Home / Salute / Alimentazione / Dieta della dopamina: dimagrire con le ricette dello chef Tom Kerridge

Dieta della dopamina: dimagrire con le ricette dello chef Tom Kerridge

dieta dopamina Kerridge
Alcuni piatti della dieta della dopamina

Dopo il successo ottenuto in Gran Bretagna, il 12 aprile 2018 uscirà anche in Italia La miracolosa dieta della dopamina. Il metodo per ridurre i carboidrati e vivere felici.

Il libro illustra uno schema alimentare per dimagrire con gusto messo a punto dallo chef Tom Kerridge. Il popolare cuoco inglese, 2 stelle Michelin e tante apparizioni in tv, è riuscito a perdere ben 76 chili in 3 anni grazie ai cibi della felicità.

Tom Kerridge prima e dopo la dieta
Tom Kerridge prima e dopo la dieta

Un neurotrasmettitore per alleato

Tra un assaggio e l’altro nella sua cucina stellata, a 40 anni Kerridge era arrivato a pesare 190 kg. Da lì la saggia decisione di non affidarsi a diete lampo, che promettevano risultati miracolosi in breve tempo. O peggio a diete rigide, sbilanciate e basate su rinunce eccessive o sulla moda alimentare del momento.

Lo chef cercava un regime dietetico a lungo termine, che potesse essere seguito per diversi mesi senza rischi, conservando il sorriso e il piacere di mangiare bene.

Così si è creato una dieta su misura, la dieta della dopamina, un regime alimentare basato sui cibi che stimolano la produzione di questo importante neurotrasmettitore, collegato al benessere e alla felicità.

La dopamina viene prodotta dalle cellule del sistema nervoso. Non può essere assunta direttamente. Si può però assumere le sostanze che l’organismo usa per produrla. I precursori della dopamina sono gli aminoacidi fenilalanina e tirosina, contenuti nella carne, nel pesce e nel formaggio.

Secondo Kerridge (e come dargli torto?), molte diete dimagranti falliscono proprio perché le rinunce e i cibi “tristi” (vedi poche foglie di lattuga scondite su un piatto) demotivano.

Mangiare cibi sani ma poco appetitosi, così come mangiare poco, provoca ansia, nervosismo e malumore. Kerridge ha perciò pensato di mettere nel suo menù dimagrante alimenti in grado di aumentare la produzione dell’ormone del piacere.

la miracolosa dieta della dopamina copertina
La copertina della traduzione italiana del libro di Kerridge

I cibi della felicità

Nel suo libro non troverete menù precisi, ma un elenco di alimenti consentiti “felici” e tante ricette per preparare i piatti della dieta. Tra i piatti stellati, che vi faranno dubitare di essere a dieta, ci sono brodo di cozze saporito, prosciutto affumicato con fettine di verza e mele e, per concludere in dolcezza, dolci golosi come la cheesecake alle fragole!

La dieta della felicità include tanti cibi, ribattezzati dallo chef “eroi della dopamina”, che stimolano la produzione di ormoni del benessere e ormoni che fanno dimagrire:

  • yogurt intero;
  • formaggi;
  • fiocchi di latte;
  • panna;
  • uova;
  • pesci grassi ricchi di acidi grassi Omega 3 e vitamina D, come sardine, sgombro, salmone;
  • frutti di mare;
  • carne da animali allevati all’aperto;
  • frutta di stagione, come mele, bacche e uva nera, frutti che contengono la quercetina, una sostanza che aiuta il cervello a preservare la dopamina;
  • frutti in guscio, come noci, mandorle, pecan e nocciole, toccasana per i neuroni;
  • ortaggi;
  • cibi piccanti, come il peperoncino, che favoriscono la produzione di endorfine, sostanze antidolorifiche legate al benessere e all’appagamento;
  • cioccolato;
  • tè verde;
  • vaniglia;
  • alga spirulina;
  • lavanda;
  • semi di sesamo.

Gli alimenti vietati nella dieta della dopamina

Come in tutte le diete, non mancano i cibi no. E ancora una volta (ma che sorpresa!), sul banco degli imputati troviamo i carboidrati.

La dieta della dopamina seguita da Kerridge è iperproteica e vieta pasta, riso e cereali in chicco. Questo perché il consumo eccessivo di carboidrati stimola la produzione di insulina, che trasforma gli zuccheri presenti nel sangue in grasso.

Un altro motivo per cui lo chef li esclude dalla dieta è che danno una felicità temporanea. Mangiare zuccheri semplici e complessi soddisfa per poco tempo, successivamente ci viene di nuovo fame. Inoltre questi continui picchi, un saliscendi di euforia e nervosismo, rovinano l’umore e la buona riuscita della dieta.

Lo chef ha bandito dalla sua tavola anche gli alcolici, bevande dannose per la salute e per la linea, che aggiungono calorie vuote alla nostra alimentazione. Anche se all’inizio sarà difficile resistere alla tentazione di bere un cocktail con gli amici, rinunciare all’alcol ha tanti vantaggi. Oltre a far dimagrire, eviterà i postumi della sbornia e permetterà di godere della compagnia degli altri, rimanendo lucidi e in forma per tutta la serata.

Rischi e controindicazioni

La dottoressa Diana Scatozza, specialista in scienza dell’alimentazione, sulle pagine del settimanale Starbene avverte che, come tutte le diete iperproteiche, anche questo regime non è privo di rischi per la salute.

Esagerare con le proteine costringe infatti il nostro organismo a fare molta fatica per smaltire le scorie azotate in eccesso. Questa dieta è perciò sconsigliata a chi si soffre di problemi ai reni o al fegato.

Per non rischiare di accumulare tossine, l’esperta consiglia di abbinare ai cibi della felicità anche i cereali integrali e i legumi. Questi alimenti fanno fare il pieno di fibre, che riducono l’assorbimento di zuccheri e grassi, e di triptofano, una sostanza che favorisce la produzione della serotonina, l’ormone della felicità.

Infine, una raccomandazione. Prima di sottoporsi a qualsiasi dieta, vista in tv o letta sui libri, bisogna chiedere sempre consiglio al proprio medico curante per escludere controindicazioni. È consigliabile controllare i valori della glicemia, del colesterolo e lo stato di salute degli organi.

E voi, lettori di M’informo Salute: cosa ne pensate della dieta della dopamina? Se si va, fateci sapere le vostre opinioni nei commenti!

Volete dimagrire in sicurezza? Leggete il nostro articolo sui 20 migliori consigli degli esperti per perdere peso.

 

Potrebbe interessarti anche:

acqua gassata salute

Acqua gassata e salute: facciamo il punto su rischi, benefici e falsi miti

L'acqua gassata fa male? Ed è vero che fa ingrassare o fa venire i calcoli? Ecco la verità sui rischi dell'acqua frizzante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.