Home / Attualità / Scienza e tecnologia / Come ricaricare correttamente la batteria dello smartphone

Come ricaricare correttamente la batteria dello smartphone

batteria dello smartphone

Niente di più facile: ricaricare la batteria dello smartphone sembra un gioco da ragazzi. E invece sbagliamo quasi tutti. Non ci credete? Basta chiedere a chi di batterie se ne intende come Cadex, un’azienda che produce questi dispositivi. Intervistato da Business Insider, uno dei rappresentanti dell’azienda ha svelato tutti gli errori più comuni che facciamo quando ricarichiamo il cellulare. Se volete che la vostra carica duri più a lungo abbiamo già elencato 10 trucchi da attuare in qualsiasi momento. Però bisogna anche pensare alla “salute” della batteria, e per farla durare anni bisogna gestirla correttamente.

Batteria dello smartphone mai a zero

Probabilmente vi sarà capitato di sentire un vecchio consiglio: lasciar scaricare completamente la batteria, specialmente la prima volta, e lasciarla in carica per tutta la notte. Mai consiglio fu più errato! La cosiddetta “scarica profonda”, quella che arriva a spegnere il cellulare, deteriora la batteria. Al contrario sarebbe meglio non scendere mai al di sotto del 25% di ricarica. Fino a questa soglia infatti la batteria non registra usura rilevante, mentre scendere sempre al di sotto, e magari stressare il telefono quando si ha meno del 10% di batteria, potrebbe finire con l’usurarla.

È vero anche il contrario, ovvero non bisognerebbe mai caricare la batteria fino al 100%. Specialmente se si parte da una carica bassa. Le batterie agli ioni di litio non dovrebbero mai essere caricate completamente perché una tensione eccessiva danneggia la batteria. Per questo motivo, oltre a non portare la carica fino al 100% (magari nemmeno fino al 90%), è importante staccare subito la presa quando la batteria è carica. Mantenere il telefono in carica tutta la notte porta ad una sollecitazione eccessiva della batteria che per ore continuerà a ricevere energia senza più poterne accumulare. Senza contare il rischio di surriscaldamento.

Come ricaricare correttamente lo smartphone

Ma allora come si ricarica lo smartphone correttamente? Anzitutto il segreto è metterlo sotto carica tutte le volte che potete. Le “micro-ricariche”, ovvero quelle ricariche da mezz’ora – un’ora, non solo non danneggiano la batteria, ma anzi la tengono “in salute”. Il livello preferibile in cui dovrebbe stare la batteria è tra il 65% e il 75%. Siamo consapevoli che questo stato “ottimale” sia abbastanza impossibile da mantenere, specialmente per chi sta tutto il giorno fuori casa. Per questo gli esperti consigliano di mantenere la ricarica tra il 45% e il 75%, con la possibilità appunto di scendere fino al 25% (ma non al di sotto).

Secondo altre fonti che riguardano sempre i produttori di batterie, la ricarica ideale si attesta intorno al 50%, con un limite minimo del 20% e uno massimo dell’80%. Come è evidente non esiste una regola precisa, però delle indicazioni più o meno attendibili sì, per fare in modo che la vita utile della vostra batteria sia più lunga possibile.

Tra i consigli finali possiamo aggiungere di non conservare la batteria dello smartphone esposta a fonti di calore, non lasciarla scarica per troppo tempo e cercare di ricaricarla spesso. Quando non viene utilizzata, la batteria agli ioni di litio tende a ridurre la propria carica di un 5-10% al mese. I consigli indicati in questa pagina non riguardano solo le batterie dei cellulari ma anche quelle dei portatili, dei navigatori satellitari, degli e-reader e di tutti gli altri dispositivi con batterie agli ioni di litio.

Foto: Pixabay

Potrebbe interessarti anche:

smartphone

Smartphone distruttori: oggetti e business scomparsi dal mercato

Chi si ricorda più delle enciclopedie cartacee, di sveglie e navigatori satellitari?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.