Home / Salute / Hangover: 6 rimedi contro il mal di testa e la nausea da ubriacatura

Hangover: 6 rimedi contro il mal di testa e la nausea da ubriacatura

mal di testa da ubriacatura rimediIeri sera hai esagerato con l’alcol e questa mattina ti senti la testa pesante come un pallone? L’ubriacatura, dopo l’euforia dei primi bicchieri ti ha lasciato distrutto, con un mal di testa lancinante, la nausea, mal di stomaco e continui capogiri? Sei alle prese con i postumi di una sbornia.

Ma niente paura! Se non hai tempo di aspettare che i sintomi dell’hangover passino perché devi andare a lezione o al lavoro, esistono dei rimedi scientificamente provati che possono aiutarti a smaltire la sbronza.

Vediamoli insieme.

Acqua

Far passare il mal di testa da ubriacatura è facile come bere un bicchiere d’acqua. Emicrania, nausea, confusione, stanchezza, stordimento e gli altri effetti collaterali dell’eccesso di alcolici sono dovuti alla disidratazione.

La nutrizionista Aicacia Young, fondatrice del portale sulla salute Climb Healthy, consiglia di bere tanta acqua prima di andare a dormire per alleviare i sintomi dell’ubriacatura al risveglio.

Bevande gassate

Bere una bevanda gassata zuccherata senza caffeina allevia i postumi di una sbornia. A dirlo è uno studio del 2013 pubblicato sulla rivista Food and Function. I ricercatori cinesi hanno scoperto che le bibite frizzanti come la Sprite aiutano a metabolizzare meglio l’alcol.

Bevendo bibite gassate l’organismo riesce infatti a processare meglio l’aldeide deidrogenasi (ALDH), un enzima ritenuto responsabile dei sintomi della sbornia.  La stessa ricerca ha scoperto che le tisane invece possono prolungare i postumi dell’ubriacatura.

Tisane allo zenzero e alla menta piperita

Ma non tutte le tisane sono inefficaci contro il mal di testa e la nausea da sbronza. Il tè allo zenzero e gli infusi alla menta piperita ad esempio possono aiutare a ridurre la nausea, il mal di stomaco, la cattiva digestione e la cinetosi, il malessere che si prova sui mezzi in movimento. A sostenerlo sono uno studio del 2003 pubblicato sull’American Journal of Physiology e una ricerca del 2008 pubblicata su Prescrire International.

Anche il tè verde è efficace contro un hangover, perché una sostanza contenuta in quest’erba, nota come epigallocatechina gallato, stimola l’attivazione dei meccanismi di disintossicazione del fegato.

Asparagi

Va bene, forse non hai voglia di mangiare degli asparagi quando ti svegli dopo una notte da leoni con sfide all’ultimo cicchetto. Ma secondo uno studio del 2009 pubblicato sul Journal of Food Science, gli aminoacidi contenuti negli asparagi aiutano le cellule a liberarsi più facilmente dell’alcol, alleviando i sintomi del post-sbornia e prevenendo i danni al fegato provocati dai sottoprodotti tossici degli alcolici.

Banane e pretzel

La nutrizionista americana Alyssa Cellini consiglia ai lettori di Medical Daily di smaltire la sbronza mangiando banane, ricche di potassio, e pretzel, snack ad alto contenuto di sodio. Questi due elettroliti trattengono l’acqua nel corpo, aiutando a prevenire la disidratazione causata dal consumo eccessivo di vino, birra e liquori.

Per sentirsi meglio è utile anche consumare carboidrati, perché l’organismo li esaurisce in fretta durante il processo di disintossicazione del fegato.

Caffè e un’aspirina

Uno studio pubblicato nel 2010 su PlOS ONE ha scoperto che la caffeina e i principi attivi antinfiammatori contenuti nell’aspirina e negli altri analgesici, agiscono contro i composti chimici dell’etanolo o dell’alcol puro.

A causare mal di testa da ubriacatura è proprio l’acetato contenuto nell’etanolo. Ma l’esperta avverte di fare attenzione quando si assumono caffé e antidolorifici insieme.

La caffeina, infatti, oltre ad essere una bevanda acida e a peggiorare la disidratazione dell’organismo, aumenta la produzione di adrenalina, dando una sensazione di recupero delle energie illusoria.

Leggi anche:

I rimedi naturali davvero efficaci contro la sbornia e i falsi miti

Fonte: Medical Daily

Potrebbe interessarti anche:

tatuaggio pelle che prude

Prurito dopo un tatuaggio: ecco perché la pelle prude e cosa fare

Hai fatto un tatuaggio e la pelle ti prude? Ecco da cosa dipende il prurito nell'area tatuata e cosa fare per alleviarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.