Home / Salute / Alimentazione / Dieta del supermetabolismo di Haylie Pomroy: fasi e perdita di peso

Dieta del supermetabolismo di Haylie Pomroy: fasi e perdita di peso

dieta del supermetabolismo Haylie PomroyLa dieta del supermetabolismo è un programma alimentare dimagrante creato dalla nutrizionista americana Haylie Pomroy. La Pomroy, autrice insieme a Eve Adamson del libro La dieta del supermetabolismo, ha curato la linea di star come Jennifer Lopez e Robert Downey Jr.

Il suo regime dietetico promette di far perdere fino a 10 chili in un mese mangiando cibo vero e senza contare le calorie. Il tutto mettendo il turbo al metabolismo. Secondo la nutrizionista infatti molte diete ipocaloriche fanno prendere ancora più peso dopo i risultati iniziali di scarsa durata, perché spingono l’organismo a consumare sempre meno calorie.

Per far uscire il corpo da questo regime di privazioni e fame, Haylie Pomroy ha ideato una dieta di 28 giorni. Ogni ciclo settimanale è composto da tre fasi alternate ogni 2-3 giorni.

Più peso si deve perdere e più aumentano le porzioni. Questo perché per perdere tanti chili secondo la Pomroy occorre rendere il metabolismo più veloce.

In tutte le fasi vanno evitati i cibi che causano irritazione e infiammazione dell’apparato gastrointestinale, impigriscono l’intestino e creano insulinoresistenza.

Inoltre bisogna bere 30 ml di acqua al giorno per ogni kg di peso corporeo e allenarsi tre volte alla settimana.

Le 3 fasi della dieta del supermetabolismo

Fase 1 – Rilassarsi per uscire dalla fase di emergenza

La prima fase dura 2 giorni, lunedì e martedì, e serve ad accelerare il metabolismo, convincendo l’organismo che non si trova più in una situazione di emergenza, come avviene con le diete restrittive. Il corpo va persuaso che è meglio digerire il cibo che immagazzinarlo. Questa fase serve a calmare le ghiandole surrenali.

In questa fase si consumano pochi grassi e proteine, nutrienti che sono più difficili da digerire rispetto ai carboidrati contenuti nei cereali e nella frutta.  Sono previsti cibi con un indice glicemico alto, alimenti ricchi di carboidrati, zuccheri naturali, vitamine B e C.

Fase 2 – Sbloccare l’energia immagazzinata sotto forma di grassi

Nella fase 2, che va seguita mercoledì e giovedì, l’organismo viene incoraggiato a bruciare l’energia immagazzinata sotto forma di grasso, consumando più proteine e vegetali, pochi grassi e pochi carboidrati.

Fase 3 – Bruciare i grassi

Nella fase 3, che va seguita venerdì, sabato e domenica, l’organismo inizia a bruciare i grassi sbloccati nella fase 2 e i grassi che si assumono con la dieta. In questa fase aumenta il consumo di grassi sani, mentre il consumo di proteine e carboidrati è moderato. Il consumo di frutti ad alto indice glicemico è basso.

Cibi da evitare in tutte le fasi della dieta del supermetabolismo

Per tutti e 28 i giorni della dieta del supermetabolismo non bisogna mangiare:

  • Grano. Occorre evitare tutti quegli alimenti che lo contengono: pane, biscotti, torte, cereali, cracker;
  • Mais, inclusi i pop corn, la polenta e i cibi processati che contengono mais;
  • Latticini. No a latte, formaggi, yogurt, burro, yogurt greco;
  • Soia, in tutte le sue forme, dal tofu al miso al tempeh;
  • Zuccheri raffinati;
  • Caffeina e caffè decaffeinato;
  • Dolcificanti artificiali. Se proprio bisogna usarli, è meglio scegliere la Stevia, lo Xylitolo o altri dolcificanti naturali;
  • Succhi di frutta;
  • Frutta disidratata;
  • Alcolici;
  • Prodotti light che riportano in etichetta la scritta Senza grassi o Zero calorie;
  • Pesce e carne provenienti da allevamenti che usano mangimi a base di grano e soia.

Cibi consentiti nella prima fase

Nella prima fase si mangia 5 volte al giorno, ogni 3-4 ore, consumando tre pasti principali  ricchi  di carboidrati complessi e due snack a base di frutta, tranne banane e uva che sono ricche di zuccheri.

A colazione sono previsti cereali e frutta, entro mezz’ora dal risveglio. Se possibile bisogna acquistare prodotti biologici.

Se si devono perdere 10 kg, nella prima fase della dieta del supermetabolismo è possibile consumare a ogni pasto:

  • verdure senza limiti tra quelle consentite nella prima fase, ad esempio asparagi, carciofi, spinaci, cavolfiore e melanzane;
  • frutta come pere, mele, anguria, mango, pesche, arancia, kiwi, fragole, ananas;
  • proteine: 113 grammi di carne (manzo, pollo o tacchino); oppure 170 grammi di pesce; mezza tazza di legumi o 3 albumi;
  • 30 grammi di cereali integrali cotti, come quinoa, farro, riso, orzo, avena e miglio;
  • un frutto, ad esempio pere, mele, pesche, kiwi, arance, fragole;
  • 350 ml di frullato.

Cibi consentiti nella seconda fase

Nella seconda fase della dieta del supermetabolismo bisogna consumare cibi che aiutano il fegato a funzionare meglio, come limone, cipolle e verdure a foglia verde.

Inoltre occorre aumentare il consumo di proteine magre e di cibi che stimolano la produzione di carnitina. Non sono ammessi cereali e grassi.

Per perdere 10 kg in un mese, nella seconda fase è possibile mangiare a ogni pasto:

  • Verdure senza limiti;
  • Proteine, a scelta tra 113 grammi di carne, 170 grammi di pesce, 3 albumi o mezza tazza di legumi cotti;
  • un frutto a scelta tra limoni e lime;
  • 350 ml di frullato. 

Cibi consentiti nella terza fase

Nella terza fase della dieta del supermetabolismo sono previsti a ogni pasto:

  • verdure senza limiti;
  • proteine: 113 grammi di carne; oppure 170 grammi di pesce; mezza tazza di legumi cotti; un uovo intero;
  • 30 grammi di cereali cotti;
  • un frutto;
  • grassi sani, ad esempio mezzo avocado o 3 cucchiai di olio;
  • 350 ml di frullato.

Se alla fine dei 28 giorni, non si è ancora raggiunto il peso forma, è possibile ripetere il ciclo per altri 28 giorni e fino al raggiungimento del traguardo di dimagrimento fissato.

Per mantenere il risultato è possibile seguite la dieta del supermetabolismo da 28 giorni una o due volte all’anno.

Fonte: Chewfo.com

Potrebbe interessarti anche:

dieta mima-digiuno

Come fare la dieta mima-digiuno: schema, benefici ed effetti collaterali

Ecco in cosa consiste la dieta mima-digiuno di Valter Longo e come farla: lo schema, i benefici e i possibili effetti collaterali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.