Home / Salute / Le cause più comuni dell’urina torbida, dalle infezioni alla gravidanza

Le cause più comuni dell’urina torbida, dalle infezioni alla gravidanza

campione di urina torbidaL’urina torbida può dipendere da diverse cause. A volte la pipì non è chiara come al solito perché non si beve abbastanza acqua. In altri casi l’aspetto torbido dell’urina può essere causato da un’infezione alle vie urinarie.

In questo approfondimento vedremo quali sono le principali cause dell’urina torbida e a quali altri sintomi fare attenzione per capire di che problema si tratta.

Se l’urina torbida non torna trasparente e al suo colore normale dopo qualche giorno, è importante rivolgersi al medico per una visita. Il medico potrebbe prescrivere le analisi del sangue e gli esami delle urine per effettuare una diagnosi della causa dell’urina torbida.

Cause comuni dell’urina torbida

Disidratazione

Partiamo dalla disidratazione, che è una della delle cause più comuni dell’urina torbida. Può infatti capitare a qualsiasi età, sia negli uomini che nelle donne, di bere troppo poco e disidratarsi.

Le persone più colpite sono i bambini, gli adulti meno giovani e i malati cronici. Agli adulti sani capita soprattutto al mattino e dopo un allenamento intenso.

La disidratazione rende l’urina scura e torbida, perché il corpo quando è disidratato cerca di trattenere più acqua possibile. Le urine così sono più concentrate e appaiono più scure del solito.

Gli altri sintomi della disidratazione sono:

  • sete eccessiva;
  • riduzione del numero di volte in cui si fa pipì;
  • pannolini asciutti nei neonati;
  • mal di testa;
  • bocca secca;
  • stanchezza;
  • confusione.

I casi più lievi di disidratazione si risolvono spontaneamente, riprendendo a bere acqua regolarmente per reintegrare i liquidi persi.

In caso di urina scura nei bambini, accompagnata da diarrea e vomito, è importante rivolgersi al pediatra per ricevere la terapia giusta. Il medico potrebbe prescrivere una soluzione salina reidratante a base di acqua ed elettroliti.

Infezioni del tratto urinario

Anche le infezioni del tratto urinario sono una causa comune dell’urina torbida, sopratutto nelle donne. Questo perché l’uretra femminile è più corta e viene contaminata più facilmente da batteri vaginali e fecali.

Le infezioni del tratto urinario sono causate dalla proliferazione dei batteri. Possono colpire l’uretra, la vescica, gli ureteri e i reni.

In caso di infezioni, l’organismo invierà globuli bianchi per combattere i batteri. Queste cellule del sangue si mischiano all’urina, facendola apparire torbida o lattiginosa.

Gli altri sintomi delle infezioni del tratto urinario sono:

  • dover fare sempre pipì;
  • urina rossa, rosa o marrone;
  • un odore delle urine più forte del solito;
  • dolore nella parte bassa o al centro della schiena;
  • dolore nella zona pelvica nelle donne;
  • sentire il bisogno di urinare, ma riuscire a espellere solo poche gocce di pipì;

Le infezioni del tratto urinario richiedono una cura antibiotica per non evolvere in condizioni più gravi, come infezioni croniche, danni ai reni, complicazioni in gravidanza o sepsi (un’infezione del sangue che può causare la morte).

Vaginite

L’urina torbida può essere causata anche da una vaginite, un’infezione della vagina provocata da batteri, lieviti o tricomoniasi. Questo avviene quando l’equilibrio batterico vaginale è compromesso dalla proliferazione di batteri cattivi.

Anche in questo caso sono i globuli bianchi o le perdite vaginali a intorbidire l’urina. Gli altri sintomi della vaginite sono:

  • prurito, dolore o bruciore vaginale;
  • perdite puzzolenti;
  • odore di pesce che peggiora dopo un rapporto sessuale;
  • perdite eccessive e acquose;
  • bruciore durante la minzione;

La vaginite si cura con antibiotici se è causata da batteri o tricomoniasi; con farmaci antifungini se è causata da un fungo. Non curare la vaginite può esporre a un rischio maggiore di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili.

Calcoli renali

I calcoli renali sono causati dal depositi anomali di minerali e sali nel tratto urinario. Possono diventare anche di grosse dimensioni e causare dolore.

Inoltre possono ostruire il tratto urinario o provocare infezioni. L’urina torbida potrebbe essere il sintomo di un calcolo renale o di un’infezione provocata da un calcolo renale.

Gli altri possibili sintomi dei calcoli renali sono:

  • dolore sotto le costole, al fianco o alla schiena;
  • dolore che si estende dalla parte bassa dell’addome all’inguine;
  • ondate di dolore;
  • dolore quando si fa la pipì;
  • urine rosa, rosse o marroni;
  • cattivo odore dell’urina.

Molti tipi di calcoli ai reni passano senza alcun trattamento. Il medico può prescrivere antidolorifici e di bere molti liquidi per facilitare l’eliminazione dei calcoli.

I calcoli più grandi o che hanno portato a un’infezione possono richiedere l’intervento del medico. Può essere necessario eliminarli chirurgicamente, o con macchinari che usano le onde sonore per dividerli in pezzi più piccoli e facilitarne lo scioglimento.

In caso di infezione il medico potrebbe prescrivere anche degli antibiotici.

Malattie renali causate da diabete o ipertensione

A volte l’urina è torbida a causa di malattie renali provocate da diabete o ipertensione. Le malattie renali croniche possono causa insufficienza renale, quando la funzionalità renale scende al di sotto il 15% rispetto al normale.

Quando i reni non lavorano correttamente, i prodotti di scarto non vengono filtrati correttamente e possono cambiare il colore e l’odore della pipì.

I sintomi dell’insufficienza renale includono:

  • gonfiore, sopratutto alle gambe, alle caviglie e ai piedi;
  • mal di testa;
  • prurito;
  • nausea e vomito;
  • stanchezza durante il giorno e insonnia di notte;
  • problemi di stomaco, come perdita dell’appetito e perdita di peso;
  • crampi muscolari, debolezza e intorpidimento;
  • produzione di urina scarsa o nulla;
  • confusione o disturbi cognitivi.

Il trattamento dell’insufficienza renale può richiedere l’emodialisi, che serve a processare il sangue in un macchinario che funziona da rene artificiale, e il trapianto di rene.

Infezioni sessualmente trasmissibili

Le infezioni sessualmente trasmissibili sono malattie che si contraggono tramite i rapporti sessuali. Alcune infezioni sessuali comuni, come la gonorrea e la clamidia, si manifestano con pochi sintomi. I globuli bianchi attivati dall’organismo per combattere l’infezione si mischiano all’urina, intorbidendola.

Altri sintomi delle infezioni sessualmente trasmissibili sono:

  • perdite anomali dalla vagina o dal pene;
  • prurito genitale;
  • bruciore durante l’urinazione;
  • eruzioni cutanee, vesciche e verruche;
  • dolore pelvico nelle donne;
  • dolore ai genitali;
  • rapporti sessuali dolorosi;
  • dolore dopo i rapporti sessuali.

Il trattamento delle infezioni sessualmente trasmissibili dipende dal tipo di malattia infettiva. La terapia più usata è quella a base di antibiotici.

Se non curate, le infezioni possono causare problemi di fertilità nelle donne, infezioni pelviche gravi e complicazioni in gravidanza. Negli uomini non curare un’infezione sessualmente trasmissibile può provocare infezioni della prostata e di altri organi dell’apparato riproduttivo.

Diabete

Il diabete è causato da livelli anormali di zucchero nel sangue. I reni di un diabetico sono costretti a lavorare di più per filtrare lo zucchero in eccesso. Questi zuccheri spesso vengono espulsi con l’urina.

Il superlavoro dei reni può portare a malattie renali, diagnosticate dalla presenza di alcune proteine nell’urina. Queste proteine modificano il colore e l’odore della pipì.

Altri sintomi comuni del diabete sono:

Il diabete di tipo 2 si gestisce con i farmaci, la dieta e il controllo del peso. Il diabete di tipo 1 richiede l’insulina per contenere il rischio di danni ai reni.

Dieta

Le urine torbide possono essere causate anche dal consumo eccessivo di latte. I latticini contengono fosfato di calcio. I reni filtrano il fosforo nel sangue. L’eccesso di fosforo finirà nelle urine, rendendole poco limpide.

Il fosforo escreto nelle urine è una condizione nota come fosfaturia, che richiede un consulto medico per escludere altre malattie e disturbi.

Problemi alla prostata

Anche i problemi alla prostata, come la prostatite, possono causare urina torbida. La prostatite è l’infiammazione o l’infezione della prostata, una ghiandola maschile che si trova sotto la vescica. Può essere causata da infezioni o da altre cause. Può manifestarsi all’improvviso in una forma acuta o essere cronica.

In caso di prostatite, le urine diventano torbide a causa dei globuli bianchi, del pus o di altre perdite organiche dal pene.

I sintomi della prostatite sono:

  • dolore o bruciore durante la minzione;
  • difficoltà a urinare;
  • urinare di frequente, sopratutto di notte;
  • sangue nelle urine o nell’eiaculazione;
  • dolore all’addome, all’inguine o nella parte bassa della schiena;
  • mal di genitali;
  • sintomi simili a quelli dell’infuenza;
  • eiaculazione dolorosa;

Il trattamento della prostatite dipende dalle cause. La terapia può richiedere antibiotici, alfabloccanti, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Gravidanza

L’urina torbida in gravidanza può indicare un’infezione del tratto urinario, un’infezione sessualmente trasmissibile o una vaginite. I sintomi nelle donne incinte sono uguali a quelli che si manifestano nelle donne non incinte. I rischi però sono maggiori perché queste infezioni, se non vengono curate, possono causare complicazioni in gravidanza, quali sottopeso del bambino alla nascita, parto prematuro e infezioni più gravi.

La presenza di proteine nelle urine a volte è un segnale spia della preeclampsia, una pericolosa complicazione della gravidanza. Solitamente le proteine non cambiano l’aspetto delle urine, ma se i livelli di proteine sono troppo alti, l’urina può apparire schiumosa.

Se nel corso della gravidanza si sospetta un’infezione vaginale o urinaria o la preeclampsia, è importante avvisare subito il ginecologo e/o il proprio medico curante.

Leggi anche: Urina che odora di caffè: ecco da cosa può dipendere

Fonte: Healthline
Foto: © Fotolia

Potrebbe interessarti anche:

nodulo al seno cause

Non solo cancro, ecco altre 5 cause benigne dei noduli al seno

Un seno noduloso al tatto non indica per forza un cancro. Ecco le cause benigne dei noduli al seno, dalle cisti al ciclo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.