durante e dopo la corsa.

In caso tu non sia riuscito a prevenire il mal di gola dopo la corsa, per farlo passare in fretta:

  • bevi tisane calde dolcificate con miele;
  • assumi tanti liquidi anche da brodini di pollo e manzo;
  • fai dei gargarismi con una tazza di acqua calda in cui avrai sciolto mezzo cucchiaino di sale.

Leggi la lista completa dei rimedi per alleviare il dolore alla gola, attenuare l’infiammazione e ridurre il gonfiore.[/tie_list]

Leggi anche: Si può correre con il raffreddore e l’influenza?

Fonti: Livestrong. com; Runners World
Foto: Photo by Remy_Loz on Unsplash

Potrebbe interessarti anche:

Dolore al fianco destro o sinistro: i sintomi e le possibili cause

In questo approfondimento vedremo da cosa può essere provocato il dolore al fianco: dalle cause renali più comuni a quelle più rare come l'herpes zoster.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.