Home / Salute / Medicina / Psoriasi, le cure e i rimedi naturali per alleviare i sintomi

Psoriasi, le cure e i rimedi naturali per alleviare i sintomi

psoriasi maniLa psoriasi è una malattia cronica della pelle, non contagiosa. Si tratta di una patologia autoimmune tra le più comuni. A causarla è una disfunzione del sistema immunitario che accelera il ciclo di crescita delle cellule della pelle. La forma più comune di psoriasi si manifesta con la comparsa di chiazze e placche rosse coperte da una patina bianca di cellule epidermiche morte. Le chiazze possono comparire in qualsiasi parte del corpo. Attualmente le cure disponibili per il trattamento della psoriasi includono:

  • farmaci ad uso topico;
  • farmaci per via orale o endovenosa;
  • fototerapia.

Non tutte le cure sono ugualmente efficaci: la reazione, più o meno positiva, ai farmaci varia da caso a caso e in base all’intensità della patologia e all’area in cui si manifestano le chiazze. A volte il medico prescrive una terapia che unisce più farmaci e rimedi naturali. Il decorso della malattia è imprevedibile: chi soffre di psoriasi può vedere altenarsi rapidi miglioramenti a brusche accelerazioni della patologia. Pertanto è consigliabile concordare con il medico la terapia meno invasiva e più appropriata alla diffusione e alla gravità della psoriasi, per arginare gli effetti collaterali dei farmaci più aggresivi. Essenziale, inoltre, il monitoraggio dell’efficacia della cura prescritta: alcuni farmaci e rimedi possono essere efficaci per un paziente ma inefficaci per curare altri casi specifici.

Farmaci ad uso topico per curare la psoriasi.

psoriasi corpoI corticosteroidi topici, sotto forma di creme e di unguenti, sono efficaci antinfiammatori prescritti per il trattamento delle forme di psoriasi da lievi a moderate. Questi farmaci rallentano il ricambio delle cellule della pelle, agendo sul sistema immunitario e riducendo il prurito e l’infiammazione associata alla psoriasi. I corticosteroidi variano in intensità: da lievi a forti. Quelli più leggeri sono indicati per aree del corpo molto delicate come il viso e le pieghe cutanee, mentre gli unguenti più forti possono essere prescritti per trattare chiazze persistenti su mani e piedi. Per il cuoio capelluto esistono soluzioni specifiche. L’uso eccessivo o prolungato dei corticosteroidi può diminuirne l’efficacia e può causare un assottigliamento della pelle. Per questa ragione vengono solitamente utilizzati sui focolai attivi fin quando non sono sotto controllo.

Altro trattamento ad uso topico per la psoriasi è la vitamina D sintetica, capace di rallentare la crescita delle cellule della pelle. Sostanze con funzione simile alla vitamina D come il Calcipotriene (Dovonex) o il Calcitriolo (Rocaltrol). Quest’ultimo è più costoso ma meno irritante per la pelle rispetto al Calcipotriene.

Antralina: sostanza capace di agire sul DNA delle cellule epidermiche, normalizzandone l’attività. L’antralina rimuove le incrostazioni e rende la pelle più liscia. Tuttavia colora tutto ciò con cui viene a contatto e può irritare la pelle. Solitamente i medici la prescrivono per trattamenti di breve durata, in associazione alla fototerapia.

Retinoidi topici: una classe di farmaci utilizzata per combattere l’acne e curare le scottature solari, tra questi il Tazarotene (Tazorac, Avage) è stato sviluppato appositamente per il trattamento della psoriasi: è in grado di ridurre l’infiammazione e di normalizzare l’attività del DNA nelle cellule della pelle. L’effetto collaterale più comune del Tazarotene è l’irritazione della pelle. Il principio attivo del farmaco può inoltre aumentare la sensibilità alla luce del sole, è bene dunque applicare sulla pelle, anche e come sempre d’altronde, una protezione solare adeguata.

 Inibitori della calcineurina. Approvati attualmente soltanto per il trattamento della dermatite atopica, tacrolimus (Prograf) e pimecrolimus (Elidel) si sono rivelati efficaci anche per la cura della psoriasi in alcuni casi. Queste sostanze inibiscono le cellule T, inibendo l’infiammazione. Sono utili nelle aree in cui la pelle è molto sottile, come il contorno occhi, laddove gli altri trattamenti risulterebbero più aggressivi. Vanno usati solo dietro prescrizione e monitoraggio medico perché l’impiego a lungo termine causa un potenziale aumento del rischio di cancro della pelle e di linfoma.

Acido salicilico: favorisce la desquamazione delle cellule morte della pelle e riduce le scaglie.

Catrame di carbone: disponibile sotto forma di shampoo, oli e creme, è in grado di ridurre la desquamazione, il prurito e l’infiammazione. Il catrame minerali ha pochi effetti collaterali noti ma ha un odore molto forte e macchia.

 Sostanze emollienti: soluzioni idratanti che non curano la psoriasi ma alleviano la secchezza della cute causata dai trattamenti più aggressivi, riducendo il prurito e la desquamazione.

Farmaci per via orale per il trattamento  della psoriasi.

Retinoidi.

Ciclosporina.

Metotrexato.

Idrossiurea.

Farmaci immunomodulatori (biologici).

Tioguanina.

La fototerapia  per la cura della psoriasi.

La fototerapia utilizza la luce ultravioletta, naturale o artificiale, per rallentare il ricambio delle cellule della pelle e ridurre le chiazze e l’infiammazione. Brevi esposizioni giornaliere ai raggi UV sono molto efficaci per trattare i sintomi della psoriasi ma lunghe esposizioni possono danneggiare la pelle e peggiorare la malattia.

La fototerapia con gli UVB a banda larga è utile per i casi di psoriasi da lieve a moderata, in special modo per curare la psoriasi che resiste ai trattamenti topici. Per alleviare gli effetti collaterali a breve termine quali arrossamento, prurito e pelle secca, è utile impiegare anche una crema idratante. La fototerapia con gli UVB a banda stretta è più rischiosa perché può causare ustioni, si tratta di un nuovo tipo di trattamento che prevede sessioni due o tre volte alla settimana e, dopo i primi miglioramenti, di una sola seduta alla settimana.

La terapia di Goeckerman. Alcuni medici combinano il trattamento UVB con il catrame che rende la pelle più ricettiva alla luce UVB. Un altro metodo, il regime di Ingram, combina la terapia UVB con un bagno di catrame di carbone e una soluzione antralina-salicilica  che rimane sulla pelle per diverse ore.

Fotochemioterapia o Psoralene più raggi ultravioletti A (PUVA).

Laser ad eccimeri.

Laser a coloranti.

 

Fonti: MayoClinic;  Psoriasis.org
Foto: © Thinkstock

Disclaimer

Potrebbe interessarti anche:

vampate di calore negli uomini

Vampate di calore negli uomini: le cause e i rimedi più efficaci

Le vampate di calore negli uomini si manifestano con gli stessi sintomi delle donne, ma le cause e i rimedi sono diversi: ecco quali.