Home / Attualità / Economia e Risparmio / App a pagamento su cellulari e tablet: come disattivarle

App a pagamento su cellulari e tablet: come disattivarle

app a pagamento

Per ogni cosa c’è un’app. Questo, in sintesi, era lo slogan con cui circa 10 anni fa Apple lanciò il suo primo iPhone. A distanza di oltre un decennio le cose non sono cambiate e le app fanno parte della nostra vita quotidiana. Purtroppo fin troppo. Può capitare infatti di aver scaricato un’app e di dimenticarsi di averlo fatto. Applicazioni usate per qualche tempo e poi abbandonate, altre scaricate senza mai averle utilizzate. Capita persino di avere già preinstallate delle app a pagamento sul cellulare sin dal momento dell’acquisto. Se all’improvviso scoprite che il vostro credito si è azzerato e non vi spiegate il motivo, forse la risposta sono le app a pagamento. Capita infatti, non di rado, di essere abbonati ad alcuni servizi senza saperlo. Ecco come fare a scoprire le app in abbonamento su tutti i dispositivi mobili e come fare a disattivarle.

Come scoprire le app a pagamento sul proprio dispositivo

Per fortuna Apple ci viene incontro e dà l’opportunità di scoprire con un clic quale app ci sta succhiando denaro. Navigando dal cellulare non è facile scoprirlo, ma è possibile farlo attraverso il supporto della casa americana. Si può raggiungere il supporto tramite questo indirizzo da computer, oppure quest’altro da iTunes. È possibile scoprire i servizi a pagamento anche attraverso l’App Store.

Altri metodi per scoprire se sono stati attivati servizi a pagamento sul proprio cellulare (di qualunque tipo) sono:

  • verificare la presenza di eventuali SMS di notifica;
  • verificare le singole voci di spesa tramite l’app ufficiale della propria compagnia telefonica;
  • contattare il servizio clienti della propria compagnia e chiedere se ci sono servizi attivi a pagamento;
  • controllare il proprio conto corrente per eventuali abbonamenti legati al conto in banca e non al credito telefonico.

Come disattivare gli abbonamenti indesiderati alle app di Apple

Se fate accesso attraverso uno dei due indirizzi indicate sopra, cliccate su “Manage your Subscriptions” (sì, purtroppo è in inglese); altrimenti da iTunes basta cliccare sull’immagine del proprio profilo che si trova in alto a destra.

  • Si aprirà la pagina Account, ri-cliccare sull’immagine e inserire la password per aprire il proprio profilo.
  • Cercare la sezione “Abbonamenti” o “Subscriptions” in inglese (all’incirca a metà schermo).
  • Cliccandoci sopra comparirà l’elenco di tutte le app a cui siete iscritti. Nell’elenco ci saranno anche la cifra spesa e la data in cui verrà rinnovato l’abbonamento.
  • Cliccare sugli abbonamenti che si vogliono eliminare e disattivarli.

Come disattivare gli abbonamenti indesiderati alle app generiche

Esistono metodi diversi per disattivare gli abbonamenti indesiderati, a seconda della tipologia di servizio. Un metodo molto simile al precedente di Apple è attuabile attraverso il sito Mobile Pay. Accedendo tramite la pagina Selfcare è possibile scoprire lo storico dei pagamenti e disattivare eventuali app a pagamento. Il servizio funziona con i principali operatori telefonici del mercato italiano (Tim, Vodafone, Wind, Tre, Fastweb e Poste Mobile), non ancora con gli operatori virtuali come Ho.Mobile, Iliad e Kena.

Il funzionamento di questo sito è molto semplice: basta inserire numero di telefono e operatore nelle caselline apposite. Si riceve una password via SMS, la si inserisce nell’apposito riquadro e si avrà accesso al proprio profilo. Lì si potranno vedere tutti gli eventuali servizi a cui si è abbonati, ed eventualmente sarà possibile disattivarli.

Infine è possibile disattivare eventuali sottoscrizioni operando direttamente dal sito dell’app (se c’è) o chiedendone la disattivazione all’operatore della propria compagnia telefonica. In molti casi possono volerci anche alcuni giorni per la disattivazione completa del servizio, quindi se dovessero arrivare nel giro di poche ore altri addebiti, non allarmatevi.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

I lavori più ricercati all’estero nel 2018 e dove trovarli

Non solo operai: tantissimi laureati o lavoratori specializzati potrebbero trovare un buon impiego all'estero, basta sapere dove cercare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.