Home / Salute / 7 cause delle gengive nere, dal fumo ai farmaci per le infezioni

7 cause delle gengive nere, dal fumo ai farmaci per le infezioni

gengive nere causeHai le gengive nere? Di recente hai notato delle macchie scure sulle gengive? Non trascurare questo sintomo! Mostrale al tuo medico curante. Il colore delle gengive infatti è un importante segnale spia di diversi problemi di salute e malattie.

In questo approfondimento vedremo quali sono 7 possibili cause delle gengive nere e come fare a recuperare il colore normale e sano delle gengive.

Perché le gengive diventano nere

Il fumo

Il fumo è una delle principali cause delle gengive nere. La nicotina contenuta nel tabacco infatti aumenta la produzione di melanina. Questa sostanza, responsabile della colorazione della pelle, dei capelli e degli occhi, viene prodotta da cellule note come melanociti.

Quando i melanociti producono più melanina, le gengive cambiano colore, diventando nere o marrone scuro. Anche l’interno delle guance e la parte inferiore delle labbra possono assumere una colorazione più scura a causa del fumo.

La melanina

A volte la produzione eccessiva di melanina non è dovuta al tabagismo. Alcune persone infatti producono più melanina anche in condizioni di salute normali. In questo caso le tue gengive sono sempre state più scure e non c’è da preoccuparsi. Se invece noti un colore più scuro che compare all’improvviso potrebbe trattarsi di un altro problema di salute. Meglio parlarne con il tuo medico.

Alcuni farmaci

Alcuni farmaci possono colorare di nero le gengive. Tra i medicinali che hanno come effetto collaterale la pigmentazione e la decolorazione c’è la minociclina. Questo antibiotico ad ampio spettro viene prescritto per curare l’acne e nel trattamento di alcune infezioni, tra cui la clamidia.

I tatuaggi da amalgama

L’amalgama è una miscela di metalli usata per le otturazioni dentali. Il tatuaggio da amalgama compare quando alcune particelle metalliche vengono rimosse. In questo caso sotto alla pelle delle gengive, solitamente vicino all’otturazione, si nota una macchia nera, grigia o blu.

La gengivite acuta ulcero-necrotica

Nota anche come bocca da trincea, la gengivite acuta ulcero-necrotica è un’infezione causata dalla crescita incontrollata dei batteri orali, dovuta alla gengivite. La bocca da trincea si manifesta con sintomi quali:

  • gengive doloranti;
  • alito cattivo;
  • febbre;
  • aumento della produzione di saliva;
  • gengive sanguinanti;
  • accumulo di tessuto morto sulle gengive che causa gengive nere o grigie.
Il termine bocca da trincea risale alla Prima Guerra Mondiale, quando molti soldati si ammalarono di gengivite ulcerosa.

Le cause della gengivite acuta ulcero-necrotica sono:

  • una cattiva igiene orale;
  • lo stress;
  • l’insonnia;
  • una dieta sregolata.

La malattia di Addison

La malattia di Addison colpisce le ghiandole surrenali, impedendo una produzione sufficiente di ormoni. In questo caso le macchie scure compaiono sulle gengive, sulle labbra e in altre parti del corpo, come le ginocchia, le nocche, le linee dei palmi e intorno alle cicatrici.

I sintomi della malattia di Addison sono:

  • stanchezza;
  • perdita di peso ingiustificata;
  • sete eccessiva;
  • debolezza muscolare;
  • perdita dell’appetito.

Se non viene curata questa malattia può provocare una crisi surrenale, riconoscibile da questi campanelli d’allarme:

  • disidratazione;
  • respiro debole e accelerato;
  • sonnolenza;
  • pelle pallida e umida.

La sindrome di Peutz-Jeghers

La sindrome di Peutz-Jeghers è una malattia genetica che aumenta il rischio di polipi e cancro. Per diagnosticarla occorre un test genetico.

Uno dei primi sintomi è la comparsa di lentiggini di colore blu scuro o marrone scuro in bocca e sulle dita di mani e piedi.

Questi sintomi solitamente compaiono durante l’infanzia e tendono a scomparire in età adulta. I bambini che ne soffrono possono andare incontro anche a emorragie e occlusioni intestinali.

Gengive nere: cosa fare

La cura delle gengive nere dipende dalla causa dell’iperpigmentazione. La malattia di Addison richiede una terapia a base di glucocorticoidi e farmaci sostitutivi degli ormoni.

La sindrome di Peutz-Jeghers prevede l’asportazione preventiva dei polipi gastrici e duodenali e una terapia conservativa.

In caso il colore nero sia dovuto al fumo, occorre smettere di fumare.

Il tatuaggio da amalgama, invece, non essendo pericoloso per la salute, solitamente non richiede alcun trattamento. Così come la produzione eccessiva di melanina, tipica di alcuni individui.

Se le gengive nere sono causate dall’assunzione di farmaci, parla con il tuo medico per valutare una terapia alternativa con medicinali che non provocano questo effetto collaterale. Ma non interrompere la cura attuale senza aver prima consultato il tuo medico curante.

La gengivite acuta ulcero-necrotica si cura con gli antibiotici e una pulizia dei denti regolare. Il medico potrebbe prescriverti degli sciacqui con un collutorio medicato.

Esiste, infine, la possibilità di sbiancare le gengive nere. Ma lo sbiancamento gengivale è una procedura aggressiva, che può provare danni. Per questo effettualo solo dal tuo dentista di fiducia, dopo esserti consultato con il tuo medico di famiglia.

Prevenzione delle gengive nere

Per prevenire le gengive nere:

  • non fumare;
  • passa ogni giorno uno spazzolino a setole morbide sulle gengive per tenerle pulite;
  • usa quotidianamente il filo interdentale;
  • riduci il consumo di cibi ricchi di zuccheri;
  • vai almeno una volta all’anno dal dentista per un controllo di routine e per sottoporti alla pulizia dei denti. 

Fonte: Medical News Today

Potrebbe interessarti anche:

tatuaggio pelle che prude

Prurito dopo un tatuaggio: ecco perché la pelle prude e cosa fare

Hai fatto un tatuaggio e la pelle ti prude? Ecco da cosa dipende il prurito nell'area tatuata e cosa fare per alleviarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.