Home / Ambiente / Energie rinnovabili / Fotovoltaico: dal policristallino al monocristallino, la rivoluzione è iniziata

Fotovoltaico: dal policristallino al monocristallino, la rivoluzione è iniziata

pannello fotovoltaico silicio monocristallinoSe il 2017 è stato l’anno del rodaggio per il silicio monocristallino, dopo anni in cui era rimasto fermo intorno al 25%, il 2018 ne segnerà la definitiva affermazione sul mercato fotovoltaico.

Secondo le stime degli analisti dell’unità di ricerca della Solar Media Ltd, il monocristallino entro la fine dell’anno avrà conquistato il 49% della produzione totale di celle solari in silicio.

Le proiezioni al 2019 vedono il mono-Si dominare il mercato.

Il silicio monocristallino è una versione del semiconduttore leggermente più costosa, ma anche più efficiente.

 

trend monocristallinoA trainare questa rivoluzione, scatenando un effetto domino nel mercato solare, è stato soprattutto il successo del LONGi Group.

Il ritorno del monocristallino

Facendo un salto indietro nel tempo, fino ai primi passi dell’industria solare, scopriamo che il fotovoltaico è nato dal monocristallino, per poi essere soppiantato dal policristallino, che garantiva una migliore efficienza e costi più competitivi.

Il policristallino assicurava una fornitura di massa di wafers per la produzione di celle solari, a prezzi sostenibili e con un sufficiente livello di purezza. Questa tecnologia si affermò in Cina non appena l’industria solare fu pronta a passare dalla fase di ricerca accademica al mondo commerciale.

L’industria del silicio policristallino, trainata fino a quel momento dai semiconduttori, trovò nel mercato fotovoltaico il suo principale fattore di crescita.

L’azienda che conobbe la maggiore crescita grazie al boom del policristallino nel fotovoltaico fu la GCL-Poly.

La domanda di moduli di tipo p con 60 celle, nel range di 230-240W, schizzò alle stelle.

Il monocristallino fu invece condannato a una posizione di nicchia per i wafer e le celle solari di tipo n.

La tecnologia PERC

Ma lo scenario cambiò quando apparve LONGi sulla scena e l’industria solare conobbe il suo progresso maggiore dopo molti anni con la tecnologia PERC (Passivated Emitter and Rear Contact).

Questa tecnologia solare garantisce prestazioni migliori in termini di efficienza, grazie a uno strato aggiuntivo sul retro che riflette e recupera la luce che non è stata assorbita dal wafer.

Allo stesso tempo, i prezzi del fotovoltaico alla fine del 2016 crollarono a 40 centesimi per Watt.

La LONGi e la Zhonghuan Semiconductor si divisero il mercato dei wafer mono. Oggi i prezzi del policristallino sono aumentati, perché la Cina ha chiuso per motivi ambientali molti siti che producono silicio metallurgico.

Allo stesso tempo, i produttori di silicio monocristallino hanno abbassato i prezzi, per poter competere con i produttori di silicio policristallino.

Nei prossimi anni il silicio monocristallino potrebbe raggiungere l’obiettivo dei 100 GW, consacrandosi come la tecnologia fovoltaica del futuro. O almeno, fino a una nuova rivoluzione.

Foto: LONGi Solar via Facebook

Potrebbe interessarti anche:

solare 2017 sorpasso fossili

Solare: nel 2017 la nuova capacità installata ha superato i fossili

Il 2017 è stato un anno d'oro per l'energia solare, che ha registrato investimenti per 160,8 miliardi di dollari, per un totale di 98 GW di nuova capacità installata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.