Home / Animali / Cani / Perché il cane tossisce dopo aver bevuto: 3 possibili cause e i rimedi

Perché il cane tossisce dopo aver bevuto: 3 possibili cause e i rimedi

cane tosse dopo aver bevutoIl tuo cane tossisce dopo aver bevuto? Ha dei conati di vomito ogni volta che beve? Sei preoccupato perché pensi che la tosse del cane quando beve possa essere il sintomo di una malattia o di un disturbo grave? Niente paura! Per rassicurarti e capire qual è la causa di questo sintomo, parlane con il veterinario alla prima occasione.

Qualsiasi sintomo o comportamento strano del tuo cane meritano attenzione. Anche tossire dopo aver bevuto può essere il segnale spia di un problema più serio che interessa la trachea: dalle deformazioni genetiche al collasso della trachea.

Alcune cause passano da sole e non provocano conseguenze. Altre invece richiedono una terapia farmacologica e l’adozione di comportamenti per prevenire l’aggravarsi del disturbo.

In questo approfondimento vedremo 3 possibili cause per cui il cane tossisce dopo aver bevuto. Per ognuna illustreremo i rimedi consigliati dai veterinari.

Come è fatta la trachea del cane

Ma prima di iniziare diamo un’occhiata a com’è fatta la trachea del cane. Questo tubo si trova tra la gola e i polmoni. È composto da cartilagine, muscoli e tessuti.

È attraverso la trachea che l’aria inspirata dal naso o dalla bocca raggiunge i polmoni. La trachea condivide l’entrata con l’esofago. L’epiglottide, un lembo di cartilagine, si apre per respirare e si chiude quando il cane mangia o beve per condurre il cibo verso l’apparato digestivo.

I cani sudano molto poco. Per questo l’ansimazione serve non solo a fornirgli ossigeno, ma anche a trovare sollievo dal calore d’estate o durante un esercizio fisico intenso.

Qualsiasi alterazione della trachea può impedire al cane di assumere abbastanza ossigeno e di regolare la temperatura corporea.  La trachea può irritarsi o gonfiarsi a causa di malattie respiratorie. Oppure può avere una struttura difettosa a causa di anomalie genetiche. O ancora indebolirsi con l’età.

Tre cause della tosse del cane dopo aver bevuto

Tosse dei canili

Conosciuta anche come tracheobronchite infettiva canina, la tosse dei canili è un’infezione respiratoria non grave, che equivale al nostro raffreddore. Si trasmette soprattutto nei luoghi molto affollati, come i canili o nella sala d’attesa del veterinario.

Può colpire cani di ogni razza ed età. Il cane in questo caso dopo aver bevuto tossisce, emettendo un suono simile a quello di un’oca che starnazza.

Più il cane tossisce, più la trachea si infiamma e si irrita. La tosse dei canili di solito passa in un paio di settimane. Una volta guarito, il cane smette di tossire dopo aver bevuto.

Per evitare di contagiare altri cani, è bene isolare il cane malato e pulire e disinfettare tutte le ciotole.

Ipoplasia tracheale

Un’altra causa della tosse nel cane è l’ipoplasia tracheale. Si tratta di un’anomalia genetica ereditaria, che si manifesta a partire dai 5-6 mesi di età. I cani affetti da questo difetto hanno la trachea sottosviluppata a causa di anomalie congenite degli anelli di cartilagine.

I più a rischio sono i cani brachicefali, che hanno la testa corta e il muso schiacciato. Tra questi il Boston Terrier, il Bulldog inglese e il Carlino.

Queste razze fanno fatica a respirare, tendono a russare e a respirare più pesantemente. Inoltre si stancano facilmente e sono più a rischio di sovrappeso perché si muovono poco.

Se il diametro della trachea non è eccessivamente stretto, l’ipoplasia tracheale può anche passare inosservata.

In alcuni casi la trachea stretta è un sintomo delle sindrome brachicefalica.  I cani che ne soffrono hanno uno scarso apporto di ossigeno per via del cranio, più largo che lungo, e delle narici ridotte a una fessura.

Collasso della trachea

Quando la trachea non è più integra, il cane può andare incontro a un collasso della trachea. Questo problema solitamente si presenta nei cani adulti o di mezza età, a partire dai 4-6 anni di vita. I più colpiti sono i cani di piccola taglia come lo Yorkshire Terrier, i Chihuahua, i Lhasa Apsos, i Pomerania,  i Barbone Toy e i Carlini.

Questo accade quando la trachea del cane si appiattisce gradualmente, un po’ come avviene quando appiattiamo lentamente un rotolo di carta igienica.

Via via che le vie respiratorie si restringono, il cane fa sempre più fatica a respirare e a rifornirsi di ossigeno a sufficienza.

I sintomi di un collasso della trachea, oltre alla tosse, sono conati di vomito, perdita di energia, e stanchezza anche dopo uno sforzo leggero.

Cosa fare se il cane tossisce dopo aver bevuto

Se il tuo cane tossisce dopo aver bevuto, non allarmarti. Con l’aiuto del veterinario, riuscirai a individuare facilmente il problema e i rimedi più efficaci.

Nel caso il cane soffra di tosse dei canili, guarirà in due settimane senza conseguenze.

Se il tuo cane è brachicefalo e tossisce spesso dopo aver bevuto, fallo visitare al veterinario per diagnosticare un collasso della trachea o un’ipoplasia tracheale.

Se la trachea non è troppo stretta, il cane può riuscire a vivere una vita normale. Per aiutarlo ad assumere abbastanza ossigeno, non dargli troppo cibo. Il sovrappeso e l’obesità infatti aggravano il problema.

Se il tuo cane tira al guinzaglio, usa un’imbracatura durante le vostre passeggiate per ridurre i danni da usura al collo e alla gola.

In caso la situazione sia più grave, il veterinario può prescrivere dei farmaci per gestire i sintomi e migliorare la qualità della vita del cane. In alcuni casi è necessario un intervento chirurgico per rinforzare la trachea.

Fonte: Dogster
Foto: Basykes

Potrebbe interessarti anche:

iruxol nel cane

Uso di Iruxol nel cane: come agiscono cloramfenicolo e collagenasi

La pomata Iruxol a base di cloramfenicolo e collagenasi viene usata per prevenire le infezioni delle piaghe e aiutare le ferite del cane a cicatrizzarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.